[Test] Campagnolo Super Record Wireless e Bora Ultra WTO

36

Campagnolo ci ha mandato una Trek Madone SLR montata con la nuova trasmissione wireless Super Record e le nuove ruote Bora Ultra WTO 45. Si tratta di una video recensione che esula dai dettagli tecnici dei prodotti, in quanto presentati precedentemente qui (Super Record) e qui (Bora Ultra WTO). La bici non si trova sul mercato con questo montaggio, ma per chi scrive è un vero spettacolo alla vista. E non solo, come potrete scoprire investendo 12 minuti della vostra vita in questo video:

Campagnolo

Foto-dettagli

Commenti

  1. Intanto su bike24 c'è il "vecchio" EPS col 62% di sconto, ovviamente ne ho ordinato uno, anche se al momento non ho un telaio su cui montarlo
  2. Lupin III:

    Comprare un gruppo elettronico uscito nel 2019 conviene? Mi spiego: per quanto tempo sarâ assicurato il supporto/aggiornamento software? I pezzi si troveranno ancora per lungo tempo?
    è un cambio da bici... una volta risolti eventuali i problemi di gioventù gli aggiornamenti software a cosa servono?
  3. paoloderapage:

    no, un cambio elettronico non è come uno smartphone o un computer... è come un macchinario industriale che gira 30anni con lo stesso software facendo le stesse identiche cose nello stesso modo.
    Il problema ricambi poi non dipende da elettronico o meccanico, dipende dalla diffusione del prodotto e dalla serietà della casa produttrice. Ancora oggi trovi senza problemi ricambi per prodotti di 15-20anni fa mentre si fatica per cambi più nuovi e di nicchia.
    I macchinari industriali non sono prodotti consumer, anche per via dei costi, quindi le aziende che li producono devono garantire ai professionisti che li usano per guadagnare soldi (non amatori che invece li spendono), un orizzonte temporale di supportabilità molto lungo, tant'è che spesso dopo la vendita propongono contratti di supporto che garantiscono riparazioni e ricambi.

    Il cambio elettronico, piaccia o no, è un prodotto consumer, e quando la casa produttrice dei microprocessori smette di produrli e lancia un last buy, Campagnolo, Shimano o SRAM hanno due strade, o farsi un magazzino o riprogettare l'elettronica con costi non sempre sostenibili dati i volumi, se ancora oggi trovi ricambi del Di2 è solo per una scelta commerciale di Shimano, altri produttori potrebbero non fare la stessa cosa.

    Che poi un'orizzonte temporale di dieci anni sia sufficiente, perché poi si cambia la bici, è solo una scelta del singolo amatore.

    Infine, le batterie dei moderni sistemi come i cambi, come afferma anche il Ser, non sono solo degli accumulatori ma hanno al loro interno l'elettronica di gestione, infatti raramente sono compatibili tra loro, e questa è ancora una volta una scelta commerciale.
Articolo precedente

Continental lancia le camere d’aria ContiTPU

Articolo successivo

Benjamin Thomas rompe il digiuno Cofidis al Giro

Gli ultimi articoli in Test