Liegi 2004 (Photo by Mark Renders/Getty Images)

Davide Rebellin ancora professionista alla soglia dei 50 anni

73

Davide Rebellin compirà 50 anni il 9 agosto prossimo, e lo farà presumibilmente ancora da ciclista professionista. Rebellin infatti ha firmato un contratto per il 2021 con la Cambodia Cycling Academy, squadra continental a licenza cambogiana, ma creata dal francese Samy Aurignac, corridore nella stessa squadra, la quale ha sede ad Alés, in Francia. Per la Cambodia l’anno prossimo correrà anche Johan Le Bon, ex B&B Hôtels-Vital Concept.

foto: Facebook

Rebellin militerà quindi per la 14^ squadra diversa in ben 28 anni di carriera professionistica, iniziata nel 1992 alla GB-MG Maglificio. Carriera nella quale Rebellin ha vinto 61 corse, tra cui spiccano la Liège-Bastogne-Liège (2004), la Paris-Nice (2008), tre Flèche Wallonne (2004, 2007, 2008), l’Amstel Gold Race (2004) o la Clasica de S.Seastian (1997).

Liegi 2004 (Photo by Mark Renders/Getty Images)

L’ultima vittoria nel 2017, la 5^ tappa del Tour dell’Iran a 46 anni. Ma ancora nel 2015 ha vinto la Coppa Agostoni a 44 anni davanti Vincenzo Nibali, Niccolò Bonifazio e Giacomo Nizzolo.

Commenti

  1. ha un anno meno di me!
    Pensate quante generazioni di corridori ha affrontato nel corso della sua carriera, passa professionista con Indurain dominatore un era geologica fa!
  2. Sempre meglio che mettersi a fare le gran fondo....:mrgreen:
    Comunque mi fanno un po' tristezza quei professionisti (soprattutto coloro che sono stati dei grandi...Vale Rossi?!?)che non sanno staccare quando l'anagrafe si fa impietosa e si trovano a gareggiare con ragazzi che potrebbero essere loro figli. La vita dello sportivo. si sa, non e' lunga quanto una vita professionale e quando arriva il momento bisogna saper smettere lasciando un buon ricordo (vedi Paolo Rossi o Platini e non sono Juventino). Trascinarsi e non voler smettere (a volte perche' fuori dal loro ambiente si rendono conto di essere spiazzati o peggio ancora nullita' e non lo accettano...) dimostra limiti di istruzione e mentale. Certo se riescono a dimostrare di essere ancora all'altezza fanno bene, per carita', ma nella maggior parte dei casi fanno appunto solo tristezza e non se ne accorgono...
  3. alespg:

    tra l'altro, correrà in Asia, la squadra è Cambogiana ma di nazionalità Francese...sai quanti si ricordano all'estero del buon Davide...
    Secondo me si sono portati in casa uno che può dire la sua in quelle gare là a prezzo di saldo e sono tutti contenti così.
    Se ne parla in Italia e magari a loro interessa questo per promuovere il turismo italiano in Cambogia.
Articolo precedente

Il ciclismo che cerca nuovi corridori da altri sport

Articolo successivo

Canyon ha scelto GBL come nuovo Partner

Gli ultimi articoli in Magazine