Tour di “livello gigantesco”

206

Interessante discussione avvenuta tra i commentatori belgi di Sporza Michel Wuyts, José De Cauwer, Christophe Vandegoor e l’ex campione di ciclocross Sven Nys  riguardo il livello di prestazioni del Tour de France, partita dalle dichiarazioni di Thomas De Gendt (Lotto-Soudal) e Greg Van Avermaet (Ag2R-Citroën).

I due campioni belgi hanno parlato delle loro prestazioni di ieri, con De Gendt che si è detto “sorpreso” dall’aver fatto una prestazione tra le sue migliori e comunque non essere riuscito a stare nemmeno lontanamente con la prima parte del gruppo.

De Gendt: “Ho corso uno dei miei migliori 10 minuti di sempre dalla partenza. Di solito con quei numeri l’intero gruppo va in pezzi, invece ero 100mt indietro in un gruppo di 70 corridori. E sono partito dalla prima fila“.

De Gendt infatti ha terminato 59°, tra Dylan Van Baarle (Ineos) e Sepp Kuss (Jumbo-Visma) a ben +29’22” da Ben O’Connor, vincitore di tappa. De Gendt è tra i pochi professionisti che non si cura di oscurare i dati su Strava e pertanto eccoli qui:

271W medi per 5h13′, 312W la potenza media ponderata. Per rimanere sulle sole salite, ha realizzato una VAM di 1118 sulla prima asperità del Col de la Saisie de Flumet (1200 negli ultimi 7km); 1378 sul Col de Pré (12km); ed attorno ai 1000 e qualcosa sulla parte finale della salita di Tignes (quando presumibilmente ha tirato in remi in barca).

Se si prendono gli stessi segmenti fatti da Aurelién Paret-Peintre, scalatore della Ag2R-Citroën, arrivato 21° a 10’23” dal vincitore, le Vam per le stesse salite sono: 1116, 1429, 1220. In particolare il francese è andato abbastanza più veloce sulla parte in falsopiano-salita dal Col de la Saisie al Cormet de Roselend.

Per paragone ecco i dati della vittoria di Ben O’Connor:

313w medi, 344w potenza media ponderata. VAM sulle salite di riferimento: 1260, 1471, 1280.

Da notare che O’Connor pesa 67kg, Paret-Peintre 64kg e De Gendt 73kg.

Dello stesso avviso Greg Van Avermaet, che ha condiviso le stesse “dure conclusioni” di De Gendt: “ho corso con i miei valori migliori, ma sono rimasto nell’ultimo gruppo. Gli altri hanno semplicemente corso più veloce“.

È stato quindi Sven Nys a dare la sua interpretazione: “È stata una grandissima corsa offensiva. Il fatto che De Gendt abbia ancora tirato fuori quei watt dopo una settimana cosi intensa è enorme. E tuttavia non è nemmeno nei primi 70. Il livello è gigantesco. Impressionante. Se non pedali a 7W/Kg non hai veramente niente da dire al Tour. C’è una enorme quantità di talenti. Corrono veramente con la testa contro il muro senza curarsene. Il risultato sono delle corse veramente appassionanti“.

Vandegoor ha aggiunto: “Ogni giorno è corso come una classica. E non tutti gli anni il Tour è disegnato cosi, con le prime tappe disegnate per corridori come Van der Poel e Van Aert. Hanno aggiunto una nuova dimensione al Tour, che si è riflessa nella competizione. Viste le prestazioni dei migliori corridori in queste tappe il livello del Tour è talmente alto che i più vecchi sono in difficoltà. Quelli sono uomini con una grande esplosività, con cui spazzano via gli altri.  De Gendt e Van Avermaet sono buoni corridori, ma Van Aert e Van der Poel sono migliori. La rivoluzione era già evidente in primavera“.

Wuyts ha concluso dicendo: “Erano 30 anni che non vedevo un livello del genere“.

 

 

 

Commenti

  1. Giusto un pensiero per concludere su Vayer: a più riprese lui ha detto che aveva accesso a tutti i file degli SRM dei corridori della Festina e che ne ha conservati centinaia. La mia impressione, sbaglierò, è che lui guardi più o meno i tempi delle salite di quei corridori (che ovviamente erano belli carichi) e quando un corridore ci si avvicina o fa meglio per lui scatti l'accusa di doping.

    Poi se non sono gli stessi prende i pezzi che gli vanno bene a lui. Che tanto il risultato è sempre lo stesso: sono tutti dopati sempre e comunque. Con l'eccezione di Péraud, in particolare quando ha fatto 2° al Tour. Lo allenava lui....
  2. Ser pecora:

    ..... La mia impressione, sbaglierò, è che lui guardi più o meno i tempi delle salite di quei corridori (che ovviamente erano belli carichi) e quando un corridore ci si avvicina o fa meglio per lui scatti l'accusa di doping.

    Poi se non sono gli stessi prende i pezzi che gli vanno bene a lui. Che tanto il risultato è sempre lo stesso: sono tutti dopati sempre e comunque. ............
    E non sono gli stessi ragionamenti che fanno molti anche qui sul forum?
    Pogacar fa lo stesso crono di Pantani. Allora è dopato.
    Ma la salita di Pantani era più lunga di 500 metri al tempo perchè si arrivava più su. Non importa, Pogacar è dopato.
    E via così.

    p.s. ovviamente il livello del Tour è basso.
  3. Ser pecora:

    Io sinceramente poi non ho mai capito sta storia del bidet coi francesi ;nonzo% Fossero l'unico paese dove non ci sono...praticamente tutto il nord-europa/nord-america non li ha....
    Credo per la rivalità intrinseca, non me lo sono mai spiegato nemmeno io.
    Se poi pensi che c'è gente al mondo che mette l'ananas sulla pizza, credo che i problemi veri siano altri :mrgreen:
Articolo precedente

Il Medioevo è ancora qui

Articolo successivo

TdF 2021: Cavendish vince la 10^ tappa e dice 33

Gli ultimi articoli in Magazine