Petacchi sospeso due anni

Petacchi sospeso due anni

24/08/2019
Whatsapp
24/08/2019

Alessandro Petacchi, sulla base delle informazioni date dalle autorità austriache in seno all’operazione Aderlass, è stato sospeso per 2 anni dall’UCI.

BELFAST, NORTHERN IRELAND – MAY 09: Alessandro Petacchi of Italy and Omega Pharma-QuickStepleads his team during the first stage of the 2014 Giro d’Italia, a 21km Team Time Trial stage at the Stormont Estate on May 9, 2014 in Belfast, Northern Ireland. (Photo by Bryn Lennon – Velo/Getty Images)

Gli anni presi in considerazione sono il 2012/2013 e riguardano pratiche/metodi proibiti, quindi si può facilmente ipotizzare si tratti di trasfusioni sanguigne.

Nel 2012 l’italiano vinse solo 3 tappe alla Bayern Rundfarth, mentre nel 2013 Petacchi non ha ottenuto alcuna vittoria. Questa sospensione, la quale scade nel 2021, lo inibisce da qualunque ruolo manageriale o altre funzioni el mondo del ciclismo.

38
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
36 Comment threads
2 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
22 Comment authors
DogmafpxCAbach7CLICK17 Recent comment authors

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Scaldamozzi ogni tanto
Member

“Questa sospensione, la quale scade nel 2021, lo inibisce da qualunque ruolo manageriale o altre funzioni nel mondo del ciclismo.”

Giusto per chiarire meglio, solo per i due anni di sospensione è inibito, giusto?

jan80
Member

unica bell notizia e' che Petacchi si dopava a 40 anni e non vinceva nulla mentre prima andava a pane e acqua ma vinceva nche 9 tappe in un solo Giro d'Italiagandalfgandalfgandalf

R
Member
jan80

unica bell notizia e' che Petacchi si dopava a 40 anni e non vinceva nulla mentre prima andava a pane e acqua ma vinceva nche 9 tappe in un solo Giro d'Italiagandalfgandalfgandalf

che cazzata——-

salomone
Member
salomone

Siamo sinceri: sfortunato a essere coinvolto in uno scandalo proveniente dallo sci di fondo… Niente di nuovo o particolare rispetto a tutti.
Per quanto mi pare evidente, ciò che è successo a lui poteva capitare qualsiasi altro corridore.
Chi crede a professionisti “puliti” penso sia un illuso!!!

golance
Member
jan80

unica bell notizia e' che Petacchi si dopava a 40 anni e non vinceva nulla mentre prima andava a pane e acqua ma vinceva nche 9 tappe in un solo Giro d'Italiagandalfgandalfgandalf

9 tappe in un giro..meno male che ho la memoria corta..ma correva contro i bambini?

Andrea Sicilia
Editor
golance

9 tappe in un giro..meno male che ho la memoria corta..ma correva contro i bambini?

Anno 2004…..il periodo "nero" del Giro d'Italia, che grazie a scelte scellerate, era una sorta di campionato italiano snobbato dai quasi tutti i migliori ciclisti del mondo. E' stato comunque un signor corridore come ora ce li sognamo.

salomone
Member
salomone

L’unica cosa positiva in questa squalifica è che spero non faccia più le telecronache per un parecchi anni.
Come corridore lo rispetto quanto e più di molti altri, ma come conduttore TV va alla grande solo per le cerimonie funebri…

G
Member
Guido72

Ripenso alla sua faccia durante la ramanzina premonitrice di Bulbarelli 😂😂😂

golance
Member
samuelgol

Anno 2004…..il periodo "nero" del Giro d'Italia, che grazie a scelte scellerate, era una sorta di campionato italiano snobbato dai quasi tutti i migliori ciclisti del mondo. E' stato comunque un signor corridore come ora ce li sognamo.

ah non lo metto in dubbio. 9 tappe vuol dire vincere tutte le tappe piatte del giro e forse anche qualcuna ondulata, senza mai concedere fughe. penso sia irripetibile

bicimix
Member

Nulla di nuovo, pratica comune nel ciclismo, Petacchi non è il primo e non sarà l’ultimo.
Se sei bravo e fortunato non ti beccano sennò…

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

velocity
Member
velocity

Ma che dici? Sono tutti puliti, il segreto per andare a 50km/h per ore o piu e talvolta anche in salita non è il doping ma allenamento dieta e motivazione.Non serve altro

Andrea Sicilia
Editor
velocity

Ma che dici? Sono tutti puliti, il segreto per andare a 50km/h per ore o piu e talvolta anche in salita non è il doping ma allenamento dieta e motivazione.Non serve altro

Brevi cronosquadre a parte, oltre i 50 non ci vanno mai, men che meno in salita. Se le sparate senza fondamento fossero energia per farlo, qui nel forum ci riuscirebbero in parecchi.
p.s. Petacchi è indagato per fatti di 6/7 anni fa.

P
Member

Ma allora Andrea De Luca e Fabio Genovesi restano a piede libero?
Noooo

lucas.
Member
golance

ah non lo metto in dubbio. 9 tappe vuol dire vincere tutte le tappe piatte del giro e forse anche qualcuna ondulata, senza mai concedere fughe. penso sia irripetibile

No, giro piatto e con pochissima concorrenza/squadre forti. Infatti vinse Cunego.

bicilook
Member

E' bello perchè le squalifiche sono sempre in tempo reale nel ciclismo…Questo dimostra che la lotta al doping non esiste e non esisterà mai.
Lo hanno inibito dal fare cosa?….andare in spiaggia in Versilia e leggere la pagina del ciclismo della Gazzetta?…non corre più da un bel pezzo.
Sono quelle cose che mi fanno ridere a crepapelle….Poi Horner ha vinto la vuelta a 40 anni e è tutto a posto…chissà magari lo squalificheranno quando avrà 65 anni.

bicimix
Member

bicilook E' bello perchè le squalifiche sono sempre in tempo reale nel ciclismo…Questo dimostra che la lotta al doping non esiste e non esisterà mai. Lo hanno inibito dal fare cosa?….andare in spiaggia in Versilia e leggere la pagina del ciclismo della Gazzetta?…non corre più da un bel pezzo. Sono quelle cose che mi fanno ridere a crepapelle….Poi Horner ha vinto la vuelta a 40 anni e è tutto a posto…chissà magari lo squalificheranno quando avrà 65 anni. L’anti doping è sempre un po’ in dietro rispetto al doping, oltre a questo la metodologia per doparsi e non farsi trovare… Read more »

I
Member

golance 9 tappe in un giro..meno male che ho la memoria corta..ma correva contro i bambini? Be l'anno prima aveva vinto tappe nei 3 GT, cosa che non mi risulta riuscita a nessuno dopo. Peraltro al tour vinse 3 tappe praticamente per distacco. Nel 2004 per quanto ricordo c'era mcewen (che corse metà gara e vinse una tappa) che comunque al successivo tour portò a casa la maglia verde. Per il resto il panorama dei velocisti era formato da un giovanissimo boonen, l'altro australiano o grady, Cipollini e zabel sulla via del tramonto,qualche francese e poco altro. Tutta gente più… Read more »

P
Member
pedalatalenta

Come sempre i. Rai ci avevano visto lungo!

I
Member
pedalatalenta

Come sempre in Rai ci avevano visto lungo! al suo posto ora mettono riccó

Oddio in Rai se vogliono una voce tecnica devono pescare tra chi ha fatto il professionista negli anni 90-00. Riguardo a questi è dura trovare qualcuno che con assoluta certezza non possa essere raggiunto da voci relative al doping.
Stante ciò peraltro in Rai devono raccontare la corsa, non insegnare il ciclismo ai bambini, quindi per assurdo non vedrei male nemmeno il commento di Riccò.

jan80
Member
golance

9 tappe in un giro..meno male che ho la memoria corta..ma correva contro i bambini?

piu' o meno……comunque sempre non semplice vincerne 9

I
Member

jan80 piu' o meno……comunque sempre non semplice vincerne 9 Secondo me oggi la partecipazione di velocisti e cacciatori di tappe al Giro non è poi così cresciuta (mentre è decisamente di altro livello la partecipazione di chi lotta per la maglia rosa). Se ci fosse un moderno Petacchi (e non esiste in questa fase qualcuno che come alejet in quel triennio vinca con quella costanza) che decide di fare la corsa rosa dalla prima all'ultima frazione vincerebbe tutte le tappe per velocisti a disposizione, come peraltro fece in un'edizione (2013?) Cavendish. Nessuno comunque ne vincerà più nove perché nessun organizzatore… Read more »

emilio78
Member
emilio78

non perdo neanche tempo ad esprimere un parere su Petacchi e guardo invece la cosa più triste che emerge da tale procedimento…
ci sono volute ben 7 anni prima di avere una condanna!

com’è pensabile rendere credibile uno sport se poi chi pratica azioni illecite lo vai a prendere dopo così tanto tempo….
l’antidoping è evidente molti molti molti passi indietro rispetto al doping e qs x me è un grosso rammarico.

parte scherzosa, Petacchi come commentatore era veramente pessimo, per fortuna ce lo siamo levati dagli zebedei.

bradipus
Member
golance

ah non lo metto in dubbio. 9 tappe vuol dire vincere tutte le tappe piatte del giro e forse anche qualcuna ondulata, senza mai concedere fughe. penso sia irripetibile

in realtà una tappa piatta la perse pure, venendo battuto da Fred Rodriguez… tanto per dire come fossero disegnati i Giri pochi anni fa.
e dire che c'è chi si lamenta di quelli recenti…

emilio78
Member
emilio78

Ser pecora …perché l'antidoping nello specifico c'entra niente. Petacchi è stato condannato sulla base delle rivelazioni ottenute dalla polizia austriaca in seno all'operazione Aderlass. Ovvero ha avuto le prove che il dottor Schmidt, ex medico della Milram negli anni incriminati, avesse praticato trasfusioni ai corridori, tra cui Petacchi. Quindi la WADA, l'UCI, l'antidoping c'entrano niente, come c'entravano poco e niente nel caso Armstrong o tanti altri "a scoppio ritardato", ma ormai la vulgata è quella ed il riflesso pavloviano scatta immediato…. mi viene da pensare, ma quando era professionista (vedi 2012/2013 nel caso in essere) qual'è l'organo competente in materia… Read more »

CLICK17
Member

emilio78 non perdo neanche tempo ad esprimere un parere su Petacchi e guardo invece la cosa più triste che emerge da tale procedimento… ci sono volute ben 7 anni prima di avere una condanna! com'è pensabile rendere credibile uno sport se poi chi pratica azioni illecite lo vai a prendere dopo così tanto tempo…. l'antidoping è evidente molti molti molti passi indietro rispetto al doping e qs x me è un grosso rammarico. parte scherzosa, Petacchi come commentatore era veramente pessimo, per fortuna ce lo siamo levati dagli zebedei. Lo hanno squalificato , perché in questo periodo è tesserato avendo… Read more »

bach7
Member

Ser pecora …perché l'antidoping nello specifico c'entra niente. Petacchi è stato condannato sulla base delle rivelazioni ottenute dalla polizia austriaca in seno all'operazione Aderlass. Ovvero ha avuto le prove che il dottor Schmidt, ex medico della Milram negli anni incriminati, avesse praticato trasfusioni ai corridori, tra cui Petacchi. Quindi la WADA, l'UCI, l'antidoping c'entrano niente, come c'entravano poco e niente nel caso Armstrong o tanti altri "a scoppio ritardato", ma ormai la vulgata è quella ed il riflesso pavloviano scatta immediato…. di fatto questa condanna (come tante altre nel passato) certifica che gli enti preposti al controllo all'epoca non hanno… Read more »

bach7
Member

Ser pecora All'epoca, come probabilmente oggi, non si riesce a "vedere" tramite passaporto biologico se un atleta ha fatto una trasfusione, se questa è fatta "bene", in certi periodi e con certe tempistiche. Lo certifica l'operazione Aderlass. Ci sono vari sistemi alternativi al solo passaporto biologico allo studio, ma non sono cosi "sicuri" nei risultati. Poi che l'antidoping sia sempre indietro rispetto al doping per definizione si sa….e quindi? È ovvio, com'è ovvio per qualunque sistema "criminale" rispetto a quello legale per contrastarlo. La differenza qui è che se dopo 20 anni un assassino viene beccato grazie a nuovi metodi… Read more »

I
Member

bradipus in realtà una tappa piatta la perse pure, venendo battuto da Fred Rodriguez, ed un'altra volata la vinse McEwan (con Petacchi dodicesimo)… tanto per dire come fossero disegnati i Giri pochi anni fa. e dire che c'è chi si lamenta di quelli recenti… Siamo OT ma comunque il Giro del 2004 in effetti aveva un disegno pessimo, ma quello dell'anno prima invece non era affatto male (tappa cuneese in primis, poi una bellissima frazione dolomitica, nella prima settimana una tappa appenninica molto interessante, dove andò in rosa simoni) e quello dell'anno dopo fu semplicemente il percorso migliore che io… Read more »

jan80
Member

comunque non e' neanche giusto mettere tutto a tacere solo perche' uno si e' ritirato……

A
Member
lucas.

No, giro piatto e con pochissima concorrenza/squadre forti. Infatti vinse Cunego.

Il giro d'Italia 2004 fu disegnato con tutte quelle tappe per velocisti poiché gli organizzatori mirava no alla sfida Petacchi Cipollini agli sprint, e con le ultimissime tappe infarcite di montagne. All'epoca trovai il percorso sbilanciato e noioso (anche perché gli sprinter non lottano certamente per la maglia rosa), nelle ultime edizioni le tappe per velocisti le contiamo sulle dita di una mano.

bicimix
Member

ian Siamo OT ma comunque il Giro del 2004 in effetti aveva un disegno pessimo, ma quello dell'anno prima invece non era affatto male (tappa cuneese in primis, poi una bellissima frazione dolomitica, nella prima settimana una tappa appenninica molto interessante, dove andò in rosa simoni) e quello dell'anno dopo fu semplicemente il percorso migliore che io ricordi, o perlomeno sicuramente il migliore dal giro 2015. In quanto al discorso di queste squalifiche ok, si certifica che il sistema non è infallibile. Ma non credo sia una grandissima scoperta, e fare tesoro di cosa non ha funzionato per beccare chi… Read more »

C
Member
CLICK17

Lo hanno squalificato , perché in questo periodo è tesserato avendo corso ultimamente la Cap Epic Mtb . Il fatto è comunque che ci sono voluti 7 anni per squalificare uno che se non correva la Cap Epic neanche lo cercavano. La cosa ridicola è che lo hanno squalificato da corridore per un puf in più e ci sono voluti anni per capire che non erano i puf in più.

Scusate la domanda, ma per tesserarsi non bisogna firmare la dichiarazione etica dove si dichiara di non essere mai stati sospesi x doping? Ricordo che era stato sospeso x un annetto.

bicimix
Member
ceccodececchis

Scusate la domanda, ma per tesserarsi non bisogna firmare la dichiarazione etica dove si dichiara di non essere mai stati sospesi x doping? Ricordo che era stato sospeso x un annetto.

Io so che si firma la dichiarazione etica dov’è si dichiara che non si fa uso di sostanze dopanti, se uno è stato sospeso per doping ed ha pagatolo il periodo di squalifica non ha nessun problema nel firmala.
Nella realtà serve alla società per pararsi il sedere nel caso ti beccano…perché le società sanno che se non tutti ma la maggior parte ne fa uso

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Dogmafpx
Member

bicimix Io so che si firma la dichiarazione etica dov’è si dichiara che non si fa uso di sostanze dopanti, se uno è stato sospeso per doping ed ha pagatolo il periodo di squalifica non ha nessun problema nel firmala. Nella realtà serve alla società per pararsi il sedere nel caso ti beccano…perché le società sanno che se non tutti ma la maggior parte ne fa uso Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk Non e' cosi,chi ha subito una squalifica superiore a 6 mesi non puo' firmare la dichiarazione etica,di conseguenza non puo' correre piu' negli amatori,pero' si puo' fare… Read more »

C
Member
Dogmafpx

Non e' cosi,chi ha subito una squalifica superiore a 6 mesi non puo' firmare la dichiarazione etica,di conseguenza non puo' correre piu' negli amatori,pero' si puo' fare la tessera Elite e correre con dilettanti,squadre pro di seconda fascia o in mtb come ha fatto Petacchi alla Cape.

Ora capisco come ha fatto a tesserarsi. Grazie

CLICK17
Member
ceccodececchis

Scusate la domanda, ma per tesserarsi non bisogna firmare la dichiarazione etica dove si dichiara di non essere mai stati sospesi x doping? Ricordo che era stato sospeso x un annetto.

E' una corsa Uci e non amatoriale .