La notizia era nota da tempo, ma ormai manca solo l’ufficialità del passaggio di Vincenzo Nibali dalla Bahrain-Merida alla Trek, ma la la conferma semi-ufficiale è arrivata da Massimo Zanetti, proprietario della Segafredo.

Meno nell’aria era il passaggio di Nairo Quintana dalla Movistar alla Arkea-Samsic. Il quotidiano spagnolo El Pais lo da per certo, indicando anche la cifra di 2,5 milioni annui di ingaggio della formazione francese per avere lo scalatore colombiano.

Richard Carapaz è un altro corridore che dovrebbe lasciare la corte di Unzué per passare nelle file del Team Ineos. Un passaggio che per l’ecuadoriano vorrebbe dire decuplicare l’ingaggio, passando dai 150.000eu annui attuali a 1,5 milioni garantiti dal team britannico. L’agente di Carapaz è l’italiano Acquadro, che già cura gli interessi di Egan Bernal e Ivan Sosa, tra gli altri, al Team Ineos, che si sa attrezzando per il futuro con giovani di valore assoluto in vista del ricambio generazionale inevitabile vista l’età di Froome e Thomas.

Mikel Landa è sul piede di partenza dalla Movistar per trovare la sua quarta squadra in cinque anni. Vedremo dove, ma alcuni rumors danno per certo che non sarà la Arkea-Samsic, visto che Quintana avrebbe messo il veto sul suo gregario preferito come condizione per passare alla formazione francese.

Infine la notizia che vorrebbe Marcel Kittel tornare in sella per la Jumbo-Visma sotto la direzione di Merijn Zeeman, con cui ha ottenuto grandi risultati alla Argos-Shimano.