Anche alle squadre pro manca il materiale tecnico

34

Sul quotidiano francese l’Equipe si fa oggi il punto sulla mancanza di materiale che affligge non solo i comuni consumatori, ma anche le squadre professionistiche, ed interpellano le squadre World Tour francesi.

La causa di questa mancanza di materiale è oggetto di analisi da ogni parte, ma fondamentalmente è dovuta ad un’ esplosione della domanda alla fine dei vari lockdown dello scorso anno (circa un 30% in più di vendite nel settore rispetto l’anno precedente), ma si tratta di una domanda composta in modo molto differente, con conseguente fatica da parte della filiera delle forniture a soddisfarla.

Ed al contrario di quanto forse alcuni pensano non ci sono canali produttivi “speciali” per il mondo professionistico, il quale quindi risente dei ritardi nelle forniture come tutti. Come spiega ad esempio Thomas Damuseau, responsabile dei materiali della AG2R-Citroën: “Prima quando un deragliatore era danneggiato lo buttavamo. Oggi lo teniamo e lo facciamo aggiustare. Una cosa totalmente inedita.”

Marc Madiot, Team Manager della Groupama-FdJ: “Stiamo ancora aspettando una grossa consegna da Shimano. Il materiale ha lasciato l’Asia ed ora è nei Paesi Bassi. I telai del nostro sponsor Lapierre sono già arrivati, quindi speriamo di avere le bici pronte per lo stage di ripresa (dal 12 al 21 dicembre a Calpe, in Spagna -ndr-). Ma finché non avremo ricevuto tutto non sono tranquillo

Sempre Damuseau della AG2R racconta come sia stato fondamentale anticipare gli ordini e pensare ad alternative: “Dopo quello che abbiamo vissuto negli ultimi mesi molte squadre dovranno ripensare la scelta dei propri fornitori. Noi pensiamo già al 2023“.

Questo scenario inedito porta le squadre a fare economie impensabili prima di questo periodo. Ad esempio non venderanno più le bici della stagione passata agli amatori, ma molte squadre le conserveranno per utilizzarne dei componenti. Un meccanico di una formazione WT stima attorno ai 200.000eu i mancati introiti da queste vendite: “bisogna utilizzare ancora le bici 2021 per non arrivare “nudi” ai primi allenamenti del 2022“.

Sempre Madiot spiega come la Groupama “venderà le bici della stagione passata solo quando avremo il materiale nuovo“.

La situazione è riassunta da Damuseau: “Per ora è esponenziale, più continua più le mancanze sono importanti, ma a medio termine è possibile che la domanda si stabilizzi e che ci si ritrovi con la situazione inversa, con una produzione smisurata ed i magazzini pieni. Gli specialisti dell’industria della bicicletta non hanno alcuna idea di quello che ci aspetta, siamo nell’incertezza più totale“.

In realtà è più probabile che gli specialisti  dell’industria un’idea di cosa ci aspetti ce l’abbiano, anche se di poco conforto per pro e consumatori.

 

 

 

Commenti

  1. Ser pecora:

    Tanto che uno dei primi produttori al mondo già un anno fa era molto cauto sull'opportunità di aumentare la capacità produttiva in questo periodo: https://www.nytimes.com/2020/08/17/business/giant-bikes-coronavirus-shortage.html

    Articolo che smonta anche alcune idee preconcette che girano sul Far-east
    Il link che hai postato mi chiede di abbonarmi per leggere l articolo non riesco a leggerlo. Se hai un altro modo per postarlo lo leggo volentieri.

    Grazie
  2. Fill:

    ma c'è anche molta speculazione.
    ma speculazione di chi? provate a cercare il significato della parola sul vocabolario.
    la speculazione è di quei "bravi cittadini" che al 22 febbraio 2020 avevano depredato i supermercati dei prodotti di prima necessità lasciando gli scaffali vuoti.
    Quello è un tentativo di speculazione (ovviamente molto stupido).
    la speculazione sarebbe stata quelle di comprare barili di petrolio a maggio/giugno 2020 (ad avere posto dove stoccare), o comunque giocare con le quotazioni di Brent e WTI (specie le seconde che sono state per un po' negative) per chi è avvezzo a quel genere di investimento.
    la conseguenza di aumento di domanda è un aumento di offerta, i mercati attualmente sono in un collo di bottiglia.
Articolo precedente

Tadej Pogačar ha vinto il Vélo d’Or 2021

Articolo successivo

Johnny Carera, agente di vari campioni, in gravi condizioni

Gli ultimi articoli in Magazine