Luke Durbridge positivo al covid al Tour

32

Nella sorpresa generale ieri al Tour non si sono rilevati casi di positività al covid, dopo che l’organizzazione aveva testato tutti i ciclisti. Ma oggi un test interno della Bike-Exchange Jayco ha rilevato Luke Durbridge positivo, dopo che il corridore aveva lamentato sintomi lievi. Pertanto il cronoman austrlaiano e non prenderà il via alla 10^ tappa, come ha annunciato dal Team.

Dopo 9 tappe del Tour, Durbridge era 90° nella classifica generale, a 52’22” da Tadej Pogacar. Era al suo ottavo Tour.

Sabato scorso ci sono stati già test positivi al cornoavirus nel Tour: il francese Geoffrey Bouchard (AG2R Citroën) e il norvegese Vegard Stake Laengen (UAE Team Emirates). Domenica si è aggiunto anche il test positivo del francese Guillaume Martin, leader della Cofidis.

Prima dell’inizio del Tour erano risultati positivi, tra gli altri, Tim Declercq (Quick-Step Alpha Vinyl), Matteo Trentin (UAE Team Emirates) e Bryan Coquard (Cofidis). Inoltre sono risultati positivi ben 4 componenti dello staff della QuickStep-Alphavinyl.

Ieri i corridori hanno goduto di un secondo giorno di riposo. Oggi una tappa di montagna di 148,1 km li attende, con partenza da Morzine e arrivo su un passo di seconda categoria a Megève.

Commenti

  1. Ser pecora:

    George Bennett (UAE) positivo ed a casa anche lui. Majka pure positivo, ma resta in corsa per la bassa carica virale.
    Pogacar sempre piu' solo.
    Posto che è teoricamente tecnicamente possibile che ieri fossero tutti negativi ai controlli ufficiali, e oggi tutti positivi (uno ok, due meh, ma tre?) non è un po' ridicola sta cosa?
    Per carità magari se lo son presi in gruppo tutti contemporaneamente e quindi scatta per tutti la positività da oggi, però boh... mi sembra quantomeno statisticamente curiosa come cosa...
  2. kekino:

    Posto che è teoricamente tecnicamente possibile che ieri fossero tutti negativi ai controlli ufficiali, e oggi tutti positivi (uno ok, due meh, ma tre?) non è un po' ridicola sta cosa?
    Per carità magari se lo son presi in gruppo tutti contemporaneamente e quindi scatta per tutti la positività da oggi, però boh... mi sembra quantomeno statisticamente curiosa come cosa...
    a me il "dubbio" è solo sul fatto che Majka abbia carica virale bassa, ovvero, credo, che sia nella fase "finale" la malattia
    se è in fase "scadente" di gravità, possibile che in meno di 24 ore l'abbia contratto e già quasi smaltito?
  3. Ser pecora:

    ho già scritto: ipotizzo che abbiano fatto un tacito accordo per cui li hanno trovati tutti negativi, ma poi le squadre si impegnano a mandare a casa i positivi con sintomi. D'altronde è nel loro interesse, perché non sai come uno possa reagire al contagio, e far mangiare nella stessa ciotola uno positivo, anche se asintomatico, con il capitano negativo non è furbo perché il secondo potrebbe sviluppare sintomi. Che a questo livello, anche se blandi, possono comunque compromettere la corsa.

    Al limite posso capire corridori di secondo piano, che stanno in corsa a fondo gruppo anche con qualche sintomo sperando che gli passi e magari tra 10gg potranno combinare qualcosa. Eticamente una porcata, ma ci sta.
    Vanno a casa in base alla carica virale, a prescindere dal l’avere sintomi o meno.
Articolo precedente

Annemiek Van Vleuten ha vinto domenica il Giro 2022, il terzo della sua carriera

Articolo successivo

Magnus Cort all’ultimo metro

Gli ultimi articoli in News

Quintana non si ritira

Nairo Quintana non si ritira. Curioso dare questa notizia “all’inverso”, quando di solito si annunciano i…