Davide Rebellin ancora professionista alla soglia dei 50 anni

Davide Rebellin ancora professionista alla soglia dei 50 anni

14/12/2020
Whatsapp
14/12/2020

Davide Rebellin compirà 50 anni il 9 agosto prossimo, e lo farà presumibilmente ancora da ciclista professionista. Rebellin infatti ha firmato un contratto per il 2021 con la Cambodia Cycling Academy, squadra continental a licenza cambogiana, ma creata dal francese Samy Aurignac, corridore nella stessa squadra, la quale ha sede ad Alés, in Francia. Per la Cambodia l’anno prossimo correrà anche Johan Le Bon, ex B&B Hôtels-Vital Concept.

foto: Facebook

Rebellin militerà quindi per la 14^ squadra diversa in ben 28 anni di carriera professionistica, iniziata nel 1992 alla GB-MG Maglificio. Carriera nella quale Rebellin ha vinto 61 corse, tra cui spiccano la Liège-Bastogne-Liège (2004), la Paris-Nice (2008), tre Flèche Wallonne (2004, 2007, 2008), l’Amstel Gold Race (2004) o la Clasica de S.Seastian (1997).

Liegi 2004 (Photo by Mark Renders/Getty Images)

L’ultima vittoria nel 2017, la 5^ tappa del Tour dell’Iran a 46 anni. Ma ancora nel 2015 ha vinto la Coppa Agostoni a 44 anni davanti Vincenzo Nibali, Niccolò Bonifazio e Giacomo Nizzolo.

Commenti

  1. jan80:

    infatti lo vedevo sempre in giro in bici nel bassanese....
    Insieme a Moletta che non a caso poi è stato preso dalla gerolstainer anche lui.
  2. Zac36100:

    chissà che quel pazzo di Lello Ferrara faccia una diretta così lo mette un pò sotto torchio
    ieri sera con Riccò ne hanno dette di tutti i colori
    ma poi c'e' modo di rivedere le dirette?
  3. Shinkansen:

    Perché il limite fra il patetico e il romantico spesso è molto sottile.
    Premesso che sono scelte sue e le rispetto, "patetico" per me è uno che "non riesce a smettere" e si trascina malamente a fondo gruppo senza o con poca voglia, o che fa solo "l'uomo immagine".
    Non mi pare il caso di Rebellin, che non solo si impegna e si dedica più degli altri (perché a 50 anni fai più fatica di un 20enne), ma riesce anche a correre più che dignitosamente.
    Per me la dedizione nel tempo vale più che un risultato una tantum come esempio "di rispetto per se e per la propria carriera".
 

POTRESTI ESSERTI PERSO