Abbiamo provato il completo Santini estivo composto da maglia SLEEK 99, maglia BETA LIGHT e calzoncini IMPACT.

In realtà la maglia Beta Light è un capo che può coprire anche le mezze stagioni autunnali e primaverili, a patto che le temperature siano miti, minimo un 10°.

Partendo proprio con questa maglia, la Beta Light è realizzata in tessuto Windstopper Laminated 178, il quale ha una consistenza morbida e non troppo spessa. Meno di una Gabba di Castelli, ma più sul tipo della Perfetto della stessa azienda.

La vestibilità è molto “racing” nello stile in voga oggi, ovvero molto aderente sulla parte alta del corpo, con le maniche di media lunghezza, quasi fino al gomito, e una parte posteriore molto lunga, a coprire la parte superiore dei pantaloncini.

Sulla parte posteriore sono presenti le classiche tre tasche più una piccola con zip sulla destra per contenere telefoni o portafogli. Le tasche esterne hanno un taglio asimmetrico che segue la sciancratura sui fianchi, e si rivelano molto comode per contenere, ma soprattutto trattenere ciò che vi si ripone.

La tenuta al vento è eccellente, tanto che si può tranquillamente utilizzare la Beta Light anche senza portarsi dietro una mantellina antivento, che poi è il concetto per cui è stata concepita. Ha anche una discreta repellenza all’acqua, il che non vuol dire impermeabilità, ma se cadono le proverbiali due gocce con la Beta Light si riesce ad arrivare a casa senza essere inzuppati. Tranne che sui pannelli in lycra, posti nei punti di maggior traspirazione del corpo (in nero nelle foto).

La tenuta al vento è garantita sulla parte frontale anche da una doppia fodera interna lungo la zip.

Un ottimo capo, che critico solo nell’eccessiva lunghezza della parte posteriore. So che è in linea con altri capi simili, e che l’idea è quella di essere riparati dagli spruzzi provenienti dalla ruota posteriore, ma non essendo un capo antipioggia personalmente preferirei che questa parte fosse meno lunga in modo da non soffrire il riscaldamento dovuto al raddoppio di tessuto su quella parte, dato anche dalla fascia elastica terminale, in particolare con le temperature limite di utilizzo della Beta Light (20° circa).

Ottimi anche i pantaloncini Impact. Questi pantaloncini hanno la particolarità di avere i pannelli laterali sulle anche in materiale Impact di Sitip con il lato anti-abrasione Dyneema. L’idea è quella di fornire una protezione nelle eventuali cadute e conseguenti scivolate sull’asfalto. Per fortuna non posso offrirvi un feedback su questa eventualità e sul grado di protezione, ma posso darvelo per quanto riguarda la qualità del fondello C3. Questo fondello ha ottimo spessore, oltre ad avere la superficie “pallinata”, molto simile ad Assos. Ed anche il confort è molto simile, quindi ottimo. Come ottima è la scelta delle fasce terminali sulle gambe molto alte in modo da distribuire bene la pressione esercitata dalla parte interna siliconica che mantiene fermo il tessuto sulle cosce.

Parte alta della salopette in rete.

Per finire la maglia Sleek 99. Una maglia realizzata con lo stesso taglio e materiali di quella rossa della Vuelta España, di cui Santini è sponsor tecnico. Il fitting è contemporaneo, con maniche di media lunghezza, molto aderente e sciancrata. Tre tasche posteriori. La caratteristica peculiare è il tessuto Rudi grazie al quale questa maglia pesa solo 120gr in taglia M. Una maglia leggerissima per le calde giornate in bici.

Sito Santini Beta Light Prezzo: 145eu (ora scontato)

Sito Santini Impact Prezzo: 185eu

Sito Santini Sleek 99 Prezzo: 90eu