TdF 2021: Wout Van Aert vince la tappa del doppio Ventoux

61

Impresa da annali del ciclismo al Tour de France: Wout Van Aert (Jumbo-Visma) ha vinto in solitaria la 11^ tappa, che prevedeva la doppia ascesa al Mont Ventoux.

Van Aert ha salutato i compagni di fuga poco dopo l’inizio della seconda ascesa, tra cui Julian Alaphilippe, che era transitato in testa nel primo passaggio in vetta, e con ritmo regolare è andato al traguardo, riprendendo anche uno scalatore come Kenny Ellissonde (Trek-Segafredo), poi 2° sul traguardo. 3° il suo compagno di squadra Bauke Mollema.

Van Aert ha percorso tutti i tratti in salita alla velocità media di 22,1km/h. La sua massima velocità in discesa: 99,6km/h.

Dietro gli uomini di classifica hanno controllato la corsa, in particolare la Ineos nel finale grazie al gran lavoro di Michal Kwiatkowski. Negli ultimi 2km di salita però si è aperta una piccola crepa nel muro fin qui inscalfibile di Tadej Pogačar (UAE), che non ha tenuto la ruota di Jonas Vingegaard (Jumbo-Visma), il quale è riuscito a prendere 40″ circa di vantaggio sull’ultimo passaggio in vetta. Poi lo sloveno, recuperato da Richard Carapaz e Rigoberto Uràn, è riuscito a rientrare su Vingegaard e pure a batterlo in volata per il 4° posto. Ma quell’ultimo kilometro prima della vetta rappresenta per tanti la speranza che il Tour si riapra.

Pogačar che resta comunque solidamente in testa nella classifica generale, con 5’18” di vantaggio su Rigoberto Uràn, 5’32” su Vingegaard e 5’33” su Carapaz. Ben O’Connor è scivolato al 5° posto a +5’58”. Enric Mas (Movistar) scende all’8° posto a +7’11”.

Esplosione di David Gaudu (GroupamaFDJ), che ha perso 25’07” nella tappa odierna e saluta cosi il 10° posto per ritrovarsi al 15° a +30’51”. La Groupama completa la giornata con il ritiro di Miles Scotson, diventando cosi l’unica squadra con 4 corridori rimasti. Giornata no anche per Nairo Quintana, che ha perso ben 33′ oggi, ma resta in testa alla classifica maglia a pois, incredibilmente tallonato a -7 punti da Van Aert.

Commenti

  1. Spaventoso quanto renda su ogni terreno questo fenomeno, tifo per l'altro crossista ma wva è davvero incredibile, ieri volata e oggi via a frullare camionate di watt, bello regolare e mostruoso su tutta la salita
    Imho la crono olimpica è sua e occhio anche alla prova in linea
  2. andry96:

    Però proprio perché è uno Scania rispetto a vdp deve gestire bene l' 1vs1
    Mentre all'altro esce naturale dare mazzate a destra e a manca finché non si scrolla gli avversari di dosso
    ho visto tante gare di cx, vdp vs wva . wva secondo me ha più numeri, però se soffre di testa gli calano anche i numeri.
    a ostenda ai mondiali ha vinto vdp, ma che gara! wva tagliava in due la spiaggia.
    comunque un passista scalatore di questo calibro se si mette capo basso e dosa i watt senza altri pensieri ce n'è per pochi.
    come ganna al giro che fece una salita assurda in posizione crono
  3. Ma chissenefrega del confronto tra i due. Ieri VDP nemmeno c'era, e l'articolo parla Van Aert e della sua impresa
Articolo precedente

TdF 2021: Cavendish vince la 10^ tappa e dice 33

Articolo successivo

SRAM presenta la nuova cassetta FORCE 10-30

Gli ultimi articoli in News