La Svizzera chiede i soldi dei mondiali annullati all’UCI

La Svizzera chiede i soldi dei mondiali annullati all’UCI

29/12/2020
Whatsapp
29/12/2020

Il governo federale svizzero ed i cantoni di Vaud e Valais, dove si trovano Aigle e Martigny in cui si sarebbero dovuti tenere i campionati mondiali annullati a causa della pandemia, hanno richiesto indietro all’UCI i 10,9 milioni di euro versati per organizzare l’evento.

Il consigliere nazionale Aline Trede alla Neue Zürcher Zeitung ha dichiarato che “sarebbe assurdo per un’associazione sportiva mondiale ottenere milioni di denaro pubblico per un evento che non si è svolto. Chiediamo quindi all’UCI il rimborso immediato del denaro ricevuto dal governo federale, dai cantoni e dai comuni, una volta dedotte le spese sostenute“.

I campionati mondiali di Aigle-Martigny sono stati annullati in ragione delle misure prese dal governo svizzero per contrastare la pandemia di coronavirus. Campionati mondiali che si sono poi tenuti ad Imola, in Italia. Per l’organizzazione dell’evento il solo governo federale svizzero ha versato 5 milioni di euro all’UCI, che come spiega sempre il consigliere Trede: “Si tratta di denaro ottenuto tramite imposte. È una questione urgente per noi“.

Commenti

  1. Se non erro la decisione di annullare i mondiali è stata presa dopo che il governo centrale svizzero ha messo il limite massimo delle 1000 persone ad eventi sportivi quindi si dovrebbe richiedere i soldi come risarcimento al governo svizzero..........sicuro che qui si apre un contenzioso mica da ridere!!!
  2. Già che ci siamo dovremmo costituirci anche noi Italiani come parte lesa dalla Svizzera visto che la regia televisiva è rimasta Svizzera anche se i mondiali si sono svolti a Imola e topGanna non ha avuto un giusto spazio nella diretta della crono.