La Svizzera chiede i soldi dei mondiali annullati all’UCI

20

Il governo federale svizzero ed i cantoni di Vaud e Valais, dove si trovano Aigle e Martigny in cui si sarebbero dovuti tenere i campionati mondiali annullati a causa della pandemia, hanno richiesto indietro all’UCI i 10,9 milioni di euro versati per organizzare l’evento.

Il consigliere nazionale Aline Trede alla Neue Zürcher Zeitung ha dichiarato che “sarebbe assurdo per un’associazione sportiva mondiale ottenere milioni di denaro pubblico per un evento che non si è svolto. Chiediamo quindi all’UCI il rimborso immediato del denaro ricevuto dal governo federale, dai cantoni e dai comuni, una volta dedotte le spese sostenute“.

I campionati mondiali di Aigle-Martigny sono stati annullati in ragione delle misure prese dal governo svizzero per contrastare la pandemia di coronavirus. Campionati mondiali che si sono poi tenuti ad Imola, in Italia. Per l’organizzazione dell’evento il solo governo federale svizzero ha versato 5 milioni di euro all’UCI, che come spiega sempre il consigliere Trede: “Si tratta di denaro ottenuto tramite imposte. È una questione urgente per noi“.

Commenti

  1. Brest:

    Anche perché è stato proprio il governo federale svizzero ad annullare l'evento, quindi i due cantoni dovrebbero chiedere i soldi indietro dal loro governo federale ed il governo federale svizzero dovrebbe chiedere i soldi indietro da se stesso
    l'UCI non è un ente statale. Se il governo federale chiede indietro i soldi ad un'azienda svizzera, non è così facile ignorarlo. Questo intendevo ;-)
  2. Obiettivamente capisco il punto di vista dei due Cantoni, ma che tra i pretendenti ci sia anche il governo federale, responsabile causa forza maggiore dell'annullamento, mi pare un po' curioso.
  3. luccio50:

    giuridicamente il governo federale non ha proibito l’evento = non risponde dei danni verso nessuno
    Non l'ha proibito ma l'ha reso impossibile con il limite delle 1000 persone per le manifestazioni (generico, non 1000 spettatori).

    Poi la presenza o meno della forza maggiore mi sa che non basta, bisogna vedere cosa prevedeva il contratto e quali sono le leggi e la giurisprudenza svizzera. Un bel groviglio, insomma.
Articolo precedente

Valerio Conti investito in allenamento

Articolo successivo

Roglic e Dumoulin si interrogano sulla prestazione di Pogačar

Gli ultimi articoli in Magazine