Peter Sagan potrebbe passare alla Deceuninck

28

Ormai da un pezzo i rapporti tra Ralph Denk, Team Manager della Bora-Hasgrohe, e Peter Sagan sono ridotti ai minimi termini. In particolare la situazione si è fatta tesa dopo un’intervista rilasciata da Denk ad un quotidiano di Colonia in cui ha dichiarato che non vedeva più il proprio corridore slovacco nel futuro della squadra. Notizia prontamente rimbalzata in ogni dove, ed a cui un componente dello staff di Sagan ha replicato definendolo “un colpo basso”.

Sagan in particolare non avrebbe apprezzato la mancanza di gratitudine da parte della squadra tedesca, il cui passaggio a livello WorldTour è avvenuto anche grazie al suo ingaggio, nell’anno in cui era appena stato coronato campione del mondo per la seconda volta e si apprestava a vestire la maglia iridata per la terza.

È anche vero che se all’epoca la scelta di Sagan aveva un po’ sorpreso proprio per lo status non rilevante della squadra tedesca, Denk e la Bora hanno costruito da li in poi una squadra che si è anno dopo anno affrancata dallo slovacco, in particolare promuovendo vari talenti tedeschi.

Il problema ora per Sagan è che ha 31 anni e nelle ultime stagioni i risultati hanno latitato. Inoltre è uno dei corridori più pagati nel gruppo (pare solo superato recentemente dal nuovo contratto di Tadej Pogačar), e non ultimo Peter, sin dai tempi della Tinkoff si muove solo con tutto il suo entourage di fedelissimi, dai massaggiatori sino ai gregari, come il fratello Jurai, il connazionale Erik Baska, Maciej Bodnar e l’amico italiano Daniel Oss. Un “pacchetto” non facile da gestire economicamente per qualunque squadra. Inoltre Sagan è IL personaggio del ciclismo e attorno a lui si è costruita nel tempo una macchina comunicativa, che come tutti ripetono, “fa bene al ciclismo”, ma di cui ovviamente ci sono anche detrattori.

Uno su tutti è proprio l’uomo che gestisce la Deceunick-QuickStep, la squadra verso la quale potrebbe approdare Sagan secondo varie indiscrezioni, in primis quelle del quotidiano francese L’Équipe. Patrick Lefévère, Team Manager della Deceuninck non è mai stato un fan di Sagan, o quantomeno “del personaggio” Sagan, tanto che ha spesso ripetuto che “non c’è molto di vero in Sagan, risultati a parte“.

La porta però resterebbe aperta per semplice pragmatismo, cosa che come noto non difetta a Lefévère. Basti ricordare l’ingaggio di Philippe Gilbert a 35 anni, lui storico avversario vallone, e che però gli è valsa la vittoria di Fiandre e Roubaix.

Punti chiave saranno gli accordi tra Lefévère e Giovanni Lombardi, agente di Sagan. Tra i due i motivi di attrito in passato non sono mancati, in particolare nella gestione di uno dei corridori della scuderia di Lombardi, Fernando Gaviria, scoperto nella Deceuninck, ma poi volato alla UAE, e nel tentativo di far entrare nella stessa anche Remco Evenepoel.

E soprattutto nel main sponsor di Sagan, ovvero Specialized, di cui lo slovacco è testimonial, ma che è anche sponsor della Deceuninck. Probabilmente la vera chiave del passaggio. Se l’azienda americana deciderà di voler investire ancora in Sagan l’affare potrebbe realizzarsi con soddisfazione reciproca, con la necessaria copertura finanziaria per l’operazione, con Lefévère che potrebbe rilanciare come solo lui sa fare Sagan nelle classiche, supportato da una squadra all’altezza (ma Sagan dovrebbe saper anche sacrificarsi per gli altri lupetti del Wolfpack alla bisogna) e lo stesso Peter potrebbe ritrovare stimoli per vincere ancora.

In caso contrario l’affare difficilmente si farà, e si potrebbe ripetere quello che è accaduto al precedente testimonial di Specialized, Mark Cavendish.

Da tempo si vocifera anche che Sagan potrebbe anche crearsi una propria squadra, ma l’opzione è non facile, e di non certo ritorno economico, come ben sa l’ex campione del mondo di F1 Fernando Alonso.

Commenti

  1. bianco222:

    Non ne sarei così sicuro. Negli anni Sagan ha creato un suo "branding" davvero notevole. Credo che sia ancora di gran lunga il ciclista più seguito sui social e uno che riesce sempre a far parlare di sé. Secondo me dal punto di vista della sponsorizzazione è ancora molto più ambito di quel che si crede.
    che sia ancora molto seguito non ci sono dubbi,infatti il punto e' questo,se Specy paga lui ingaggio,non credo che Levefere potra' fare tanta opposizione( alla fine e' un suo sponsor importante) ma credo che sia difficile portarlo perche' Sagan ha un gran team dietro di lui,Bora per capirci non e' DQS,la era il leader,con i belgi sarebbe uno dei tanti e dovrebbe pure adattarsi alle decisioni del team ( cosa che non ha mai avuto bisogno e voglia di fare).
    Ecco perche' comunque e' difficile il passaggio di Sagan
  2. jan80:

    che sia ancora molto seguito non ci sono dubbi,infatti il punto e' questo,se Specy paga lui ingaggio,non credo che Levefere potra' fare tanta opposizione( alla fine e' un suo sponsor importante) ma credo che sia difficile portarlo perche' Sagan ha un gran team dietro di lui,Bora per capirci non e' DQS,la era il leader,con i belgi sarebbe uno dei tanti e dovrebbe pure adattarsi alle decisioni del team ( cosa che non ha mai avuto bisogno e voglia di fare).
    Ecco perche' comunque e' difficile il passaggio di Sagan
    Ma anche Sagan deve capire che se vuole il team tutto per lui allora deve vincere di più. Poi vedi Gilbert. Arrivato in casa DQS ha avuto alcune delle migliori vittorie in carriera.
  3. Ser pecora:

    Anche perché l'arrivo di Sagan porterebbe sicuramente malcontento nel resto della squadra. Lefévère deve gestire il budget anche degli altri, che ovviamente, se vincono, pretendono anche di più. Tipo un Asgreen.
    Quindi prima deve "quagliare" tutto.
    La soluzione a questo la hai già scritta nell'articolo: paga Specy. Come lo paga ora. Il resto dell'entourage non credo sia troppo oneroso economicamente.
    Comunque questi spifferi erano inevitabili. Quando i risultati non arrivano e nel suo caso gli ultimi 26mesi sono stati del tutto deludenti, i malumori vengono fuori anche se ti chiami Sagàn. Nessuno sportivo può fare a meno dei risultati, lo dissi già mesi fa. Gente che va al di là dello sportivo, (Sagan, Rossi, LeBron....) gode di un bonus maggiore, ma non infinito e pure loro alla fine o portano a casa i risultati o finiscono nel mirino. Per me lui non è finito nè fisicamente, nè mentalmente, ma deve tornare a concentrarsi di più sul suo primo impegno e deve avere fame, aka crearsi nuovi stimoli e obiettivi. Basta maglia verde al Tour che funge da tappeto ove nascondere la polvere anche quando magari il resto della stagione non frutta.
Articolo precedente

Le pagelle del Fiandre 2021

Articolo successivo

I dati di MvdP al Fiandre

Gli ultimi articoli in Magazine