Magazine #remco evenepoel

Remco Evenepoel vince la Volta ao Algarve tra vari record

Remco Evenepoel vince la Volta ao Algarve tra vari record

Piergiorgio Sbrissa, 24/02/2020

Seconda vittoria stagionale in corse a tappe per Remco Evenepoel (Deceuninck-QuickStep). Il giovane (20 anni) belga ha vinto la Volta ao Algarve con una prestazione maiuscola su ogni terreno, ma in particolare nella cronometro finale all’ultima tappa (20,3km coperti da Evenepoel a 50,5km/h di media), in cui non ha solo rifilato 10″ al campione del mondo di specialità Rohan Dennis (Ineos) e 19″ all’altro specialista e campione svizzero Stefan Küng, ma ha anche stabilito il nuovo record del percorso, identico nelle ultime tre edizioni della corsa portoghese. Tanto per dire, Evenepoel ha rifilato 53″ a Geraint Thomas ed è arrivato sul traguardo subito dietro Dan Martin (ISN), partito 2 minuti prima.

Evenepoel è anche il più giovane vincitore nella storia della Volta ao Algarve.

Evenepoel ha vinto quindi la classifica generale con 38″ di vantaggio su Maximilian Schachmann (Bora-Hansgrohe) e 39″ su Miguel-Angel Lopez (Astana). migliore degli italiani Vincenzo Nibali (Trek-Segafredo), 12° a 2’02”.

Il prodigio belga, interrogato sulla sua partecipazione al prossimo Giro d’Italia, ha lanciato un messaggio al limite dell’inquietante per i suoi avversari:

Sto lavorando duro per i raggiungere i miei obiettivi. Sto lavorando duramente da due mesi, non sono ancora nella forma migliore, ma ho ancora tempo. È una strada ancora lunga, ma sono contento di dove sono ora“.

Evenepoel ha anche raccontato di come nella cronometro sia partito a tutto gas (15″ di vantaggio su Küng all’intermedio) per poi “gestirsi” rallentando nella parte collinare…

La Deceuninck ha portato a casa tre vittorie di tappa (2 Evenepoel, 1 Jakobsen) oltre alla vittoria generale in questa Volta ao Algarve, raggiungendo già adesso 12 vittorie stagionali, di cui 5 grazie a Evenepoel.

Commenti

  1. Ser pecora:

    Si, ecco, dove almeno è arrivato 2° dietro Cancellara...e comunque a velocità medie perlomeno più basse. Ed era un Tour con in giro Armstrong, Kloden, Leipheimer & c...
    Ricordi male....Contador ha vinto quella crono battendo Cancellara.

    https://www.repubblica.it/2009/06/sport/ciclismo/tour-de-france-2009/tour-18a-tappa/tour-18a-tappa.html

    Stiamo parlando di un corridore da 60kg che è da 2 settimane e mezzo che sta spingendo per la classifica. Il secondo uno specialista a cronometro che nei giorni precedenti "si è risparmiato".
  2. parolin88:

    Il concetto rimane lo stesso.

    P.S. Sagan per la cronaca da neo prof già alla Parigi Nizza aveva fatto numeri da paura....poi con più serenità si è specializzato verso altro tipo di gare.....e di certo i tempi sono cambiati, nel 2010 la situazione era senz'altro più complessa rispetto ad ora (soprattutto per i neo-prof).
    Sagan però ha un peso ben superiore
    per le corse a tappe avrebbe dovuto snaturarsi molto, perdere circa 5 kg e rischiare di non fare bene ne alla gare a tappe ne alla corse di 1 giorno
  3. penso che per 5 anni, se tutto va come deve andare, ci sarà da divertirsi a guardare un bel po' di fenomeni.
    Pensate ad una strade bianche se partono Sagan, Remco, MVDP, Van Aert, Bardet, Alaphilippe, Kwiato (se trova la forma), più la banda degli ultimi colpi tra Van Avermat, Gilbert, ecc...
    Tanta roba