[Test] Camere d’aria Barbieri Next

131

Il mondo delle camere d’aria si è rivitalizzato negli ultimi tempi grazie a dei nuovi prodotti molto leggeri e compatti. Tra le più recenti nuove entrare ci sono le camere d’aria NXT di Barbieri.

Barbieri NXT

Queste camere d’aria sono realizzate in materiale termoplastico, come le note camere d’aria Tubolito. La valvola nel campione che abbiamo provato era lunga 45mm. Le Barbieri NXT vengono offerte, nel modello Race da strada, con valvola Presta, non smontabile, in 2 lunghezze: 45 e 75mm, in un brillante colore verde che le distingue dai concorrenti.

Barbieri NXT

Come per le concorrenza occupano poco spazio da ripiegate, circa la metà di una camera d’aria classica, e sempre rispetto soluzioni tradizionali in butile pesano meno della metà, come verificato bilancia alla mano.

NXT

Il montaggio non presenta alcun problema. L’unica raccomandazione è di non gonfiarle fuori dal copertone a più di 0,3 bar, in quanto il materiale termoplastico si deforma in modo permanente e quindi poi potrebbe essere difficoltoso, se non impossibile, inserirle nel copertone.

Barbieri commercializza anche un kit di riparazione specifico per queste camere composto di 4 pezze adesive al costo di 7,50€ (5€ in offerta ora). Da quando le abbiamo montate però non abbiamo ancora bucato, dopo circa 2000km, anche se le abbiamo montate con copertoni (Pirelli) nuovi.

Stupefacente la tenuta della pressione: in circa 2 mesi non hanno praticamente mai perso pressione.

Le Barbieri NXT vengono vendute a 18,60€ per le 45mm e 21eu per le 75mm. Da mesi però sono in offerta sul sito Barbieri a 14,88eu e 16,80eu rispettivamente, prezzo che le rende decisamente attraenti, visti gli innegabili vantaggi che questa tipologia di camere propongono.

Sito Barbieri Next

 

Commenti

  1. Immax:

    Ti dirò: ho pedalato sia con biciclette Decathlon che con altre (attualmente uso orbea) e al di là delle evidenti differenze relative ai montaggi offerti (dipendenti chiaramente dal prezzo in tutti i casi) io queste differenze non le ho trovate neanche analizzando i dati oggettivi forniti dai sensori e poi elaborati.
    Aggiungo che la bici è la seconda o terza attività sportiva (la primaria è la corsa) e che accumulo ogni anno parecchie centinaia di ora di allenamenti e ritengo quindi di parlare con cognizione di causa.

    Poi certo di fronte a chi macina almeno 10.0000 km in sella ogni anno mi metto in ascolto in religioso silenzio.
    Non capisco tanto invece commenti come il tuo che sembrano (ma magari ho capito male) denigrare chi compra Decathlon a prescindere dalla reale esperienza e dalle prestazioni offerte e/o richieste al mezzo.....
    Perché faccio almeno 12000 chilometri l'anno e avendo sensibilità pari ad 1 rispetto alla tua pari a 0 (come da te confessato) posso dire che tra una bici Decathlon ed una BMC ad esempio c'è un abisso e la prima non la vorrei neanche regalata
  2. bomberos:

    Il rapporto peso potenza e' dato solo dal ciclista...la bici ha una incidenza infinitesimale diciamo che e' un placebo
    Chi ha il motore va forte anche con bici piu' pesanti
    Spiegalo a pogacar che l’anno scorso correva con bici rim per risparmiare qualche grammo
Articolo precedente

Giro 2022: Cavendish vince la terza tappa

Articolo successivo

Giro 2022: Lennard Kämna vince la quarta tappa. Juan Pedro Lopez è la nuova Maglia Rosa

Gli ultimi articoli in Test