Jakob Fuglsang vince il 114^ Il Lombardia

Jakob Fuglsang vince il 114^ Il Lombardia

Piergiorgio Sbrissa, 15/08/2020

Como, 15 agosto 2020 – Il corridore danese Jakob Fuglsang (Astana Pro Team) ha vinto la 114esima edizione de Il Lombardia presented by UBI Banca, da Bergamo a Como (231 km).
Sul traguardo ha preceduto George Bennett (Team Jumbo – Visma) e Aleksandr Vlasov (Astana Pro Team).

RISULTATO FINALE
1 – Jakob Fuglsang (Astana Pro Team) – 231 km in 5:32’54”
2 – George Bennett (Team Jumbo – Visma) a 31″
3 – Aleksandr Vlasov (Astana Pro Team) a 51″

Il vincitore Jakob Fuglsang, dopo la linea del traguardo, ha dichiarato: “È stata una giornata calda ma siamo andati sempre a tutta. Mi sentivo bene ma sapevo che anche George [Bennett] era in forma, soprattutto dopo la sua vittoria al GranPiemonte mercoledì. Per fortuna c’era Vlasov che mi ha aiutato tantissimo: ha corso da campione. Dopo il Civiglio credevo di arrivare in volata con George [Bennett], poi sul San Fermo ci ho provato e quando ho visto che ero solo ho continuato a spingere a tutta fino traguardo: che bella vittoria!”.

Due episodi negativi: la paurosa caduta di Remco Evenepoel (Deceuninck-QuickStep), caduto all’ingresso di un ponte dopo una curva stretta mentre era nel gruppo di testa. Portato in ambulanza all’ospedale Sant’Anna di Como è però sempre rimasto vigile, lamentandosi di un dolore alla gamba destra. il DS Davide Bramati sembra essere cautamente ottimista. Aggiornamenti a seguire.

Nessuna conseguenza pare per Maximilian Schachmann (Bora-Hansgrohe), a cui un’auto entrata nel percorso ha tagliato nettamente la strada nella discesa finale di S.Fermo della Battaglia.

Commenti

  1. carlcarl:

    cose difficili da controllare, purtroppo...
    purtroppo uno spera anche nel buon senso delle persone ( subendo una delusione il più delle volte), magari la signora non sapeva del Giro di Lombardia, anche se la vedo dura perchè al comune di Como non mancano i soldi per mettere gli avvisi ovunque in città, però schachmann non era il primo a passare, prima di lui sono passati altri corridori e parecchie moto e auto, in più non si è chiesta come mai c'era in strada solo lei, gli striscioni degli sponsor e la gente a bordo strada a guardare? ormai erano arrivati bastava fare l'enorme sforzo di uscire di casa mezz'ora dopo e la strada era aperta
  2. Emmever:

    Su questo hai ragione. Ma le assicurazioni servono a questo, ad avere risarcimento mantenendo i buoni rapporti.
    Si, ma se RCS viene ritenuta colpevole UCI può sanzionarla a maggior ragione. C'è già un'inchiesta in corso a a cui Vegni ha risposto facendo spallucce.
  3. Emmever:

    Boh, forse andrà così. Se fossi io il direttore sportivo e un'auto mettesse fuori uno dei miei corridori poco prima del tour farei partire gli avvocati
    In allenamento senza dubbio, in una corsa minore molto probabilmente, questa volta vedremo.