Massiccia operazione antidoping alla Volta a Portugal. 41 corridori sono stati controllati tramite passaporto  biologico e campioni di urine dopo la 3^ tappa, Serta – Oliveira do Hospital e la 4^ tappa da Guarda a Penhas da Saude. I corridori fanno parte di 6 squadre, tutte portoghesi: RO-Boavista, Sporting-Tavira, W52-FC Porto, Aviveludo-Louletano, Efapel and Vito-Feirense-BlackJack.

Questa operazione è stata pianificata da tempo dalle autorità antidoping portoghesi e spagnole in base alla raccolta di informazioni preventive, quelle che ora vanno sotto il nome di “Intelligence” ed effettuata dal ADoP (Autoridade Antidopagem de Portugal).

L’operazione viene definita “inedita” sia per l’ampiezza della stessa, sia perché normalmente questo tipo di controlli vengono effettuati prima della gara o nei giorni di riposo.

Vedremo se ora questi controlli mirati porteranno a risultati di positività, come ad esempio nel caso dei 12 positivi alla scorsa Vuelta Ciclista Internacional Costa Rica.