Remco Evenepoel vince la Volta ao Algarve tra vari record

90

Seconda vittoria stagionale in corse a tappe per Remco Evenepoel (Deceuninck-QuickStep). Il giovane (20 anni) belga ha vinto la Volta ao Algarve con una prestazione maiuscola su ogni terreno, ma in particolare nella cronometro finale all’ultima tappa (20,3km coperti da Evenepoel a 50,5km/h di media), in cui non ha solo rifilato 10″ al campione del mondo di specialità Rohan Dennis (Ineos) e 19″ all’altro specialista e campione svizzero Stefan Küng, ma ha anche stabilito il nuovo record del percorso, identico nelle ultime tre edizioni della corsa portoghese. Tanto per dire, Evenepoel ha rifilato 53″ a Geraint Thomas ed è arrivato sul traguardo subito dietro Dan Martin (ISN), partito 2 minuti prima.

Evenepoel è anche il più giovane vincitore nella storia della Volta ao Algarve.

Evenepoel ha vinto quindi la classifica generale con 38″ di vantaggio su Maximilian Schachmann (Bora-Hansgrohe) e 39″ su Miguel-Angel Lopez (Astana). migliore degli italiani Vincenzo Nibali (Trek-Segafredo), 12° a 2’02”.

Il prodigio belga, interrogato sulla sua partecipazione al prossimo Giro d’Italia, ha lanciato un messaggio al limite dell’inquietante per i suoi avversari:

Sto lavorando duro per i raggiungere i miei obiettivi. Sto lavorando duramente da due mesi, non sono ancora nella forma migliore, ma ho ancora tempo. È una strada ancora lunga, ma sono contento di dove sono ora“.

Evenepoel ha anche raccontato di come nella cronometro sia partito a tutto gas (15″ di vantaggio su Küng all’intermedio) per poi “gestirsi” rallentando nella parte collinare…

La Deceuninck ha portato a casa tre vittorie di tappa (2 Evenepoel, 1 Jakobsen) oltre alla vittoria generale in questa Volta ao Algarve, raggiungendo già adesso 12 vittorie stagionali, di cui 5 grazie a Evenepoel.

Commenti

  1. pedalone della bassa:

    credi che non possa già fare il colpaccio al Giro?
    vedendo l'elenco, per ora, dei partenti, a crono rischia di rifilare veramente distacchi pesanti. per poi, magari, "gestirsi" nelle tappe alpine
    Non ne ho idea. È la sua prima volta sulle 3 settimane e non si sa come vada nelle salite lunghe.
    Che abbia i numeri per vincere penso di si, ma nei grandi giri si tratta anche di sapersi gestire. Al momento mi pare uno che fa delle sfiammate incredibili, ma nei grandi giri aiutano poco. Però anche di testa mi pare uno forte. È un vincente che sa di esserlo.
    Non resta che vederlo all'opera.
  2. jan80:

    infatti a me piu' che in salita( non e' certamente il piu' forte al momento)
    Non è il più forte perché manca dello spunto finale (alla Valverde/Martin per intenderci), ma proprio perché deve avere un rapporto peso/potenza pazzesco (va più forte a 50km/h di Küng che pesa 20kg più di lui) su salite lunghe non è detto che andando su "regolare" non possa fare danni o stare coi migliori. Se poi riesce a prendere un po' di vantaggio prima di un pezzo in piano poi può fare il vuoto (stile Jungels alla Liegi vinta).

    Nei GT me lo immagino uno alla Roglic.
  3. Ser pecora:

    Edit: a memoria non ricordo uno di 61kg che vada forte a crono come va Remco. E parlo di crono veloci over 50km/h non con mille salite al 10%. Persino Roglic pesa di più.
    Contador alla terza settimana del Tour del 2009....
Articolo precedente

La “cotta”: Abdel-Kader Zaaf

Articolo successivo

Nuova Canyon Ultimate CF EVO

Gli ultimi articoli in Magazine

Cinquina di Pogačar al Giro

Santa Cristina Val Gardena/St. Christina in Gröden (Monte Pana), 21 maggio 2024– Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) ha vinto…