Sagan tratta con la Total-Direct energie

Sagan tratta con la Total-Direct energie

Piergiorgio Sbrissa, 28/05/2021

Dato ormai per scontato che Peter Sagan saluterà i tedeschi della Bora-Hansgrohe a fine stagione, si tratta di capire dove approderà. Durante queste prime due settimane di Giro d’Italia gli incontri tra Giovanni Lombardi, agente di Sagan e Patrick Lefévère, Team Manager della Deceuninck-Quickstep si erano fatti cosi frequenti da indicare la squadra belga come la naturale destinazione per lo slovacco, ma è stato Lefévère a comunicare il nulla di fatto:

“Con 8 persone oltre a Peter sarebbe come creare una squadra all’interno di quella che c’è già. Ho paura di scombinare tutto, non solamente tra i corridori, ma anche nell’organizzazione. Ci tengo alla mia identità.”

Il “pacchetto Sagan” infatti, come noto, comprende il fratello Juraj, Daniel Oss, Maciej Bodnar, due meccanici, due massaggiatori ed un addetto alla comunicazione. Per un costo totale di circa 5 milioni di euro, che il proprietario della Deceunick, Zdenek Bakala, era anche disposto a sborsare, in parte, l’altra parte coperta da Specialized, sponsor personale di Sagan e già della Deceunick, altro fattore che faceva pensare al matrimonio perfetto. Anche qui però è stato Lefévère ha mettersi di traverso: “È una follia pagare cosi tanto. Sagan da solo o al massimo con un gregario invece sarebbe fattibile“.

Ma ecco che è apparsa l’opzione “più inattesa” come ha detto Lombardi, ovvero la Total-Direct Énergie di Jean-René Bernaudeau, una squadra con grandi ambizioni, tra cui la promozione WorldTour, ma che un po’ per sfortuna, un po’ per altri motivi non sta avendo i risultati sperati, e sta stagnando tra i ProTeam dietro Alpecin-Fenix e Arkea-Samsic, e che ora deve raccogliere il massimo di punti UCI quest’anno ed il prossimo per riuscire a vedersi attribuito un posto nel WT per il triennio 2023-2025.

L’ingaggio di Sagan risolverebbe in parte il problema, visto che lo slovacco al momento conta, da solo, 970 punti, senza contare quelli dei gregari, mentre tutta la Total ne conta 1764.

Inoltre a fine stagione la Total ha in scadenza la partnership con Wilier come sponsor tecnico e questo aprirebbe la porta all’arrivo di Specialized.

Lo schema quindi potrebbe essere lo stesso usato dalla Bora-Hansgrohe a suo tempo, ovvero utilizzare Sagan per far approdare la squadra nel WT e poi svilupparla indipendentemente.

Commenti

  1. danieletesta79:

    Ha fatto il suo e visto che ha in programma di correre 2 gt e un mondiale ci sta che non sia andato al massimo, nel "team" Sagan credo che ci sia un preparatore che lo sappia gestire e allenare come si deve; intanto la maglia ciclamino se l'è portata a casa. Poi se si entra nel merito dei rivali che ci sono, diventa una barzelletta; devi sapere che se vengono al giro sono mezzi corridori, se vanno al tour sono fenomeni, di conseguenza lo diventano anche i GT.
    Esattamente, se punti a 3 obiettivi,e riesci a portare a casa il primo con il minimo dispendio, per me hai fatto la cosa migliore.
    Dare spettacolo per cosa? Per mangiarsi la ciclamino e sfinirsi prima del Tour?
  2. grimpeur75:

    State parlando della maglia ciclamino di Sagan come una bella conquista....ma....a me pare che al Giro delle maglie esclusa la rosa nn sia fregato a nessuno...quella degli scalatori nemmeno so chi l abbia vinta e non mi pare ci sia stata ne lotta ne interesse.....ciclamino idem....con tutto il rispetto x Cimolai....
    Certo che se ti vinci quella verde al Tour contro Van Aert, Van der Poel, Bennet etc sarebbe un’altra cosa...
    Con questo presupposto la maglia rosa di Bernal vale poco visto che 2° è Caruso e 3° Yates? Nessuno nega la forza di Van Aert e VDP ma è anche probabile che al Tour Van Aert ci sia ma non lotti per la maglia verde visto che avrà da tirare per Roglic.
  3. j-axl:

    Il personaggio Sagan, vale più dello sportivo Sagan..... sapevatelo. gandalfgandalf
    Non che lo sportivo Sagan sia poca roba.
    Adesso sembra che un secondo posto valga nulla, ma non è così.
    È comunque il ciclismo moderno, come tutti gli sport si è specializzato, e Sagan non è ne carne ne pesce, non è ne scalatore ne velocista. Un Sagan qualunque farebbe il Ganna della situazione.
    Pensateci.
    come personaggio funzioni se vinci. infatti ultimamente è un po' appannato anche come personaggio.