Corse RCS a rischio per il virus

Corse RCS a rischio per il virus

25/02/2020
Whatsapp
25/02/2020

Mauro Vegni, organizzatore degli eventi RCS-Gazzetta dello Sport, dopo un recente comunicato stampa in cui fa sapere che la sua organizzazione sta monitorando la situazione dovuta al coronavirus riguardo le corse di primavera (Milano-Sanremo, Strade Bianche e Tirreno-Adriatico) e a margine del UAE-Tour ha aggiunto:

Continuiamo a sperare che le corse si svolgano e continuiamo a lavorare in questo senso. Se si dovrà annullarle la decisione non verrà da parte nostra, ma da parte dello stato, del ministero dello sport, della salute e del CONI. Per ora, lo ripeto, continuo a lavorare come gli altri anni e non vedo chi potrebbe impedirne lo svolgimento visto che si svolgono all’aperto, a differenza del calcio che si gioca negli stadi. Poi, chiaro, se ci chiederanno di annullarle per un principio di precauzione lo faremo…“.

Vegni si è detto molto preoccupato per la diffusione dell’epidemia ed ha ammesso di non avere “alcun piano B per la Milano-Sanremo”: “Se il governo conferma il blocco dello sport in Lombardia  dovremo annullarla, perché spostare la partenza di 20 o 50km non avrebbe senso. Sono cento dieci anni che la prova resta fedele alla sua tradizione”

La Milano-Sanremo è stata annullata nella sua storia solo tre volte, per causa ovvia, nel 1916, 1944 e 1945.

Anche il Giro d’Italia è a rischio: “anche lui è a rischio annullamento se il picco non sarà passato“.

Ovviamente la situazione è totalmente incerta e si vedrà nei prossimi giorni e settimane come evolverà. Gli stessi problemi potrebbero facilmente estendersi ad altri paesi. Al momento questo, per l’importanza che ha, potrebbe ad ogni modo sconvolgere i calendari dei corridori e delle squadre, che con 28 corridori nel roster potrebbero trovarsi a doverne mettere molti “in panchina” forzata.

Commenti

  1. Big_63:

    per ca 85% dei casi può essere "banalizzando" comparato ad un influenza e se la cava bene, il problema e che l'altro 15% sviluppa gravi polmoniti, che necessitano del ricovero e le strutture ospedaliere se si estende senza controllo, non sono in grado di reggere l'impatto.
    Giusto, e non solo: è un virus nuovo di cui gli umani non hanno ancora l'anticorpo, salvo i primi guariti, e la medicina non ha ancora il vaccino. Dell'influenza siamo in grado di mettere a punto il vaccino mesi prima, nonostante le variazioni dei ceppi, di questa no.
    Infine le complicazioni letali si aggirano attorno all'1% dei contagi, con l'influenza i decessi per complicazioni in persone con altre patologie concomitanti è inferiore allo 0,1%.
    Quindi ben vengano prudenza e cautele, rinunciare a gare e feste...è un prezzo ridicolo per evitare tragedie.
  2. Bert51:

    Giusto, e non solo: è un virus nuovo di cui gli umani non hanno ancora l'anticorpo, salvo i primi guariti, e la medicina non ha ancora il vaccino. Dell'influenza siamo in grado di mettere a punto il vaccino mesi prima, nonostante le variazioni dei ceppi, di questa no.
    Infine le complicazioni letali si aggirano attorno all'1% dei contagi, con l'influenza i decessi per complicazioni in persone con altre patologie concomitanti è inferiore allo 0,1%.
    Quindi ben vengano prudenza e cautele, rinunciare a gare e feste...è un prezzo ridicolo per evitare tragedie.
    Tutto giusto e sacrosanto tranne le percentuali di mortalità che sono inferiori all'1% per la normale influenza e quasi.al 3.7% per il Coronavirus
  3. Infatti, ecco dati precisi (ISS), con grandi differenze per fasce d'età, v. sotto.
    Per altre nazioni NON ci sono gli stessi parametri di calcolo, in pratica il denominatore (casi di contagio) include in certi casi molti asintomatici (dove si sono eseguiti molti tamponi) in altri pochi o nulla, contando solo i casi conclamati.
    In Italia, a oggi:
    View attachment