Shimano presenta il nuovo Shimano 105 R7100 Di2

Shimano presenta il nuovo Shimano 105 R7100 Di2


Piergiorgio Sbrissa, 29/06/2022

A 40 anni dalla sua prima apparizione nel 1982, il gruppo di componenti Shimano 105 abbraccia la tecnologia del cambio elettronico Di2.

[Comunicato stampa] Il nuovo Shimano 105 R7100 Di2 offre oggi una trasmissione a 12 velocità, una interazione dei comandi e dei deragliatori del cambio semi-wireless, una nuova rapportatutra per compiacere le esigenze di un pubblico sempre piu trasversale e una gestione ottimizzata della frenata che è il marchio di fabbrica dell’azienda giapponese.

I ciclisti che hanno utilizzato tradizionalmente i sistemi di cambio meccanico possono ora sperimentare la funzionalità e la tecnologia della piattaforma Di2 ereditata dai recenti aggiornamenti della gamma 12v DURA-ACE R9200 e ULTEGRA R8100.

SHIMANO 105 Di2: Science of Speed
Il sistema di cambio elettronico Digital Integrated Intelligence (Di2), lanciato nel 2009, è stato lungamente aggiornato  nel corso degli anni fino ad arrivare alla piattaforma attuale a 12 velocità con  cockpit wireless. Un percorso di sviluppo realizzato senza sacrificare nulla in termini di velocità di cambiata, precisione e affidabilità di funzionamento,  che i ciclisti si aspettano da tutti i gruppi stradali Shimano. Cambiare marcia è semplice e coerente per tutta la pedalta, ogni volta.
  • Piattaforma Di2 – Un sistema Di2 evoluto che grazie alla sua architettura di funzionamento semi-wireless garantisce velocità di azionamento e un design molto pulito della zona manubrio.
  • Pacchetto trasmissione – Cambio a 12 velocità con un’efficienza di utilizzo senza pari e cambiate senza interruzioni.
  • Interfaccia ed ergonomia – Con l’equilibrio ottimale tra comfort, aerodinamica ed estetica, il nuovo Shimano 105 offre ergonomia e confort senza sacrificare l’estetica della zona manubrio.
  • Sistema frenante – Il nuovo impianto frenante Shimano 105 è più silenzioso e di facile manutenzione.
  • Ruote in carbonio – Le nuove ruote tubeless interamente in carbonio offrono aerodinamica, rigidità e il giusto peso a costi contenut.

SHIMANO 105 Di2 – Wireless dove conta

Il nuovo Shimano 105 Di2 utilizza un sistema ibrido di trasmissione caratterizzato da un cockpit wireless abbinato a una connessione cablata tra una singola batteria ospitata nel tubo sella e i deragliatori anteriore e posteriore, garantendo assoluta affidabilità in tutte le condizioni di utilizzo.  Proprio come DURA-ACE R9200 e ULTEGRA R8100, il nuovo gruppo di componenti Shimano 105 Di2 è altamente personalizzabile utilizzando l’app Shimano E-TUBE PROJECT

Grazie all’applicazione E-TUBE PROJECT si possono gestire diversi parametri legati al funzionamento della trasmissione come la regolazione della velocità del cambio, la modifica del numero di salti di pignone per cambiata oltre a poter utilizzare la funzionalità di cambio sincronizzato e semi-sincronizzato.

La piattaforma Di2 è compatibile con la maggior parte dei ciclocomputer in commercio come Garmin e Wahoo che consentono di monitorare la selezione della marcia oppure lo stato di carica della batteria.

 

SHIMANO 105 Di2 – Nuova interfaccia di controllo ed ergonomia

Le nuove leve a doppio comando Shimano 105 R7100 sono caratterizzate da una forma che ne migliora il comfort e il controllo in ogni posizione di guida. Anche la frenata è ottimizzata grazie a un’azione della leva più leggera e fluida.
Le leve utilizzano il circuito integrato wireless proprietario di Shimano che garantisce elevata sicurezza, alta velocità di elaborazione e basso consumo energetico. Confrontato con altre piattaforme wireless sul mercato, il protocollo di comunicazione wireless di Shimano offre una significativa diminuzione delle probabilità di interferenza, una velocità di cambiata più alta e una maggiore durata della batteria. L’utilizzo di un’unica batteria ricaricabile, internamente alloggiata nel telaio della bicicletta, consente una procedura di ricarica semplice e garantisce allo stesso tempo adeguata protezione alla batteria, con un cambio di marcia stabile e affidabile in ogni momento.

Comandi cambio ST-R7170

  • Connettività wireless Di2
  • Leve Dual Control 2×12 velocità
  • Testa del comando ridisegnata per una migliore ergonomia e aerodinamica
  • Accessibilità dei pulsanti migliorata

SHIMANO 105 Di2 – Tecnologia di trasmissione avanzata

Grazie all’introduzione delle 12 velocità, la serie di componenti Shimano 105 R7100 offre oggi tutta la libertà di utilizzo che i ciclisti desiderano, agilità quando serve e la giusta durezza con una progressione intelligente dei rapporti. Questo è il risultato di una ottimizzazione dei componenti della trasmissione che includono opzioni di cassetta 11-34D e 11-36D in abbinamento a guarniture con corone da 50-34D e 52-36D. L’insieme di queste combinazioni è in grado di coprire un ampio range di rapporti, anche inferiori a 1:1, che consentono ai ciclisti di qualsiasi livello di poter affrontare senza stress i pendii più ripidi e controllare meglio i loro sforzi.

Guarnitura FC-R7100

  • Pedivelle HOLLOWTECH II
  • 2×12 velocità
  • Combinazioni di corone: 50-34D e 52-36D (disponibili in un secondo momento)

 

Cassetta CS-R7100

  • 12 velocità
  • Pignone più piccolo a 11 denti per un’efficienza ottimale della trasmissione
  • Ingranaggi “Sweet Spot” ottimizzati per l’efficienza della pedalata
  • Compatibile con corpi ruota libera a 11 velocità
  • 11-34D, 11-36D (disponibile in un secondo momento)

Deragliatore posteriore RD-R7150

  • Tecnologia SHADOW
  • Connettività D-FLY integrata
  • Tecnologia Di2 a 12 velocità
  • Compatibile con cassette 11-34D e 11-36D

Deragliatore anteriore FD-R7150

  • Tecnologia Di2 a 12 velocità
  • Cambio anteriore veloce e preciso

 

SHIMANO 105 Di2 – Impianto frenante

Proprio come i gruppi di componenti di serie DURA-ACE R9200 e ULTEGRA R8100, il nuovo Shimano 105 R7100 presenta un sistema frenante completamente rinnovato che oggi è più silenzioso, potente e più facile da mantenere efficientemente in funzione. Il design della zona superiore delle leve favorisce un accesso rapido alla frenata con una zona di controllo più ampia, allo stesso tempo lo spazio tra pastiglia e rotore è più grande del 10% a garanzia di silenziosità di funzionamento. Anche il processo di spurgo dell’impianto è stato migliorato e reso più inuitivo grazie alla possibilità di essere eseguito senza rimuovere la pinza dal telaio.

Freni BR-R7170

  • Controllo più preciso e prestazioni di frenata potenziate
  • Gioco delle pastiglie più ampio del 10%.
  • Processo di spurgo più facile

 

Ruote in carbonio RS710

Con l’introduzione del nuovo ogruppo di componenti R7100, Shimano presenta anche due nuove versioni di ruote da strada in carbonio: le C32 per chi ama impegnarsi in salita e le C46 per un utilizzo più a tutto tondo. Entrambe le versioni condividono lo stesso DNA costruttivo delle ruote C36 e C50 di serie Dura-Ace e Ultegra, bilanciando fattori cruciali come aerodinamica, leggerezza e rigidità.

Le C32 presentano un’altezza del cerchio di 32 mm, una larghezza interna del cerchio di 21 mm e un peso di 1.502g. Le C46 hanno un cerchio alto 46 mm, una larghezza interna del cerchio di 21 mm e un peso di 1.610g. I due nuovi modelli sono compatibili con trasmissioni a 11 e 12 velocità e sono predisposte per un utilizzo tubeless.

WH-RS710-C32-TL

  • Ruote leggere capaci di grandi accelerazioni
  • Ruota anteriore da 665g, ruota posteriore da 839g
  • Cerchio interno da 21 mm
  • Tubeless

WH-RS710-C46­-TL

  • Ruote polivalenti e versatili
  • Ruota anteriore da 719g, ruota posteriore da 893g
  • Cerchio interno da 21 mm
  • Tubeless

Peso gruppo: 2995gr

Prezzo gruppo: 1869eu

Commenti

  1. 4x16:

    Sarà che io non sono ne uno scalatore ne un manico in discesa ma proprio non capisco queste scalature estreme....non potrebbero fare come ai bei tempi delle 10v dove le spaziature 12/25 13/29 13/26 11/23 erano molto migliori come salti? Negli anni il modo di andare in bici cambia, preferisco cambiare cassetta più volte ed avere sempre una spaziatura corretta piuttosto che averne una sola da 11 a 36 ma questa riflessione lascia il tempo che trova visto che tanti cambiano bici come cambiano scarpe....io è 10 anni che ho sempre il mio titanio e sono passato da un 11/23 a un 12/25.....come si cambia nel giro di un decennio!!!!!
    E invece tanti altri comprano la bici e la prendono in modo che vada bene per far tutto, senza cambiare. giri vicino a casa, granfondo dolomitiche, giri estremi con gli amici, senza dover mai cambiare niente. E interessa loro meno avere dei "salti".
  2. ValeXX:

    Purtroppo si
    Attualmente, ok che si compra qualcosa di vecchio, ma anche in ottica costi ricambi c'è da valutare se investire nei nuovi 12 o "fare ancora un giro" sui vecchi 11 meccanici che con i loro difettucci sono dei muli precisissimi e con i ricambi a prezzi non modici ma umani... Ci sto giusto riflettendo in questi giorni.
    Secondo me il colpo finale al ciclismo alla portata di tutti non l'anno dato i dischi ma gli elettronici, che sono una figata, ma negare sulla media e soprattutto bassa gamma la presenza di un meccanico per contenere il prezzo mi sembra davvero una brutta cosa.
    Salve,

    Io acquistai diversi anni fa una Nikon F5, a pellicola ma era allora il top di gamma e non c era ancora un buon digitale, e poi per buttare soldi dalla finestra una Nikon FM3A meccanica anche senza pile su tutti i tempi e non autofocus. La F% costava 4 volte la FM3A. recentemente ho venduto la FM3A per 1000 Euri ( pagata a suo tempo 350 USD ) e la costosissima F5 che ho tenuto ora ne vale 400 Euro max. Chissà se anche per i cambi delle bici da corsa si ripeterà la stessa storia ........

    Io ho appena acquistato una bici con 105 11/30. Sono un vecchio lumacone sovrappeso e non allenato, ma non sento la mancanza dei 12 rapporti, ma so anche che non faccio testo.

    Pero penso che i prezzi recenti siano fuori dai coppi, ma come strippò sopra noi Italiani li aiutiamo ad aumentare i prezzi.

    Toto direbbe: e noi Italiani paghiamo !!!!!!!!!.

    Saluti

    Adelmo
  3. ValeXX:

    All'estero c'è sempre stata meno foga verso il top di gamma rispetto a noi, è proprio questione di cultura però, l'italiano ha molto buon gusto e tende a volere il meglio spesso non badando al sodo, questo però è anche quello che ci ha permesso in alcuni campi di emergere rispetto ad altri paesi, almeno in passato, il futuro è dubbio.
    L Italiano è più ... diciamo fighetto. Nella bici, negli accessori e nell abbigliamento .....

    Quando in Italia un prodotto diventa fashion costa più che negli altri paesi, anch epic della Svizzera o Germania. Ma questo è il bello dell Italia.

    Saluti

    Adelmo