La situazione dei pro in Italia, vista da Sacha Modolo

La situazione dei pro in Italia, vista da Sacha Modolo

20/03/2020
Whatsapp
20/03/2020

Sacha Modolo (Fenix-Alpecin) ha condiviso sulla sua pagina Facebook un pensiero riguardo la attuale situazione dei professionisti in Italia:

 

Allenarsi o non allenarsi.
Per ora a noi professionisti è consentito. Usiamo il buon senso e rimaniamo a casa comunque o ci alleniamo da soli, in strade secondarie?
In questi giorni sono combattuto. Mi sono allenato solo negli ultimi 3 giorni e non ho fatto chissà che. La sensazione è quella di fare una cosa perchè devi farla ma sai che sotto sotto è sbagliata.
Da un lato la mia voglia è quella di rimanere a casa sperando che questo maledetto virus passi il prima possibile, dall’altro lato il mio lavoro è il ciclismo (è un lavoro previligiato ma è un lavoro) e per ora ci è concesso farlo.
Sono sincero, se avessi il contratto sicuro anche per il 2021 me ne starei beatamente a letto tutto il giorno, ma purtroppo non è così. Potrei stare fermo fino ad aprile, non cambierebbe nulla è vero, ma se poi prolungano la quarantena per tutta aprile?
Quando le corse riprenderanno dovró essere pronto. È vero forse riprenderanno a giugno, ma non posso star fermo 2 mesi pensando di avere una buona forma a giugno, anche perchè gli stranieri per il momento continuano liberamente ad allenarsi, quindi si ripartirebbe svantaggiati. Se poi vado piano o non rispetto le aspettative della squadra cosa dico? “Non mi sono allenato per dare il buon esempio?”, alle squadre per certo non interessa. Chi me lo da uno stipendio nel 2021 poi?
BISOGNA FERMARSI MA BISOGNA FARLO TUTTI, E PER TUTTI INTENDO TUTTI I CICLISTI DEL MONDO, PER PRIMA COSA PER LA SICUREZZA GLOBALE, IL VIRUS NON È SOLO IN ITALIA, PER SECONDA COSA SI EVITEREBBE, QUANDO RIPRENDONO LE GARE, GARE FALSATE, CON CORRIDORI CHE SONO RIUSCITI AD ALLENARSI CONTRO CHI MAGARI HA FATTO SOLO RULLI PER MESI.
Questo ragionamento non lo faccio io, ma la maggior parte dei professionisti, per quello ci trovate ancora per strada ad allenarci. Non lo facciamo per divertimento ma perchè il ciclismo moderno è spietato e rimanere disoccupati ci vuole veramente poco.
Ma se poi mi ammalo? Magari sto a letto una settimana e passa o magari finisco in ospedale. I miei cari che sono vicino a me poi?
Sinceramente di ammalarmi non ho veramente voglia, e soprattutto la mia paura è quella di contagiare mia moglie e/o mia figlia. Se mi succede qualcosa a me o ai miei cari chi mi da una mano?
L’UCI?
La FCI?
La mia squadra?
Nessuno di loro.
Sta a te ciclista scegliere.
La FCI potrà consigliare di stare a casa, scelta che appoggio, peró torniamo al discorso di prima, che gli stranieri magari continuano ad allenarsi e te sei costretto a casa sapendo per certo che al riprendere delle gare saranno bestemmie. In questo caso almeno avró il cuore in pace non potendo fare diversamente e consapevole che è la cosa giusta. Ma questo è un altro discorso.

Finchè non ci sarà un decreto chiaro che vieti a chiunque (professionisti e non) di fare attività sportiva la situazione è questa.

Quindi: Rischiare di ammalarsi per cercare di avere un contratto nel 2021 o essere sicuri a casa ma con la possibilità di rimanere senza lavoro?

Voi come la pensate? Che fareste al nostro posto?

Uno scorcio di quella che è situazione attuale nel ciclismo professionistico lato corridori.

Commenti

  1. E' il problema di milioni di lavoratori che non sanno se alla ripresa troveranno ancora il loro lavoro.
    Forse, dico forse, i ciclisti professionisti dovrebbero anteporre la loro salute "adesso" piuttosto che farsi dei problemi per il "dopo".
    Perchè il virus è "adesso".
  2. Scaldamozzi ogni tanto:

    Un lavoratore autonomo non credo abbia concorrenza internazionale, mentre come per gli imprenditori non penso che ci sia qualcuno che non rispetti le direttive del governo.
    Quindi o tutti aperti o tutti chiusi.
    Tralasciando il fatto che, chi più chi meno, ormai un po’ di concorrenza internazionale ce l’abbiamo tutti, la mia analogia col pro era questa: lo stato ci dice che possiamo lavorare, la coscenza che è meglio stare a casa. Se seguiamo la coscenza, quelli che seguono lo stato, che siano altri imprenditori, lavoratori autonomi o pro italiani ne trarranno vantaggio. Chiaramente non sto parlando di chi fornisce servizi necessari, o di chi è stato costretto a chiudere, ma di quell’enorme area grigia che sta nel mezzo. Pensa al metalmeccanico: Fiat ha liberamente scelto di chiudere i suoi stabilimenti, Piaggio resta aperta. Con la scelta di Piaggio si rischia un nuovo focolaio nel Pontederese, con quella di Fiat tanta disoccupazione, chi ha fatto bene? Io non ne ho idea.