Velon fa causa all’UCI

/
22

Velon è un consorzio di squadre World-Tour (Ineos, Deceuninck-Quick Step, Jumbo-Visma, Bora-Hansgrohe, Trek-Segafredo, Mitchelton-Scott, Sunweb) che da qualche anno cerca di gestire e promuovere degli eventi propri, le Hammer Series, per slegarsi dagli organizzatori istituzionali (7 organizzatori gestiscono 25 eventi su 38 del World Tour) ed aumentare i propri introiti. Ora Velon, con l’unanimità dei propri sostenitori, ha annunciato di aver aperto una causa il 20 settembre contro l’unione ciclistica internazionale (UCI) con lo scopo di “chiedere alla commissione europea di verificare il modo in cui l’UCI ha manipolato il regolamento esistente ed ha cercato di introdurre nuove regole concepite per favorire gli interessi commerciali dell’UCI a detrimento delle squadre“.

In particolare Velon solleva i seguenti punti:

-L’UCI si è rifiutata di iscrivere le Hammer Serie tra gli eventi UCI senza dare spiegazione dei motivi ed avrebbe minacciato le squadre Velon di non iscrivere le serie tra gli eventi 2020 nel caso le squadre vi partecipino in ogni caso, cosa che le squadre ovviamente intendono fare.

-L’UCI avrebbe cercato di ostacolare le serie nonostante il responso positivo da parte di pubblico e città ospitanti.

-L’UCI avrebbe cercato, attraverso nuove regole implementate dalla commissione frodi tecnologiche, di appropriarsi dei dati in diretta dei corridori, specificità implementata e lanciata da Velon (il cosiddetto Velon Live). Il tutto senza consultare le squadre.

Lo scopo di questa denuncia da parte Velon è quello dunque di far intervenire un ente terzo per far valere i propri diritti rispetto l’UCI, la quale abuserebbe della propria posizione e privilegi a discapito delle squadre stesse, che invece dovrebbe tutelare.

Gli sviluppi di questa azione legale potrebbero essere sicuramente interessanti e da seguire.

Commenti

  1. Parecchio interessante ...
    A me non è ben chiaro questo passaggio: "-L’UCI avrebbe cercato, attraverso nuove regole implementate dalla commissione frodi tecnologiche, di appropriarsi dei dati in diretta dei corridori, specificità implementata e lanciata da Velon (il cosiddetto Velon Live). Il tutto senza consultare le squadre "
    Capisco che vuole vendere i dati ricavati dai corridori (potenza, battiti, velocità), che attualmente dovrebbero essere di proprietà dei corridori e delle squadre, ma non ho capito in che modo.
  2. ildoppingnonvincemai:

    Parecchio interessante ...
    A me non è ben chiaro questo passaggio: "-L’UCI avrebbe cercato, attraverso nuove regole implementate dalla commissione frodi tecnologiche, di appropriarsi dei dati in diretta dei corridori, specificità implementata e lanciata da Velon (il cosiddetto Velon Live). Il tutto senza consultare le squadre "
    Capisco che vuole vendere i dati ricavati dai corridori (potenza, battiti, velocità), che attualmente dovrebbero essere di proprietà dei corridori e delle squadre, ma non ho capito in che modo.
    È una questione di diritti d'immagine. Velon sta cercando grazie a Velon Live di appropriarsene, non solo con i dati di telemetria, ma anche con le videocamere sulle bici. Ovviamente questo non piace agli organizzatori delle gare che vendono i diritti tv, né presumibilmente alle tv che devono pagare due "fornitori" diversi.

    Quello che mi lascia dubbioso è la pretesa di Velon di non volere una "redistribuzione" dei proventi, ma la creazione di nuove fonti di guadagno.
    Nel caso di Velon Live non so quanto le tv siano interessate a comprare i diritti di tali immagini oltre a quelle della corsa. Mi sembra più un modo per mettere pressione agli organizzatori proprio per una redistribuzione. Solo che lo fanno attraverso l'UCI invece che direttamente contro gli organizzatori, che obiettivamente se ne fanno una baffo delle squadre.
  3. Ser pecora:

    L'ho già spiegato altre volte: il ciclismo ha la peculiarità di svolgersi all'aperto su percorsi e gli organizzatori monetizzano su questi, non sulla gara in se.
    Negli altri sport le squadre hanno stadi, merchandising, trafficano con i cartellini dei giocatori, etc.. Nel ciclismo se decidono di fare un mese di sciopero e saltano un grande giro o le classiche lo sponsor le saluta e loro chiudono...(fondamentalmente gli sponsor grossi sono interessati alla visibilità dei grandi giri, il resto è contorno).........
    Chi gli vieta di consorziarsi in un ente che organizzi il giro d'Italia? Le Dolomiti ecc. non sono di ASO, RCS o dell'Uci. Sono dei comuni, regioni ecc. Ovvio, che ciò presuppone un fronte comune forte.

    Ser pecora:

    ........ Come se le squadre di calcio si inventassero la coppa X...credo che UEFA, FIFA inarcherebbero il sopracciglio.
    Hanno infatti minacciato più volte di farlo, hanno creato degli organismi di loro rappresentanza e tutto sommato grazie allo sbandierare di loro tornei autogestiti, hanno ottenuto maggiori introiti.
Articolo precedente

André Greipel ha rescisso il contratto con la Arkéa-Samsic

Articolo successivo

Il polpaccio di Brajkovič fa sensazione

Gli ultimi articoli in Magazine

Finalmente Ganna!

Desenzano del Garda, 18 maggio 2024 – Filippo Ganna (Ineos Grenadiers) ha vinto la quattordicesima tappa del Giro…

Milan mette la terza

Cento, 17 maggio 2024 – Jonathan Milan (Lidl-Trek) ha vinto la tredicesima tappa del Giro d’Italia 107, la Riccione-Cento…