Lotte Kopecky e Tadej Pogacar vincono la Strade Bianche 2022

51

Siena, 5 marzo 2022  [Comunicato stampa] Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) ha vinto la 16^ edizione della Strade Bianche Eolo, da Siena a Siena (Piazza del Campo) di 184 km, con un attacco da lontano quando mancavano 50 km al traguardo, nel tratto di sterrato di Monte Sante Marie.
Staccati, Alejandro Valverde (Movistar Team) e Kasper Asgreen (Quick-Step Alpha Vinyl Team) hanno completato il podio.

RISULTATO FINALE
1 – Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) 184 km in 4h47’49” alla media di 38.358km/h
2 – Alejandro Valverde (Movistar Team) a 37”
3 – Kasper Asgreen (Quick-Step Alpha Vinyl Team) a 46″

 

DICHIARAZIONI
Pochi secondi dopo aver attraversato il traguardo, il vincitore Tadej Pogacar ha dichiarato: “Che  vittoria incredibile. Ho attaccato da lontano ma solo quando ho visto il cartello dei 5km al traguardo ho capito che ce l’avrei fatta. Ho voluto accelerare sul tratto di sterrato di Monte Sante Marie, nessuno mi ha seguito e mi sono ritrovato solo in testa. Ero concentrato e mi voltavo continuamente indietro per vedere se arrivasse qualcuno, non ero sicuro di poter vincere. Nel finale mi erano rimaste pochissime energie ma sono bastate per arrivare al traguardo”

In campo femminile

Lotte Kopecky (Team Sd Worx) ha vinto l’ottava edizione della Strade Bianche Women Elite Eolo, da Siena a Siena (Piazza del Campo) di 136 km. Sul traguardo finale nella storica piazza ha preceduto in uno sprint ristretto Annemiek Van Vleuten (Movistar Team Women). Terza Ashleigh Moolman-Pasio (Team Sd Worx), staccata a 10″.

RISULTATO FINALE
1 – Lotte Kopecky (Team Sd Worx) 136 km in 3h59’14” alla media di 34,109 km/h
2 -Annemiek Van Vleuten (Movistar Team Women) s.t.
3 – Ashleigh Moolman-Pasio  (Team Sd Worx) a 10″

DICHIARAZIONI
Pochi secondi dopo aver attraversato il traguardo, la vincitrice Lotte Kopecky ha dichiarato: “Non riesco a credere di aver vinto le Strade Bianche! È la vittoria più importante della mia carriera.
Abbiamo fatto un grande lavoro di squadra con tutto il Team Sd Worx. Nel finale mi sentivo bene, quando Annemiek Van Vleuten ha attaccato ho dato tutto per seguirla. Sapevo di dover prendere in testa l’ultima curva, ero preparato per questo finale.”

Commenti

  1. Maiella:

    Sono molto curioso anch'io. Ad ogni modo non scredito Evenepoel e non gli auguro una brutta carriera, ma lo vorrei un pochino più umile.
    Che Pogacar sia piu' umile di Remco non ci sono dubbi,ma il belga non e' poi cosi poco umile,piu' che altro sente tanto il peso che hanno messo su di lui dopo i 2 anni da juniores e primo anno da prof........non e' neanche facile per lui,che poi di carattere i 2 siano completamente diversi non ci piove
  2. Pogacar era di un’altro pianeta sabato.
    Avrebbe potuto controllare e vincere facendo metà della fatica. Invece ha deciso di complicarsi le cose e di regalarci un’altra storica perla di sport.

    Quando è partito in realtà il gruppo era in fila e probabilmente già bello tirato. Ha letto bene la situazione è la fatica nei volti degli altri e ha accelerato impostando un ritmo insostenibile in quel momento.

    Di fatto nessuno in quel frangente ne aveva per seguirlo.

    Valverde immenso si è dovuto inchinare ad un prodigio
  3. Ser pecora:

    Secondo me è il tipo della Alpecin che fatto l'errore, e non per il vento. Poi sono andati tutti per terra per colpa sua.
    Ma dubito che sia stato per una folata a 100km/h. E' solo che il polverone in quel punto ha fatto scena.
    Guardando la gara dalla tv non ho avuto una percezione puntuale. Di certo quelli caduti avanti e vicino ad Alaphilippe, é stato per il corridore che ha tagliato la strada. Per quelli più indietro non saprei: se non é stato il vento, può essere stata anche la brusca frenata sul brecciolino.
Articolo precedente

L’UEC ha aperto una campagna di raccolta fondi per l’Ucraina

Articolo successivo

Remco e Alaphilippe uniti alla Tirreno

Gli ultimi articoli in News