Qualche statistica sui corridori per la Paris-Roubaix 2018

Qualche statistica sui corridori per la Paris-Roubaix 2018

07/04/2018
Whatsapp
07/04/2018

Ormai alla vigilia della Paris-Roubaix. forse la classica più attesa dell’anno, ecco qualche statistica sui corridori che prenderanno il via.

175 corridori alla partenza, novità per quest’anno, con la riduzione degli effettivi delle squadre da 8 a 7 corridori.

-I paesi più penalizzati rispetto l’anno scorso Paesi Bassi (-8) e Italia (-6).

-Il paese più rappresentato il Belgio, con 38 corridori, a seguire Francia con 28, Paesi Bassi e Germania 15, Italia 11, Danimarca 7, Norvegia, Australia e Spagna 6.

-Il corridore “medio” che parteciperà alla Roubaix ha 28 anni, pesa 74kg, è alto 1,85mt ed ha già 20gg di corse nelle gambe, per circa 3170km (fonte: Procyclingstats).

-Il più vecchio corridore alla partenza il vincitore dell’edizione 2016, Mat Hayman (Mitchelton-Scott): 40 anni il 20 aprile prossimo.

-Il più giovane: Tanguy Turgis (Vital Concept): 19 anni e 10 mesi. È anche l’unico sotto i 21 anni.

-Recordman di Paris-Roubaix finite in gara domani: Mat Hayman, che potrebbe terminare la sua 16^Roubaix, andando a raggiungere i due recordman assoluti Raymond Impanis e Servais Knaven. Tra i partecipanti di domenica, a seguire Gregory Rast (Trek-Segafredo) 13 partecipazioni, e Imanol Erviti (Movistar) 11.

-Tra i 175 partecipanti che prenderanno il via, ben 54 hanno già partecipato, ma mai terminato la gara.

-4 ex-vincitori al via: John Degenkolb (2015), Mathew Hayman (2016), Niki Terpstra (2014) e Greg Van Avermaet (2017).

-Tra i 175 partecipanti 8 hanno già terminato sul podio almeno una volta, e 31 sono entrati nei primi 10. Tra questi, 7 corridori hanno già terminato nei primi dieci almeno 3 volte: John Degenkolb (1^vittoria, un 2° posto, un 10° posto), Mathew Hayman (una vittoria, un 10° ed un 8° posto), Niki Terpstra (una vittoria, un 3° ed un 5° posto), Greg Van Avermaet (una vittoria, un 3° ed un 4° posto), Sebastien Langeveld (un 3°, un 7° ed un 8° posto) e Sep Vanmarcke (un 2° posto e due volte 4°).