VanMoof è un marchio di bici urbane olandese dal design molto riconoscibile. All’interno delle loro bici SmartBike è piazzato un Tracker Bluetooth con cui sono rintracciabili se rubate, e lo sfruttano per mandare dei loro “BikeHunter”, cacciatori di biciclette, a recuperarle con l’equipaggiamento adatto. Questo se si aderisce al servizio “Piece of Mind”, dal costo di 240eu per 3 anni. Il tutto lo documentano nel loro sito.

Interessante il caso di una bici rubata a Parigi, in Francia, e recuperata a Casablanca, in Marocco. Non tanto per il recupero in se, ma perché una volta contattato il ladro con una scusa, hanno scoperto che in realtà il “nuovo proprietario” era uno studente in medicina che aveva acquistato la bici una non fa una “rivenditore” locale. Entrati nel deposito di costui hanno scoperto che era pieno di centinaia di bici di ogni tipo, compresi modelli di alta gamma. Il che fa presumere ad un traffico internazionale ben organizzato. Ora al vaglio delle autorità locali.

Nel frattempo allo studente di medicina è stata lasciata la bici per l’aiuto ed al proprietario francese derubato ne è stata data una nuova.

Il tutto è finito in un video:

VanMoof non è nuova a trovate del genere. Qualche anno fa si era fatta buona pubblicità per aver dichiarato che aveva ridotto dell’80% i danni da trasporto delle proprie bici imballate ai clienti scrivendo sullo scatolone che conteneva Televisori.

Insomma, infinite sono le vie che prendono le bici rubate.