ASO cancella le corse di Aprile

ASO cancella le corse di Aprile

17/03/2020
Whatsapp
17/03/2020

Amaury Sport Organisation (ASO) ha annunciato che Paris-Roubaix (12 aprile), Liège-Bastogne-Liège (26 aprile) e Freccia Vallone (22 aprile) non verranno organizzate nelle date previste, ma in accordo con l’UCI verranno spostate, se possibile, a date da destinarsi.

Anche le relative ciclosportive amatoriali sono cancellate.

Ad oggi sono cancellate tutte le corse WorldTour previste ad Aprile, fatte salve la Amstel Gold Race. Tra le corse Europe Tour sono cancellate il Tour of the Alps, Tour of Yorkshire, Giro dell’Appennino e la Tro-Bro-Leon

Commenti

  1. Maxfire:

    Ci rivediamo per chi ci sarà nel 2021. Anno così in tempi moderni non ha precedenti e probabile che niente sarà uguale a prima e prima di rialzarsi da una batosta del genere ci vorranno decenni. Il ciclismo sarà un lusso che sarà ripreso quando ci sarà una parvenza di società normalizzata come d'altronde tutti i sport. Scusate ma vedo che si va avanti sperando che sia solo un raffreddore che dopo un po' passa, annunciando di volta in volta le gare annullate. Purtroppo non è così, stiamo di fronte ad un nemico invisibile che se non si trovano armi adeguate ci costringerà a trovare un modello sociale inimmaginabile con interazioni umane al minimo e spostamenti a breve distanza.
    Magari mi sbaglio ed è solo un brutto sogno.
    azz che catastrofista
    per me il tour si farà, se così non fosse vorrebbe dire che analogamente tutto lo sport internazionale sarebbe ancora fermo. gli interessi economici sono troppo grandi perchè tutto rimanga fermo ad oltranza, ci sono competizioni già in corso che attendono di essere terminate, per le quali si stanno organizzando in questi giorni date alternative.
    Che si arrivi a un modello sociale definitivamente stravolto come lo ipotizzi vorrebbe dire il fallimento di moltissime aziende e un ridimensionamento pesante per tutta l'economia globale. vorrebbe dire che alcune strutture produttive verrebbero intaccate definitivamente, non momentaneamente congelate, vorrebbe dire che non sarà trovata nessuna cura e che il virus continui a propagarsi incessantemente senza immunità. credo e spero proprio che non sarà così.
  2. Scaldamozzi ogni tanto:

    Invece per me ha ragione.
    In Cina non ne sono ancora usciti nonostante siano partiti un mese prima dell’italia.
    Qua non siamo ancora arrivati al picco, significa essere nelle condizioni della Cina a fine maggio.
    L‘europa è un paio di settimane indietro all’Italia e siamo a metà giugno.
    Non credo che si possa pensare di mettere in moto tutto gruppo, giornalisti, carovana e persone per strada senza rischiare di diffondere ancora il contagio.
    il figlio di un mio amico da qualche anno vive a Shanghai.
    ieri ha postato su fb un video dove si vede un sacco di gente in un parco pubblico, tutti con la mascherina ma tutti fuori, in gruppi, all'aperto, con le bici, a passeggiare, a giocare.
    purtroppo non posso mettere il link per motivi di privacy, ma è molto consolante; speriamo passi presto quest'incubo.