Come montare un pneumatico tubeless

Come montare un pneumatico tubeless

20/08/2018
Whatsapp
20/08/2018

[et_pb_section bb_built=”1″ admin_label=”section” _builder_version=”3.0.47″][et_pb_row admin_label=”row” _builder_version=”3.0.47″ background_size=”"initial"” background_position=”"top_left"” background_repeat=”"repeat"”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Text” _builder_version=”3.0.47″ background_size=”"initial"” background_position=”"top_left"” background_repeat=”"repeat"”]

La “terza soluzione,” dopo tubolari ed i più diffusi e comuni copertoni con camera d’aria, sono i copertoni Tubeless, i quali stanno prendendo sempre più piede anche in ambito bdc (oltre che in Mtb dove ormai sono quasi standard), cosa abbastanza inusuale, più per una passaparola tra i consumatori che per emulazione di pro o altro. I vantaggi di questa soluzione sono essenzialmente la possibilità di gonfiare i copertoni a pressioni inferiori, aumentando grip e comfort, senza timore di pizzicare la camera d’aria, dato che questa non c’è (vedere la nostra prova su strada)

Molte persone però sono ancora scettiche sui tubeless, soprattutto per i motivi legati alla supposta difficoltà nel montaggio ed in caso di foratura. In realtà non c’è niente di difficile nel montaggio di un tubeless, se non il passaggio in cui bisogna mettere il lattice nel copertone. Ma andiamo con ordine.

Innanzitutto gli ingredienti: ruote tubeless ready con nastro montato o UST , copertone tubeless, lattice, valvole apposite, levette caccia gomme (ma non sempre), preferibilmente un compressore o una pompa con serbatoio come la Bontrager Flash Charger.

I cerchi tubeless ready hanno all’interno del cerchio un profilo senza “gancio” o J rovesciata, ma squadrato, dove si andrà ad agganciare il bordo del copertone, che a sua volta dovrà avere questa parte squadrata, e non tonda come nei copertoni classici. Questi si possono montare sia con camera d’aria che senza, appunto, purché si faccia uso di liquido sigillante per chiudere i fori/porosità (il costruttore non garantisce l’ermeticità della gomma). Invece i cerchi e copertoni UST (Uniform System Tubeless standard) sono grossomodo fatti alla stessa maniera, ma rispettano degli standard di misura codificati, oltre ad avere la parte interna del cerchietto in butile (come le camere d’aria comuni).

Questa soluzione, in teoria, non necessita di lattice per il montaggio, in quanto le tolleranze strette permetterebbero di non avere fuoriuscite d’aria. Però, sia per prevenire le piccole forature, sia per un montaggio più agevole è meglio comunque mettercelo, e normalmente anche i produttori di questa soluzione (come Mavic) forniscono il lattice coi copertoni. In ambedue le soluzioni l’interno del cerchio deve avere i fori dei raggi sigillati. O strutturalmente o tramite gli appositi nastri da applicare.

Per prima cosa si monta la valvola. Si infila la valvola nel buco dove mettereste quella della camera d’aria fino a che la parte in gomma terminale all’interno del cerchio sia correttamente in posizione (metterla storta è abbastanza difficile). Nella parte esterna va infilato il piccolo anellino in gomma (O-ring) e sopra questo va avvitata la ghiera per fermare la valvola in posizione

Si monta il copertone sul cerchio lasciando solo l’ultima porzione smontata (quella che normalmente è più difficile da far entrare). Qui si versa il lattice nella dose consigliata dal produttore del lattice e/o del copertone. Nel nostro caso 30ml di lattice Mavic.

Se per qualche motivo non avete un dosatore, perché ad esempio avete comprato il lattice in un colorificio, ed odiate le siringhe anche senza ago o altro, grossomodo la quantità totale è questa in foto:

A questo punto girate la ruota piano in modo che il lattice coli nella parte dove il copertone è già in sede sul cerchio (per non sporcarvi e/o farlo uscire) e fate entrare nel cerchio anche l’ultima parte di copertone, a mano preferibilmente, per evitare di rovinare eventualmente il bordo del cerchio, o a mali estremi, con le levette. Ottimo ausilio al montaggio del copertone sul cerchio, soprattutto se tubeless ready, è bagnarlo con acqua saponata per farlo scivolare meglio sul cerchio.

Gonfiate il copertone. Per farlo è necessario che l’aria entri abbastanza velocemente in modo da far tallonare il copertone e per questo può essere molto utile un compressore o le pompe specifiche per tubeless col serbatoio. I pneumatici da bdc non avendo grande volume d’aria si riescono anche a pompare con una (buona) pompa da pavimento, ma può essere più difficoltoso. Quindi se avete un compressore, usatelo.

Nella “spinta” iniziale il manometro segnerà una pressione più alta di quella effettiva. Il consiglio è di gonfiarlo alla massima pressione consentita per farlo tallonare bene.  –Guardate bene le pressioni massime e minime sul fianco del copertone, perché sono più basse di quelle di un copertone classico– Quindi se siete solo abituati a gonfiare i tubolari a 11 bar…occhio.

A questo punto prendete la ruota in mano e fatele fare un movimento stile “Hula-Hop” per far sì che il lattice si distribuisca uniformemente al suo interno. Fatela anche girare tenendola per il perno del mozzo. 

Pulite l’eventuale lattice fuoriuscito lungo il bordo del cerchio. Basta della carta.

Sgonfiate il copertone alla pressione di utilizzo e siete pronti per partire!

Normalmente le piccole forature vengono appunto tamponate dal lattice, se proprio bucate o tagliate il copertone e questo si sgonfia definitivamente, metteteci dentro una camera d’aria come fareste con un copertone classico, ricordandovi solo (ma sarà difficile non notarlo) di smontare la valvola tubeless prima. Easy.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

113
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
97 Comment threads
16 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
42 Comment authors
BvelocityFBandry96 Recent comment authors
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Andrea Sicilia
Editor

Mi viene un pò da sorridere a leggere di questo argomento, giaccè, allorchè mi iscrissi nel 2007 su mtbforum già si parlava da un paio d'anni della latticizzazione col metodo EoT (End of Time, l'utente che l'aveva spiegata) e comunque questi sono concetti a libello di abc per i bikers e leggere dello scetticismo di qualcuno sui tubeless con le ragioni più disparate (come per i dischi del resto) mi fa appunto sorridere.

Mi permetto di aggiungere a chi optasse per i tubeless, dopo il montaggio così come descritto nell'articolo:
1) usare valvole con la testa svitabile (comment image) per rabboccare il lattice senza smontare il copertone o con una siringa o con una boccetta col beccuccio come quella del lattice in foto sopra.
2) analogamente a quanto si fa con i copertoncini per camera, portare un quadratino 1×1 cm di un fianco di copertone vecchio: se si taglia può non bastare mettere la camera d'aria se il taqlio è troppo largo e la camera fuoriesce e quindi si mette il quadratino internamente (esistono anche tip top apposite)
3) con le mtb, a pressioni più basse, ci sono anche kit di riparazione ad hoc per i tagli, specifici da bici (strisce di gomma vulcanizzata) o anche il classico Attack gel che di solito tiene……non sono sicuro che siano metodi attuabili con le pressioni bdc (nè che sia accettabile avere un copertone non esattamente liscio, cosa che in mtb non è un problema).

T
Member
thepulpit

quoto! anch’io venendo dalla mtb lotto continuamente con gli scettici stradisti sul tubeless.

Io il lattice lo metto sempre dalla valvola senza testa, non trovo pratica la modalità spiegata nell’articolo.
Uso penumatici Schwalbe Pro One e sono sempre riuscito a farli tallonare con una normale pompa, comunque resta il passaggio più difficile, meglio il compressore.

C
Member
claudio77

Esatto, si fa così non come spiegano nell’articolo!

B
Member

Just for the record:
Un pneumatico o…
uno pneumatico.
Il primo mi sa di cacofonico.
Oppure sono l'ultimo rimasto a dire (e scrivere) "lo" pneumatico.

T
Member

Secondo me per uso amatoriale i copertoni resistenti alle forature sono il top, da quando li uso non ho praticamente mai forato e anche nella remota ipotesi che accada c'è il lattice a salvare la situazione.

C
Member
Bruno Rabolini

Just for the record:
Un pneumatico o…
uno pneumatico.
Il primo mi sa di cacofonico.
Oppure sono l'ultimo rimasto a dire (e scrivere) "lo" pneumatico.

P.S.: ci sarebbe anche quel "dei pneumatici". Stridor di denti.

Sono entrambe forme accettate in italiano, "uno pneumatico" appartiene ad un registro più formale, "un pneumatico" ad un registro più colloquiale.

L'italiano è una lingua viva, in evoluzione, flessibile, anche se alcuni pedanti cercano da secoli di ingabbiarla.

C
Member
claudio77

Non sono entrambe accettate. Solo la formula uno pneumatico o lo pneumatico è corretta. E’ come dire uno psicologo o lo psicologo. Nessuno si sognerebbe mai dire un psicologo o il psicologo. Buono studio della lingua italiana. 🙂

B
Member
CRISI

L'italiano è una lingua viva, in evoluzione, flessibile, anche se alcuni pedanti cercano da secoli di ingabbiarla.

Vero . Però "il pneumatico" è brutto o-o . :offtopic: .

B
Member
CRISI

Sono entrambe forme accettate in italiano, "uno pneumatico" appartiene ad un registro più formale, "un pneumatico" ad un registro più colloquiale.

L'italiano è una lingua viva, in evoluzione, flessibile, anche se alcuni pedanti cercano da secoli di ingabbiarla.

Anche la tomba della crusca.
Grazie per il pedante.

C
Member
blues boy

Vero . Però "il pneumatico" è brutto o-o . :offtopic: .

"Il pneumatico" è brutto eccome, o per dirla meglio assume un suono greve per coloro che sono per lo più abituati ad interloquire con gente di cultura medio alta. Il punto, in verità, è che considero poco gradevoli i puntigli linguistici gratuiti, ancor meno se messi stendere su una pubblica piazza.

Concediamoci la libertà di sbagliare.

Questo lo affermo anche se ho la convinzione che sovente forma corretta e sostanza del pensiero siano fedeli alleate.
Ciao.

Andrea Sicilia
Editor

thepulpit quoto! anch'io venendo dalla mtb lotto continuamente con gli scettici stradisti sul tubeless. Io il lattice lo metto sempre dalla valvola senza testa, non trovo pratica la modalità spiegata nell'articolo. Uso penumatici Schwalbe Pro One e sono sempre riuscito a farli tallonare con una normale pompa, comunque resta il passaggio più difficile, meglio il compressore. Beh nell'articolo parla di un primo montaggio. Quando monto una gomma (gomma, così risolviamo la querelle dell'articolo davanti alla parola pneumatico:roll:) anche io di solito metto il lattice dal bordo ancora non inserito nel cerchio come spiegato nell'articolo. Solo quando faccio rabbocchi senza smontare,… Read more »

H
Member
harlos

Al primo montaggio trovo utile far tallonare il tubeless lubrificando se necessario lo stesso, senza il lattice per evitare pasticci, sgonfio e inserisco il lattice dalla valvola; mi faccio un giretto.
Non faccio rabbocchi, preferisco smontare lo (il) pneumatico, pulire via il lattice rappreso e ripetere l’operazione tallonamento e ins. lattice.

C
Member
claudio77

Non è corretto. Perché si sporca molto di più e si fa uscire parte del lattice. In più se si usano tubeless poco elastici come gli hutchinson si fa un “macello”. Prima si monta il tubeless, dopo si gonfia e si fa tallonare a secco. Poi si sgonfia, si inserisce il lattice dalla valvola e infine si rigonfia. Non esce nemmeno goccia di lattice. Saluti.

L
Member

Grazie dell'articolo. Quindi se dovessi inserire una camera perché il lattice non tappa il buco devo comunque farlo ritallonare con una forte pressione d'aria o ci pensa la camera come un copertoncino normale?

Inviato dal mio XT1039 utilizzando Tapatalk

Andrea Sicilia
Editor
Lightwave

Grazie dell'articolo. Quindi se dovessi inserire una camera perché il lattice non tappa il buco devo comunque farlo ritallonare con una forte pressione d'aria o ci pensa la camera come un copertoncino normale?

Inviato dal mio XT1039 utilizzando Tapatalk

Ci pensa la camera come un normale copertoncino.

L
Member

Ho montato i Pro One e sono duri cavolo. I Mavic Yksion sono più morbidi…

S
Member

A mio avviso meglio montare e far tallonare la gomma e sincerarsi che questa e la valvola garantiscano una minima tenuta prima di inserire il lattice, così facendo si evita di imbrattarsi di lattice nel caso la valvola presenti problemi (ed è cosa assai comune)
Altra nota importante per facilitare la tallonatura sarebbe di bagnare con abbondante acqua e sapone i bordi-talloni, se cerchio e gomma sono ok si tallona anche con solo uso della pompa.

marco
Admin
Soga

A mio avviso meglio montare e far tallonare la gomma e sincerarsi che questa e la valvola garantiscano una minima tenuta prima di inserire il lattice, così facendo si evita di imbrattarsi di lattice nel caso la valvola presenti problemi (ed è cosa assai comune)
Altra nota importante per facilitare la tallonatura sarebbe di bagnare con abbondante acqua e sapone i bordi-talloni, se cerchio e gomma sono ok si tallona anche con solo uso della pompa.

1. Se il cerchio e IL pneumatico sono tubeless non c'è bisogna di fare la prova.
2. C'è scritto nell'articolo dell'acqua saponata

C
Member
CRISI

"Il pneumatico" è brutto eccome, o per dirla meglio assume un suono greve per coloro che sono per lo più abituati ad interloquire con gente di cultura medio alta…….
Ciao.
o-o

tutto vero ma dopo aver sentito la Ministra che suona malissimo, in ossequio a una presunta eguaglianza di genere, il pneumatico mi sembra una figata in vero.

S
Member
marco

1. Se il cerchio e IL pneumatico sono tubeless non c'è bisogna di fare la prova.
2. C'è scritto nell'articolo dell'acqua saponata

Per quanto riguarda la mia personale esperienza, dopo aver provato 4 ruote diverse tubeless (compreso UST vedi mavic) la prova la faccio a prescindere sia che le valvole siano prprietarie (dt swiss) sia barbieri o schwalbe.
Si ho letto che viene citato di usare il sapone ma aggiungo che sarebbe fortemente consigliato per ovvie ragioni.

fabiopon
Member
marco

1. Se il cerchio e IL pneumatico sono tubeless non c'è bisogna di fare la prova.
2. C'è scritto nell'articolo dell'acqua saponata

Io ho sempre e solo sentito IL pneumatico. Da 54 primavere in Liguria.

Inviato seduto in bagno BDC-Forum mobile app

B
Member
marco

1. Se il cerchio e IL pneumatico sono tubeless non c'è bisogna di fare la prova.
2. C'è scritto nell'articolo dell'acqua saponata

:mrgreen:

B
Member
fabiopon

Io ho sempre e solo sentito IL pneumatico. Da 54 primavere in Liguria.

Inviato seduto in bagno BDC-Forum mobile app

Io da 58 "er pneumatico" o-o .

B
Member
marco

IL pneumatico ….

Sublime.

V
Member
valter554

Ma se cerchi e gomme non sono tlr e io li nasrto come i cerchi della mtb, funziona lo stesso o la gomma non tiene o stallona?

F
Member
::::FLARE::::

ho aperto un topic a proposito, ho dei fulcrum racing 5 2017, ufficialmente non tlr che volevo provare ad usare tubeless. La casa, interpellata per mail, conferma di usarli solo con camera. Alcuni li usano tubeless senza problemi, io, nonostante un passato da tublessizzatore ghetto style in mtb, alle pressioni da strada non mi sento di fare esperimenti, tanto più che il problema forature è molto meno presente che in fuoristrada.

L
Member

Altra curiosità: si scrive che l'acqua saponata è consigliata specie per i tubeless ready. Quindi se buco in giro e dovessi mettere una camera potrei avere difficoltà nell'inserimento? Chiedo perché ho della Tubeless Ready e sono tentato di montare gli Schwalbe, ma essendo una schiappa già a mettere la camera ai copertoncini non dovrei dover chiamare l'Aci :mrgreen:

salomone
Member
salomone

Dopo anni di utilizzo dei tubeless (penso di essere stato fra i primissimi con gli Hutcinson Fusion 2 e le ruote Sh WH 7801), ho abbandonato i TLR. Sono stufo e arcistufo dei problemi e “pasticci” nati specialmente con i TLR e l’obbligo di utilizzo del lattice. Il lattice non mi ha mai “salvato” da nessun a foratura, inoltre mi ha creato dei problemi di sporcizia e seccature varie nell’inserimento della camerà d’aria, quando non è disponibile una fontana per lavare ed eliminare questo “schifoso” lattice (che macchia pure indelebilmente tutto ciò con cui viene a contatto). Sinceramente trovo veramente… Read more »

G
Member
Lightwave

Altra curiosità: si scrive che l'acqua saponata è consigliata specie per i tubeless ready. Quindi se buco in giro e dovessi mettere una camera potrei avere difficoltà nell'inserimento?

No tranquillo ci pensa l'espansione della camera d'aria a mandare in sede la copertura.
Per citare il post sopra: io al contrario difficilmente abbandonerò i tubeless, nel mio caso ready con cerchi dedicati senza fori interni dei nipples, lattice huchinson (che è uno dei migliori per gomme bdc)

C
Member
blues boy

Io da 58 "er pneumatico" o-o .

Io da 43 ho sempre pronunciato le "gome" rigorosamente senza la doppia.

Andrea Sicilia
Editor
Lightwave

Altra curiosità: si scrive che l'acqua saponata è consigliata specie per i tubeless ready. Quindi se buco in giro e dovessi mettere una camera potrei avere difficoltà nell'inserimento? Chiedo perché ho della Tubeless Ready e sono tentato di montare gli Schwalbe, ma essendo una schiappa già a mettere la camera ai copertoncini non dovrei dover chiamare l'Aci :mrgreen:

Tendenzialmente il bordo dei tubeless e anche dei tubeless ready seppur in misura minore, è più "coriaceo" dei normali copertoncini. Al più potrebbe servirti aiutarti con un cacciagomme per far entrare nel cerchio l'ultima parte. Nulla di proibitivo o trascendentale.

F
Member
fabbri82

il problema è che mancano le gomme, schwalbe fa solo i pro one che sono autoforanti..(i primi 1000km giri abbastanza in sicurezza, poi fori sempre)
Qualcuno ha recensioni/consigli valide su altre marche? e che lattice usate? il doc blue di schwalbe a quelle pressioni(6-6,5 bar) non tappa!

D
Member
doublet

saranno care, ma da quando ho messo su le tubolito non ho più forato

C
Member
chuck26

Io purtroppo, sarò stato sfortunato, ma ho già bucato 2 volte con i tublito da fine maggio ad oggi. Oltre a questo però, la più grande differenza secondo me sta nel feeling di guida e soprattutto nel confort. Ho montato le stesse ruote con tubolito/ContiGP4000 25mm e con Schwalbe Pro One TLR sempre 25mm. In confronto con le tubolito mi sembra di correre con le ruote di Fred Flinstones in pietra piena…in termini di peso non ci sono pressoché differenze tra i due setup.
Per me, tubeless uber alles!

Mandi!
Chuck26

D
Member
doublet

per me non è così… penso che la pressione di gonfiaggio sia fondamentale

G
Member
doublet

saranno care, ma da quando ho messo su le tubolito non ho più forato

;nonzo% E come ci entra in una discussione sui tubeless?

D
Member
doublet

che con qst camera d’aria è come un tubeless… provala

G
Member
doublet

per me non è così… penso che la pressione di gonfiaggio sia fondamentale

Io peso 60 kg. e con i tubeless gonfio a 5,5/6 bar. Dici che con queste camere+normale copertoncino potrei fare altrettanto senza rischiare di pizzicare la camera d'aria? Francamente ho qualche dubbio a riguardo.

D
Member
doublet

esatto

fabiopon
Member
valter554

Ma se cerchi e gomme non sono tlr e io li nasrto come i cerchi della mtb, funziona lo stesso o la gomma non tiene o stallona?

No.
Non sono costruiti apposta e se per caso tenessero appena messi, sicuramente ti stallonano appena ci vai sopra!
Oltretutto se fosse così semplice non saremo qui da qualche anno a discutere sui tubeless ecc. [emoji1]

Inviato seduto in bagno BDC-Forum mobile app

D
Member
demach

Esperienza personale tubeless da due anni su fulcrum r3 non la versione tubeless ma quella clincher. Penso sia una buona cosa avere il canale chiuso senza nastro. Ho preso l’hutchinson fusion 5 ust non a buon mercato ma la versione media si trova a 50€ anche senza liquido tiene da paura mai più senza.

D
Member
demach

Ah a differenza della mtb dove le pressioni sono dell’ordine dei 2bar sulla bdc io giro su asciutto a 6bar la sicurezza viene prima di tutto per me, ergo se sulla mtb ho montato di tutto con il peggior lattice da stampi qui no…

G
Member
Gabrireghe

Tubeless imprescindibile in MTB, comunque penso che molto scetticismo derivi dal fatto che, come detto anche nell articolo, è fortemente consigliato avere il compressore o pompa con volume d’aria. E molti non hanno questi strumenti.
Io le uniche difficoltà avute x tubeless MTB sono state causate dalla fatica x far tallonare

Docste
Member
demach

Ah a differenza della mtb dove le pressioni sono dell'ordine dei 2bar sulla bdc io giro su asciutto a 6bar la sicurezza viene prima di tutto per me, ergo se sulla mtb ho montato di tutto con il peggior lattice da stampi qui no…

mmmmhhh…sicurezza prima di tutto…e poi monti pneumatici tubeless su cerchi non predisposti? Ho capito male?

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

marco
Admin
doublet

che con qst camera d'aria è come un tubeless… provala

provata, e non è come avere tubeless. È come avere una camera d'aria.

bradipus
Member
Gabrireghe

Tubeless imprescindibile in MTB, comunque penso che molto scetticismo derivi dal fatto che, come detto anche nell articolo, è fortemente consigliato avere il compressore o pompa con volume d'aria. E molti non hanno questi strumenti.
Io le uniche difficoltà avute x tubeless MTB sono state causate dalla fatica x far tallonare

io i tubeless li uso su quattro bici, per tallonare è stato sufficiente usare una bomboletta di co2 con il relativo erogatore.
con una sola bomboletta grande ho sempre tallonato entrambe le ruote.

A
Member
andreawake

Mah. Io continuo ad essere amante e sostenitore della superiorità assoluta del tubolare. Nastro adesivo, velocissimo da montare, immediato utilizzo, non sporchi il cerchio, tubolare di scorta con l’adesivo. Una lametta nella borsetta sottosella, se buchi, quando buchi, cioè quasi mai, se non la bomboletta non va, tagli via il tubolare ed i 5 minuti riparti

I
Member
fabiopon
Member
claudio77

Non è corretto. Perché si sporca molto di più e si fa uscire parte del lattice. In più se si usano tubeless poco elastici come gli hutchinson si fa un "macello". Prima si monta il tubeless, dopo si gonfia e si fa tallonare a secco. Poi si sgonfia, si inserisce il lattice dalla valvola e infine si rigonfia. Non esce nemmeno goccia di lattice. Saluti.

Giusto, così è molto più semplice e pulito.

Inviato seduto in bagno BDC-Forum mobile app

G
Member
claudio77

Non è corretto. Perché si sporca molto di più e si fa uscire parte del lattice. In più se si usano tubeless poco elastici come gli hutchinson si fa un "macello". Prima si monta il tubeless, dopo si gonfia e si fa tallonare a secco. Poi si sgonfia, si inserisce il lattice dalla valvola e infine si rigonfia. Non esce nemmeno goccia di lattice. Saluti.

Se non hai l'accortezza di far sfiatare la siringa è vero non esce la goccia.. esce lo spruzzo 😉

Andrea Sicilia
Editor
claudio77

Esatto, si fa così non come spiegano nell'articolo!

Nell'articolo si riferiscono al primo montaggio allorchè è ovvio fare come dicono loro…è nei successivi rabbocchi che è più pratico fare dalla valvola.

fabiopon
Member
samuelgol

Nell'articolo si riferiscono al primo montaggio allorchè è ovvio fare come dicono loro…è nei successivi rabbocchi che è più pratico fare dalla valvola.
L'articolo si intitola: "come montare un tubeless", non "come rabboccare il lattice".

Perchè al primo montaggio devi fare così?

E
Member
fabiopon

Perchè al primo montaggio devi fare così?

Credo che intenda "visto che hai già il tubeless stallonato in mano", non un obbligo a fare così

C
Member
blues boy

Vero . Però "il pneumatico" è brutto o-o . :offtopic: .

Intanto che sia IL o LO per il vetrino che incontri per strada , poco cambia.

fabiopon
Member
ernia

Credo che intenda "visto che hai già il tubeless stallonato in mano", non un obbligo a fare così

Però continuo a non afferrare il vantaggio del montaggio, anche in prima battuta, come nel video. Se metti il lattice e poi non tallona fai un pacciugo!

fabiopon
Member
blues boy

Vero . Però "il pneumatico" è brutto o-o . :offtopic: .

Ma sai che io ho sempre e solo sentito dire "il pneumatico" e sono abbondantemente negli anta oltre che un buon lettore?
Strana 'sta cosa, solo in questo forum mi è uscita… o-o

C
Member
claudio77
samuelgol

Nell'articolo si riferiscono al primo montaggio allorchè è ovvio fare come dicono loro…è nei successivi rabbocchi che è più pratico fare dalla valvola.
L'articolo si intitola: "come montare un tubeless", non "come rabboccare il lattice".

Assolutamente no! anche il primo montaggio non si fa come spiega l'articolo o è meglio fare dalla valvola. saluti

C
Member
claudio77
golias

Se non hai l'accortezza di far sfiatare la siringa è vero non esce la goccia.. esce lo spruzzo 😉

Se non siete buoni lasciate stare 🙂

G
Member
claudio77

Se non siete buoni lasciate stare 🙂

A fare cosa.. buoni da merenda ?
Se inserisci 30-40 ml di lattice con la classica siringona è chiaro che crei una piccola pressione interna e il lattice che resta nella zona valvola, quando togli la cannuccia, esce con un leggero spruzzo (provare per credere) per evitarlo basta far sfiatare la siringa prima di togliere la cannuccia, non c'è niente di complicato.

Andrea Sicilia
Editor
ernia

Credo che intenda "visto che hai già il tubeless stallonato in mano", non un obbligo a fare così

Mi sembrava ovvio…..:roll:

fabiopon
Member
golias

A fare cosa.. buoni da merenda ?
Se inserisci 30-40 ml di lattice con la classica siringona è chiaro che crei una piccola pressione interna e il lattice che resta nella zona valvola, quando togli la cannuccia, esce con un leggero spruzzo (provare per credere) per evitarlo basta far sfiatare la siringa prima di togliere la cannuccia, non c'è niente di complicato.

Ma si è una sciocchezza… basta un po' di accortezza e uno straccetto sulla valvola. E saperlo prima :mrgreen: