Magazine #statistiche

Strava statistiche 2019

Strava statistiche 2019

Piergiorgio Sbrissa, 28/12/2019

Come ogni anno Strava, la nota piattaforma social per corridori a piedi e ciclisti, ha reso note alcune statistiche curiose.

Tra queste il numero di atleti, 3059, che hanno totalizzato 8848mt di dislivello in un’unica uscita, l’ormai celebre “Everesting”, che evidentemente sta prendendo sempre più piede, e che fa impallidire i percorsi una volta ritenuti “estremi” di note granfondo ad esempio.

Da segnalare l’uscita del superatleta spagnolo Kilian Jornet, che in 24h ha totalizzato 23112mt di dislivello in scialapinismo: https://www.strava.com/activities/2133695655

Justin Lagassey non solo ha realizzato unu Everesting in mtb, ma la discesa l’ha compiuta in un Bike Park, quindi 50 giri di giostra tra salti e singletrack!  https://www.strava.com/activities/2720784835

Interessante sapere che le uscite di gruppo coprono una distanza mediamente doppia rispetto ad uscite solitarie, e ad una velocità maggiore del 6%. I più socievoli a quanto pare sono i brasiliani, col 38.6% delle uscite totali in quel paese con almeno un compagno. Maggiormente amanti della solitudine i giapponesi con il 18,7%.

Ron Rutland e James Owens di fatto non sono giapponesi, infatti hanno percorso assieme 20.000km in 230 giorni tra Londra e Tokyo.

I metri di dislivello medi annuali percorsi dagli utenti su Strava ammontano a 25883. Per comparazione, 51576mt sono stati scalati all’ultimo Tour de France.

L’attività con più kudos ricevuti è la “Post Birthday Spin” di Chris Froome, che ne ha totalizzati 31000: https://www.strava.com/activities/2385509455

Molte altre statistiche curiose, comprese quelle riguardanti le corse a piedi le potete trovare qui: https://2019.strava.com/community/en-us/

Commenti

  1. Dontgiveupthefight:

    A proposito di precisione del gps dello smartphone con Strava, io ho sempre fatto con "Gps Up" che è un'applicazione android che dovrebbe, e secondo me lo fa, aumentare molto l'affidabilità e la precisione della posizione. Consuma un pochino di ram e di batteria in più, ma fa la differenza. Praticamente entra in contatto con più satelliti e riesce ad approssimare meglio la posizione in ogni momento. Ce ne sono svariate di app così. Io consiglio questa. Lavora sempre in background.
    La ritengo utile per altre attività tipo escursioni in montagna con o senza neve... ma per un'uscita in bici non necessito di più precisione, specialmente se a scapito della batteria (anche se difficilmente ne uso più del 50%)
  2. fabiopon:

    Roba da matti! Non sapevo si potessero caricare tracce "no GPS".
    Che senso ha? A parte la solita minchionaggine dei soliti furbi di fare finti risultati?
    ;nonzo% Fatico a capire cosa ci sia di così scandaloso: quando scarichi su Strava un’attività da Zwift o da Fulgaz è chiaramente indicato come giro virtuale... i segmenti stessi sono indicati come virtuali, anche quando simulano segmenti reali... e, tornando in tema, le statistiche personali di Strava distinguono chiaramente tra chilometri virtuali e chilometri reali.
    Cosa ci sarebbe di finto?