Pogačar risponde alla Jumbo sulla prestazione alla crono del Tour

/
120

Molto tranquillamente Tadej Pogačar ha risposto ai dubbi dei corridori della Jumbo-Visma sulla sua prestazione alla cronometro edl Tour de France di la Planche des Belles Filles sollevati nel documentario “codice giallo” di cui avevamo già parlato.

Il giovane campione sloveno ha risposto alle domande durante la recente presentazione della sua squadra, la UAE-Emirates: “la mia prestazione forse era inaspettata, ma non ha niente di incredibile. Si sono espressi a caldo, sicuramente con la delusione di vedersi sfuggire la vittoria così vicini a Parigi. Bisogna guardare le cose nella loro globalità. Ho avuto una grande giornata, che avevo preparato nel modo migliore possibile, abbiamo fatto un cambio bici molto veloce, non abbiamo lasciato niente al caso. Non voglio esprimermi sl modo di correre di Primoz e della sua squadra e non sono io a dover dire che mi hanno sottovalutato“.

Pogačar ha espresso nell’occasione la volontà di difendere il titolo al Tour dopo le classiche delle Ardenne ed il Dauphiné, e correre poi anche la Vuelta.

Commenti

  1. Secondo me Pogacar ha fatto bene ad evidenziare anche l'aspetto motivazionale. Sono d'accordo quando dice che alla Jumbo l'avranno sottovalutato.
  2. Per me era meglio non rispondere con queste banalità, ma nel caso mostrando i dati.
    tanto prima o poi salteranno furori e poi magari capiremo meglio chi è andato piano o chi forte!
  3. ilgrosso:

    I dati ci sono se uno li vuole guardare e sono la VAM nell' ultima salita. Una VAM abbondantemente oltre 1800. Non commento oltre ed evidenzio solo quel numero.
    ilgrosso:

    Scusate, per completezza mi sembra corretto riportare i valori che ho accennato. Il tempo di Pogacar sui 5,8 km finali di scalata all’8,66% medio di pendenza risulta di 16’10” pari a 21,45 km/h di media e 1863 m/h di Vam; potenza stimata sui 6,48 w/kg che per la maglia gialla significano circa 425w medi. Poi sulla condotta di gara balorda ed assurda della Jumbo concordo perfettamente.
    Non mi sembra una vam fantasmagorica per uno sforzo di appena 16 minuti. Ricordo che la vam ha un senso su sforzi di 50/60 minuti. Tanto più diminuisce il tempo, tanto più aumenta la vam.
Articolo precedente

La catena reinventata

Articolo successivo

Elia Viviani sotto esame medico per anomalie cardiache

Gli ultimi articoli in Magazine