La bici del quartetto d’oro

42

Pinarello ha condiviso alcuni dettagli dello sviluppo della bici e componenti utilizzati dal quartetto italiano di inseguimento su pista che ha vinto l’oro alle Olimpiadi di Tokyo.

Il modello è il noto Bolide, sviluppato in collaborazione con Jaguar già ai tempi in cui Sir Bradley Wiggins correva per il Team Sky. Poi la piattaforma è stata affinata nel tempo, in particolare grazie alla collaborazione con la nazionale italiana, il Team Sky/Ineos e Filippo Ganna, attuale campione del mondo a cronometro.

La versione utilizzata dalla nazionale italiana su pista è quella denominata HR, e, proprio per l’utilizzo su pista priva di impianti frenanti e sviluppata quindi senza alcuni vincoli come la versione stradale, ad esempio il dover essere compatibile con differenti tipologie di ruote e trasmissioni.

 

 

Il telaio è stato quindi ottimizzato aerodinamicamente non solo per offrire la massima penetrazione dell’aria, ma anche tenendo conto dell’ambiente unico in cui la versione pista viene utilizzata, ovvero velodromi coperti. Le tubazioni del telaio sono ottimizzate tenendo conto della lunghezza della pista (250mt) e dell’inclinazione delle curve (42°) per offrire il miglior coefficiente aerodinamico in queste condizioni.

Ovviamente il telaio è anche realizzato per avere la rigidità ottimale rispetto le necessità dei corridori. Il peso di telaio+forcella è di 1,9kg, per un peso complessivo della bicicletta di 7,1kg.

Negli ultimi 2 anni grande importanza è stata data alla progettazione e realizzazione dei manubri utilizzati dai corridori.

Questi sono stati realizzati personalizzandoli sulle caratteristiche morfologiche di ogni atleta, e collaborando con lo staff della nazionale per ottimizzare la posizione in sella di ogni atleta per poi disegnare il manubrio migliore per ognuno. Per fare questo gli atleti e le attrezzature sono state testate in galleria del vento.


I manubri sono realizzati in titanio sinterizzato 3D, con spessori variabili per renderli rigidi nei punti più sollecitati senza aumentarne troppo il peso.

 

Commenti

  1. bianco70:

    https://www.selltek.it/le-novita-del-settore-aerospaziale-e-la-stampa-3d/

    Si fanno già parti del motore, delle turbine ecc.
    Direi che il discorso resistenza è ampiamente superato
    Le palette di una turbina di un motore a reazione sono un altro pianeta rispetto ad esempio all’attacco del motore all’ala.
    Le palette devono resistere a temperature di 2000 C con forse centrifughe notevoli, sono forate per poter essere raffreddate, quindi vengono stampate perché così si riescono ad ottimizzare le forme esterne ed interne, cosa impossibile da realizzare altrimenti (se non giuntando diversi pezzi).
    Dopo la stampa vengono rettificate, radiografate, fatti diversi cicli termici per togliere le tensioni residue della stampa.

    L’attacco del motore, che non è sottoposto a temperature elevate (se non in caso di incendio) e DEVE tener attaccato il motore all’ala, quindi è un componente strutturale estremamente importante, come gli attacchi delle ali alla fusoliera, sono ancora realizzati di macchina.
    I provini “stampati” non garantiscono una dispersione delle proprietà meccaniche tali da poterne permettere l’uso strutturale in componenti vitali.
  2. alespg:

    confermo, in Romania ci sono dipendenti Campagnolo, non una produzione esternalizzata, in ogni caso, per la bassa gamma . Le parti esternalizzate sono alcuni componenti, tra quelli che mi sono passati tra le mani posso dire: dischi freno (Taiwan), distanziali asse mozzo (Taiwan), una leva Idraulica Potenza (Germania). Avevo visto in un pezzo di documentario la produzione delle ruote lenticolari, ovviamente a Vicenza, una ruota al giorno, fatto tutto dallo stesso ''maestro'' !

    [MEDIA=youtube]3HXT0WyIL58[/MEDIA]

    La trasmissione invece è fornita da Miche, anche questa made in Italy.
    video molto bello, me lo sono sciroppato tutto
  3. Scaldamozzi ogni tanto:

    Sì, ma i produttori di stampe 3D e le riviste tipo Focus dovranno pur raccontare qualche cosa, no?
    Per carità...!! :bua: La carta stampata.. trattano argomento AM come oroscopo delle ferie e dieta della mela...
    Ecco poi che ti chiama Idraulico per chiederti preventivo di una macchina per stampare i piatti doccia...:==
    Senza contare i danni fatti dal pagliaccio assassino quando andava in giro a fare i i suoi show e parlava di AM.. ma questo forse è altro argomento..

    Per fortuna ultimi tempi ne stiamo uscendo dall'area del misticismo/esoterismo che si era circondata questa tecnologia
Articolo precedente

Tokyo 2020: Italia oro e record nell’inseguimento squadre

Articolo successivo

Ciclomercato: Joāo Almeida alla UAE-Emirates

Gli ultimi articoli in Magazine