Vinokourov e Kolobnev assolti

Vinokourov e Kolobnev assolti

Piergiorgio Sbrissa, 05/11/2019

Secondo il sito belga Sporza, Alexandre Vinokourov e Alexander Kolobnev sono stati infine assolti per mancanza di prove dal tribunale belga che li ha processati nel merito del caso della Liegi-Bastogne-Liegi 2010, che secondo l’accusa sarebbe stata “venduta” da Kolobnev a Vinokourov per 150.000eu. Soldi che erano transitati da conto estero su estero da Vinokourov a Kolobnev. Il caso era nato dopo che l’account mail di Vinokourov era stato violato ed erano state fornite le mail (in russo) in cui si parlava di questo bonifico ad un quotidiano svizzero di lingua francese che le ha pubblicate.

(Photo by Bryn Lennon/Getty Images)

Commenti

  1. Ser pecora:

    È assurdo pensare che non ne abbiano almeno parlato....vogliamo citare le parole del caro vecchio Re Leone sul suo campionato del mondo vinto?

    "Questi accordi sono sempre esistiti. Ai Mondiali di Zolder, quando ho vinto, abbiamo parlato di soldi con una squadra che non aveva più niente da chiedere alla corsa e gli abbiamo dato un buon motivo per esserci".

    E la sua opinione sulle Olimpiadi del 2016?

    "Se ha vinto Van Avermaet è perché Nibali non ha saputo gestire la corsa quando si è trovato con Majka e Henao. Sarebbe bastato offrire un po' di soldi a Henao per occuparsi di Majka e l’affare sarebbe stato fatto. Henao è solo un gregario, per lui non avrebbe cambiato nulla vincere le Olimpiadi"
    sul fatto che non cambia nulla vincere un Olimpiade.....non sono d'accordo con Cipollini
    diverso è il discorso riferito ad una classica (anche monumento che sia)

    concordo con il fatto che ci siano sempre state, e sempre ci saranno, queste cose
    a me fa sorridere, come sul podio, Kolobnev fosse così felice :mrgreen: :-x bella cumpa
  2. Non ricordo chi (forse sempre lui?) disse lo stesso di Boonen e Hayman. Però il fatto che negli ultimi anni certi discorsi vengano fuori sempre di più al condizionale mi fa pensare che forse le cose sono un po' cambiate. Forse oggi le vittorie contano di più anche in termini monetari rispetto a prima (non dico ai tempi di Coppi ma anche solo una decina di anni fa).