Photo by Doug Pensinger/Getty Images)

Bjarne Riis torna in gruppo

68

Bjarne Riis, controverso corridore anni ’90 e Team Manager di successo in varie formazioni (CSC, Saxo Bank e Tinkoff), rientra nel WorldTour grazie all’acquisizione da parte del gruppo danese Virtu Cycling (di cui Riis è proprietario assieme a Lars Seier Christensen e Jan Bech Andersen) di una quota di minoranza (1/3) della NTT Pro Cycling, ex Dimension Data.

Photo by Doug Pensinger/Getty Images)

Riis sarà il nuovo Team Manager della formazione sudafricana, prendendo il posto di Douglas Ryder.

 

https://nttprocycling.com/ntt-pro-cycling-enters-into-partnership-with-virtu-cycling

Commenti

  1. Scaldamozzi ogni tanto:
    Solo qua sul forum, ad esempio, si dice che la situazione è chiara, che si sa cosa succedeva, che il doping era la regola, ma sono solo supposizioni.
    Noi possiamo dire tutto e il contrario di tutto, a meno di non diffamare qualcuno non ci guadagniamo né ci rimettiamo.
    In secondo luogo noi dal ciclismo non ci guadagniamo. Facciamo altri mestieri e mi sembrerebbe alquanto strano che un ex-pro' sputasse nel piatto in cui ha mangiato.
    Tranne Rijs che sta avendo una carriera da direttore sportivo, se non sbaglio, tutti coloro che hanno ammesso il doping fanno altro.
  2. i due con maggiori risorse economiche.

    in ogni caso oggi manca l'osso. non c'è la grande pressione mediatica dietro il doping che c'era 15 anni fa. è un mia impressione ma l'argomento mi pare meno croccante.
    è in corso una sorta di pace assoluta.
    forse è meglio così oppure era inevitabile accadesse.

    solo con regole che puniscano i vertici e non la base è possibile avere un tipo di gestione diversa. ma la mia è una frase assurda, vuol dire fare a pezzi il giocattolo.
Articolo precedente

Rohan Dennis parla dei suoi disturbi alimentari

Articolo successivo

Grandi corse scomparse: Bordeaux-Paris

Gli ultimi articoli in Magazine