Nuova Orbea Orca

Nuova Orbea Orca

05/09/2019
Whatsapp
05/09/2019

Dal primo lancio di un telaio sotto il nome di Orca nel 2003, generazioni di ciclisti che si sono messi su questa bici lo hanno fatto per massimizzare le loro prestazioni in alta competizione. Ora nasce una nuova generazione di Orca, una nuova generazione che si comporta in modo eccezionale in una vasta gamma di condizioni.

Questi anni di evoluzione sono serviti a trovare una nuova Orca che ora raggiunge un livello mai immaginato in termini di leggerezza, rigidità, integrazione, guadagni aerodinamici e anche stili personalizzabili. Per gli atleti che non sono definiti come velocisti, ciclisti o scalatori ma che cercano una bici superlativa per tutto.



Applichiamo le più recenti tecniche di produzione ai materiali più all’avanguardia per trovare un telaio in carbonio completamente nuovo, chiamato OMX, con un peso di soli 833g (misura 53) nell’unica versione sviluppata per questa generazione, il disco.

Un’altra novità dell’immagine è la nuova forma delle sezioni dei tubi, ora più aerodinamica ma senza raggiungere un rapporto che comprometta la leggerezza. Oltre ad altre caratteristiche come la forcella Freeflow con gli steli aperti o l’intersezione dei foderi posteriori, il miglioramento aerodinamico di questa Orca è del 10% rispetto alla generazione precedente.

Per trasmettere tutta la potenza sull’asfalto scommettiamo sulla struttura dinamica, in modo che la parte inferiore del telaio sia progettata per resistere alla torsione delle diverse forze e la parte superiore, invece, sia progettata per assorbire le irregolarità della strada . Nel complesso, il nuovo telaio Orca è più rigido del 15% rispetto alla versione precedente.

Come ci si aspetterebbe da una bici ad alte prestazioni, la geometria è aggressiva, alla ricerca della massima efficienza possibile.

Per quanto riguarda l’integrazione, il fatto di progettare e produrre integralmente la bicicletta ci consente di offrire soluzioni tecniche che aggiungono valore a coloro che guidano una Orca ma mantenendo sempre la nostra identità. Ad esempio: la leggerezza e il minimalismo portano il reggisella a soli 22g di peso che era già visibile nella versione precedente.

La disposizione dei cavi è completamente nuova, con cablaggio interno e invisibile dal manubrio grazie alle anse appositamente progettate per questa nuova Orca. Anche il supporto per il ciclocomputer è completamente integrato. In questo modo aggiungiamo piccoli miglioramenti aerodinamici a una bici dalle massime prestazioni che presenta anche un’estetica pulita ed elegante.

La nuova Orca include il supporto del ciclocomputer completamente integrato nel manubrio. Inoltre, è compatibile con una videocamera o una action cam con supporto standard. Il risultato di tutta questa integrazione consente dei vantaggi a livello aerodinamico ma non tralascia l’estetica, che risulta essere pulita ed elegante.
Un’altra delle nuove caratteristiche della nuova Orca è la sua versatilità nelle possibili combinazioni di coperture, perché consente il pedalare con prenumatici fino a 32c.
LA BICI AD ALTE PRESTAZIONI PIÙ PERSONALIZZABILE


L’evoluzione delle biciclette da corsa ha sempre cercato di migliorare le prestazioni come leggerezza, aerodinamicità o rigidità. Tuttavia, si osserva come sulle strade pedalano nuove generazioni di ciclisti che, oltre a cercare tutti questi miglioramenti nella loro bicicletta, cercano anche storie, tendenze e vivono la cultura competitiva con un maggiore interesse a condividere esperienze più che a diventare ciclisti.

Atleti che cercano le ultime soluzioni tecnologiche, uno stile differenziato e che apprezzano anche una bici che si distingue dal resto. Se finora il MyO ha permesso di creare una bici unica ed esclusiva, basata sui gusti e sull’uso di ciascun ciclista, la nuova generazione Orca diventerà la bici da corsa più personalizzabile.

Attualmente, tramite il configuratore, era possibile scegliere finiture di vernice opaca o lucida, optazre per una vasta gamma di colori o scegliere sfumature in due colori, opzionare una moltitudine d componenti e scegliere la giusta ergonomia. Ora però, Orca presenta gli stili.

Sono delle maschere per la forcella che moltiplicano le possibili opzioni nel MyO. Lo stile “street nature”, ad esempio, include una decalcomania sulla forcella con un design specifico e unico che conferisce alla bici un’estetica raramente vista prima. Altri stili, come titanio o i punti, aggiungono una trama con trasparenza alla forcella in modo che il design possa cambiare a seconda del colore selezionato per lo sfondo.
È la nuova generazione Orca, la bicicletta da corsa più personalizzabile. In termini di utilizzo, in termini di possibilità di montaggio ed ergonomia e anche in termini di design e stile.

 

25
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
24 Comment threads
1 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
17 Comment authors
Mpietro1973Pierre82GSimoSlam Recent comment authors
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
pilade66
Member
pilade66

La personalizzazione dei colori mi intriga molto. E questi che vedo mi piacciono. Purtroppo non ho mai avuto occasione di vedere una Orca dal vivo. Complimenti comunque.

P
Member

L’ennesima geometria del telaio, diciamo così, originale :mrgreen:

robeambro
Member

Guardo alle porcherie grafiche di Cannondale, e poi guardo a quanto siano spettacolari e personalizzabili queste nuove Orbea, e sinceramente farei fatica a comperare la prima, da un punto di vista meramente estetico.

Sent from my iPhone using BDC-MAG.com

V
Member

pedalatalenta L’ennesima geometria del telaio, diciamo così, originale Non capisco dove sia il problema, evidentemente è un tipo di geometria molto vantaggiosa e se è così mi pare ovvio che tutti caschino lì, sono tutte uguali? Beh 15 anni fa non erano (quasi) tutte uguali? Ho letto un articolo che spiegava che per unire comfor, efficienza ed aerodinamica il carro disposto così è praticamente l'unica soluzione attualmente efficace. Vorresti una bici più originale ma che va peggio (per quanto magari poco percepibile)? Io no… 😉 Detto questo, questa orbea, assieme al tarmac, sono le due bici meglio riuscite esteticamente a… Read more »

ulau75
Member

ValeXX Non capisco dove sia il problema, evidentemente è un tipo di geometria molto vantaggiosa e se è così mi pare ovvio che tutti caschino lì, sono tutte uguali? Beh 15 anni fa non erano (quasi) tutte uguali? Ho letto un articolo che spiegava che per unire comfor, efficienza ed aerodinamica il carro disposto così è praticamente l'unica soluzione attualmente efficace. Vorresti una bici più originale ma che va peggio (per quanto magari poco percepibile)? Io no… 😉 Detto questo, questa orbea, assieme al tarmac, sono le due bici meglio riuscite esteticamente a mio gusto. Bellissima, e la personalizzazione sia… Read more »

stambecco
Member

ValeXX Non capisco dove sia il problema, evidentemente è un tipo di geometria molto vantaggiosa e se è così mi pare ovvio che tutti caschino lì, sono tutte uguali? Beh 15 anni fa non erano (quasi) tutte uguali? Ho letto un articolo che spiegava che per unire comfor, efficienza ed aerodinamica il carro disposto così è praticamente l'unica soluzione attualmente efficace. mi piace molto, frutto forse delle colorazioni disponibili e personalizzabili che ho visto nel sito, và però ricordato che "l'articolo" che citi racconta un pò la moda del momento. rileggi gli articoli di una decina di anni fà e… Read more »

U
Member

Orbea a mio avviso ha sempre costruito belle bici, di anno in anno il catalogo diventa sempre piu' raffinato.
La Gravel per esempio a me piace molto.

Questa Orca sembra davvero un prodotto riuscito bene, si il carro basso imposto da un po' di anni dalla BMC oramai è stato adottato da tutti..o quasi.
Mercato della bici e non solo è sempre stato così, chi centra un prodotto tutti gli altri lo seguono..

gasht
Member

stambecco mi piace molto, frutto forse delle colorazioni disponibili e personalizzabili che ho visto nel sito, và però ricordato che "l'articolo" che citi racconta un pò la moda del momento. rileggi gli articoli di una decina di anni fà e per avere quelle caratteristiche ci volevano i pendenti separati….come non dimenticare poi il breve periodo in cui molti si erano buttati sul reggisella integrato per avere la massima rigidità ed efficienza senza nessuna flessione…. oggi il tubo sella deve flettere per dare più comodità alla bici :-)xxxx insomma tutto ed il contrario di tutto :ueh: se conservate ancora qualche rivista… Read more »

ulau75
Member

Mi sono permesso di fare uno "schemino" di 6 bici che hanno all'apparenza l'estetica simile.
Ho messo prezzo di listino, tutte montano cambio ultegra meccanico.
Poi variano ruote, componentistica e tipo di carbonio del telaio.
Supersix quella con il miglior rapporto qualità/prezzo ?
Spero di non essere andato OT o aver infranto le regole del forum, ma non mi sembrava valesse la pena aprire una nuova discussione.

stambecco
Member

Ser pecora Si chiama evoluzione dei materiali…e chiaramente ci sono soluzioni che vanno incontro a certe esigenze, ma che poi nella pratica si rivelano controproducenti, come i reggisella integrati che rendevano i telai troppo rigidi e scomodi. Il carro basso non è qualcosa « inventato » da uno piuttosto che dall’altro, ma viene incontro all’esigenza di dare un po’ flessibilità verticale facendo flettere il piantone su telai con profili troncoconici « aero » che altrimenti sarebbero molto scomodi. Invece di leggere le riviste comprati un calibro e misura le sezioni dei tubi dei telai di oggi e di dieci anni… Read more »

Doppiomisto
Member

Orbea mi ha sempre affascinato e questa Orca è davvero strepitosa!

C
Member

spettacolare , pensavo/speravo pesasse meno visto il telaio ed invece sembrerebbe che siano sempre li' , intorno ai 7,5 kg

abcar
Member
ulau75

Mi sono permesso di fare uno "schemino" di 6 bici che hanno all'apparenza l'estetica simile.
Ho messo prezzo di listino, tutte montano cambio ultegra meccanico.
Poi variano ruote, componentistica e tipo di carbonio del telaio.
Supersix quella con il miglior rapporto qualità/prezzo ?
Spero di non essere andato OT o aver infranto le regole del forum, ma non mi sembrava valesse la pena aprire una nuova discussione.

secondo me quella con il miglior rapporto qualita' prezzo è la scott perchè pur costando come la cannondale ha il plus di avere tutti i cavi integrati e per me questo è un vantaggio non da poco

ulau75
Member
abcar

secondo me quella con il miglior rapporto qualita' prezzo è la scott perchè pur costando come la cannondale ha il plus di avere tutti i cavi integrati e per me questo è un vantaggio non da poco

La Cannondale mi pare abbia ruote migliori, cmq passassi al disco opterei anch'io per cavi integrati.
Se devo avere cavi esposti, tanto vale che mi tengo una con i freni tradizionali

SimoSlam
Member

Ma volendo si può tramite il negoziante far passare per il myo una delle bici che non sono selezionate per esso?Grazie

robeambro
Member

cbr70 spettacolare , pensavo/speravo pesasse meno visto il telaio ed invece sembrerebbe che siano sempre li' , intorno ai 7,5 kg Vedi l’allegato 186095 Quella in foto e' pure una taglia gigante, poi le colorazioni sgargianti hanno lo svantaggio di non essere proprio leggere. Quindi non so quanto sia valido come riferimento per il peso della bici. Poi come ripeto sempre, se a voi (quoto te, ma intendo in generale) interessa sempre e solo il peso, le bici di nuova generazione non vanno bene, orientatevi sui modelli di 1-2 anni fa, che non hanno forme aerodinamiche e cavi integrati. Quelle… Read more »

G
Member
Ser pecora

Nuova Orbea Orca
[​IMG]

Continua la lettura….

Bellissima, niente da dire, con contenuti superiori all'attuale (ci mancherebbe)…Ma con un veloce colpo d'occhio si può confondere con la Orca Aero….insomma, ha perso di personalità! Ho caricato un file della mia Orca OMR…A voi la parola con un occhio particolare ai puristi del modello

Pierre82
Member

Vedi l’allegato 186187
Da possessore di un'orca posso solo confermare tutti i post positivi.
La mia è un modello con telaio base (OME) che ho impreziosito con una componentistica d livello. Ora il mezzo pesa 7.5 kg e gira che è una meraviglia.
Prossima bici ancora orca, sicuramente.
@Guido72 il tuo telaio OMR nn è fuori catalogo… continuerà ad essere prodotto! Ad andare in pensione è il telaio OMP.

pietro1973
Member
Guido72

Bellissima, niente da dire, con contenuti superiori all'attuale (ci mancherebbe)…Ma con un veloce colpo d'occhio si può confondere con la Orca Aero….insomma, ha perso di personalità! Ho caricato un file della mia Orca OMR…A voi la parola con un occhio particolare ai puristi del modello

non te la prendere ma sembrano il giorno e la notte, geometrie e "disegno" totalmente differenti.

M
Member

Bella è bella, andrà sicuramente anche bene!

G
Member
pietro1973

non te la prendere ma sembrano il giorno e la notte, geometrie e "disegno" totalmente differenti.

Non capisco perché dovrei prendermela:-|…l'hai detto tu, differenti… quindi diverse, non si possono paragonare…Il mio improbabile confronto si riferisce al fatto che la OMR è riconoscibile tra la " moltitudine", la OMX ho qualche dubbio, tutto qui.

Pierre82
Member

La OMR ha un telaio dalle geometrie molto classiche con sloping quasi a zero. La OMX si accoda alle ultime tendenze con carro basso, tutto qui. Non ne farei una questione di maggiore o minore originalità né di estetica, dipende dal proprio gusto. Non so quali siano le intenzioni di casa Orbea… possibile che la OMR e la OME vengano soppiantate in favore di modelli con il carro basso… possibile che resistano ancora qualche anno con piccole migliorie. Carro basso o meno, originale o meno, mi pare una bici curata che inforcherei volentieri. Sono contento che il mio telaio sia… Read more »