Vinokourov e Kolobnev assolti

Vinokourov e Kolobnev assolti

05/11/2019
Whatsapp
05/11/2019

Secondo il sito belga Sporza, Alexandre Vinokourov e Alexander Kolobnev sono stati infine assolti per mancanza di prove dal tribunale belga che li ha processati nel merito del caso della Liegi-Bastogne-Liegi 2010, che secondo l’accusa sarebbe stata “venduta” da Kolobnev a Vinokourov per 150.000eu. Soldi che erano transitati da conto estero su estero da Vinokourov a Kolobnev. Il caso era nato dopo che l’account mail di Vinokourov era stato violato ed erano state fornite le mail (in russo) in cui si parlava di questo bonifico ad un quotidiano svizzero di lingua francese che le ha pubblicate.

(Photo by Bryn Lennon/Getty Images)

15
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
12 Comment threads
1 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
9 Comment authors
BbradipusVsamuelgolGamba_tri Recent comment authors
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
gasht
Member
gasht

non entro nel merito giuridico dell’affaire. del resto giuridicamente sono stati assolti e ci sarebbe poco da aggiungere: dando per scontato che gente sul forum ne sappia meno di avvocati a 5 zeri di parcella. nel merito extragiuridico dico la mia. alla fine meglio così. voglio dire se hai il primo e il secondo della più difficile classica per scalatori del mondo che si mettono d’accordo che ci puoi fare? sono casi limite. virenque ullrich ai miei tempi (prima del personale rincoglionimento) fu, alla fine, la stessa cosa. due tra i primi tre migliori ciclisti del mondo si mettono d’accordo… Read more »

Bertoglio
Member
Bertoglio
…è assurdo pensare ad una combine…ovviamento tutto è possibile…ma su una classica la vedo improbabile…
gasht
Member
gasht
Ma anche no. Il ciclismo per sua natura è sempre stato legato a questi casi.
Piuttosto può essere un caso limite quello del bonifico sfacciato, ma la storia è strapiena di episodi (quelli conosciuti!) di "favori", alleanze, etc.. che sono ovviamente impossibili da evitare.

certo.

ricordavo il caso ullrich virenque perché, mi pare, fosse il primo che ho conosciuto direttamente.

pedalone della bassa
Member
pedalone della bassa

Ser pecora ha scritto: È assurdo pensare che non ne abbiano almeno parlato….vogliamo citare le parole del caro vecchio Re Leone sul suo campionato del mondo vinto? "Questi accordi sono sempre esistiti. Ai Mondiali di Zolder, quando ho vinto, abbiamo parlato di soldi con una squadra che non aveva più niente da chiedere alla corsa e gli abbiamo dato un buon motivo per esserci". E la sua opinione sulle Olimpiadi del 2016? "Se ha vinto Van Avermaet è perché Nibali non ha saputo gestire la corsa quando si è trovato con Majka e Henao. Sarebbe bastato offrire un po’ di… Read more »

Gamba_tri
Member
Gamba_tri
Vegelius nel suo libro parla apertamente dei soldi ricevuti dalla nazionale italiana per far loro da gregario, cosa che gli costó la squalifica a vita dalla nazionale.
Andrea Sicilia
Editor

Ser pecora ha scritto: È assurdo pensare che non ne abbiano almeno parlato….vogliamo citare le parole del caro vecchio Re Leone sul suo campionato del mondo vinto? "Questi accordi sono sempre esistiti. Ai Mondiali di Zolder, quando ho vinto, abbiamo parlato di soldi con una squadra che non aveva più niente da chiedere alla corsa e gli abbiamo dato un buon motivo per esserci". E la sua opinione sulle Olimpiadi del 2016? "Se ha vinto Van Avermaet è perché Nibali non ha saputo gestire la corsa quando si è trovato con Majka e Henao. Sarebbe bastato offrire un po’ di… Read more »

V
Member
Valerio_S

samuelgol ha scritto: Non capisco perché secondo Cipo ad un gregario non dovevano interessare le olimpiadi. Magari a un campione interessano meno x inferiore prestigio ciclistico della corsa e non bisogno economico. Ma x un gregario, i soldi garantiti dall’oro e la vittoria in sè dovrebbero contare più che x un campione. O no? Clicca per allargare… Concordo con te. E aggiungo anche che al buon vecchio Re Leone ogni tanto piace chiacchierare un po’ sopra le righe, come si dice in Toscana ogni tanto gli va fatta la tara. Ad esempio mi ha fatto sorridere la sua recente dichiarazione… Read more »

Andrea Sicilia
Editor

Ser pecora ha scritto: Puoi andare chiederglielo, è un tipo posato che ti risponderebbe volentieri, se non ti spara ……….. Clicca per allargare… Ci andrò preparato alla sua accoglienza festosa. Ser pecora ha scritto: ………… Faccio un esempio lontano nel tempo per far capire perché una "seconda fila" potrebbe vendersi una corsa importante: Ai campionati del mondo del ’53 Coppi fu accusato da più parti di aver comprato la vittoria a Derijcke, che poi arrivò 2°. Derijcke avrebbe poi vinto 4 classiche monumento, ma all’epoca contava "solo" una Roubaix. Dopo il mondiale però Derijcke fu "messo in cartellone" a numerose… Read more »

bradipus
Member
bradipus

samuelgol ha scritto: Ci andrò preparato alla sua accoglienza festosa. Sicuramente lo scenario che ipotizzi è verosimile e altre mille volte sarà successo. Ci sarebbe però da chiedersi se i vantaggi nel regalare una corsa importante a qualcuno, siano sempre e comunque superiori ai vantaggi immediati ma soprattutto futuri, nel vincerla. Nel caso dell’Olimpiade fra l’altro, il mio dubbio, o quantomeno l’incomprensione sul come Cipo la faccia così facile, sta nel fatto che l’Olimpiade poteva essere l’occasione della vita per il gregario, economica e sportiva, molto meno di quanto non lo fosse per Nibali la cui bacheca (cit.) era già… Read more »

Gamba_tri
Member
Gamba_tri
Non so adesso, ma una volta c’era un atteggiamento molto "mafioso" in gruppo; se un gregario vinceva una corsa che gli sceriffi del gruppo ritenevano non gli spettasse aveva la carriera rovinata. Non andava in fuga neanche per sbaglio e faticava a trovare squadra. Wolwoviack era "odiato" in Francia perché "usurpatore" di un Tour. Anche qualche campione del mondo "per sbaglio" è poi durato poco tra i pro.
jan80
Member
jan80
Non so adesso, ma una volta c’era un atteggiamento molto "mafioso" in gruppo; se un gregario vinceva una corsa che gli sceriffi del gruppo ritenevano non gli spettasse aveva la carriera rovinata. Non andava in fuga neanche per sbaglio e faticava a trovare squadra. Wolwoviack era "odiato" in Francia perché "usurpatore" di un Tour. Anche qualche campione del mondo "per sbaglio" è poi durato poco tra i pro.

infatti e’ molto meglio il ciclismo di oggi rispetto quello anni 70-80