La giornata d’inferno della Vuelta

La giornata d’inferno della Vuelta

03/09/2019
03/09/2019

Dopo l’arrivo a Cortals d’Encamp, ad Andorra, al termine di una tappa segnata da grandine, freddo e cadute, i corridori alla Vuelta hanno dovuto sopportare anche la tortura dell’attesa della funivia per tornare a valle, bagnati ed infreddoliti

Ma quello che i corridori non sapevano è che sarebbe stato solo l’inizio della parte più infernale della giornata: già li aspettava un trasferimento in autobus di 290km sino a Pau, in Francia, ma si è pure verificato un incidente automobilistico al confine tra Andorra e Spagna che ha bloccato il traffico sulle strade di montagna per ore.

Tra i più fortunati i corridori della Deceuninck, che a mezzanotte sono quasi arrivati in albergo, ma senza aver ancora cenato, come si è lamentato Zdenek Stybar:

Casper Pedersen della Sunweb, sconsolato, racconta di come le 4h di trasferimento su strada si siano trasformate in una “notte cinema” , in cui però, al posto di Netflix, si sono dovuti sorbire la cronaca della tappa appena corsa….

I più disperati però erano senza dubbio i corridori dell’Astana, bloccati per ore dall’incidente: Jakob Fuglsang alle 5 del mattino condivideva il dramma dall’autobus

Per fortuna oggi è giorno di riposo alla Vuelta, quindi i corridori possono recuperare, ma va detto che da regolamento UCI non sono ammessi trasferimenti nel giorno di riposo, quindi per chi era ancora sulla strada dopo mezzanotte c’è la “soddisfazione” di sapere che ai dis-organizzatori verrà comminata una sanzione.

Da ultimi, la palma della beffa va ai corridori della Jumbo-Visma, la cui squadra aveva prenotato un volo in elicottero per accorciare i tempi del trasferimento e permettere a Roglic e gregari di riposare il più possibile in vista della cruciale cronometro di domani, ma a metà volo hanno dovuto fare marcia indietro a causa della nebbia che impediva di scendere di quota tra le montagne….

8
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
8 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
7 Comment authors
BSGMP Recent comment authors
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
R
Member

Per forza! il percorso è veramente stato disegnato ad fallum da qualche genio…

F
Member
fagottovolante

nel 2009 una tappa arrivò sul pico del veleta a 3300 mt slm (ci sono stato l’anno scorso), solo andata e discesa in funivia, quell’anno gli andò bene, purtroppo quest’anno sono stati sfortunati.

P
Member
pierluigi

Mi pare che si stia un po esagerando. Il rispetto per i corridori e per tutti gli addetti ai lavori è stato completamente dimenticato.

M
Member
mauretto

Eh, son drammi…
Addirittura senza Netflix, poveracci

G
Member

ci sarebbe stata bene qualche sanzione dell'antidoping per mancata reperibilità dei corridori per fare l'en plein. poi nel calcio leggi ogni due per tre di polemiche perchè a chi ha giocato al mercoledì le coppe non viene concesso di giocare la domenica alle 2045 ma alle 18.

G
Member
Ser pecora

Pensa se non ci fosse il calcio…il superomismo ciclistico di cosa vivrebbe? :sborone:

eeeeh non c è problema c è sempre il tennis(stesse polemiche del:eh ma il.mio avversario l altroieri ha giocato 2 ore prima è più freshhhhco!)

B
Member
bianco222

Questa cosa dell’elicottero non torna tanto.
Alla fine di un grande giro il numero complessivo delle stelle degli hotel deve essere uguale per ogni squadra in modo da non avvantaggiare nessuno. Però è consentito ad una squadra (ovviamente le più ricche) di accorciare gli spostamenti con l’elicottero…