La stanchezza: Esteban Chaves

La stanchezza: Esteban Chaves

01/10/2019
Whatsapp
01/10/2019

Dopo le vicissitudini di Romain Bardet e Thibaut Pinot, continuiamo la nostra panoramica sui corridori che recentemente hanno accusato problemi di “stanchezza” nel senso lato del termine. Stavolta con un corridore colombiano che è l’immagine della gioia per antonomasia: Esteban Chaves.

(Photo by Con Chronis/Getty Images)

Il sorriso di Chaves è conosciuto a tutti gli appassionati di ciclismo, e chi lo ha conosciuto sa che la sua attitudine positiva è contagiosa. Vincitore del Tour de l’Avenir 2011 come trampolino di lancio nel professionismo, nella sua carriera, allo stesso tempo negli ultimi anni è passato dall’essere il primo vincitore non europeo del Lombardia, al 2°posto al Giro d’Italia ed al 3° posto alla Vuelta nel 2016 all’essere vittima di infortuni molto gravi ed altri problemi.

Tra i suoi infortuni dovuti a cadute vi sono: frattura della clavicola destra, frattura del cranio e dello zigomo destro, frattura del seno mascellare, un pneumotorace, diverse fratture di costole. Nel 2017, dopo aver realizzato i suoi risultati migliori, ha contratto la mononucleosi (virus di Epstein-Barr) e da li ha cominciato un lento scivolamento in qualcosa di molto simile alla depressione, con anche la volontà di ritirarsi “dopo aver toccato il fondo” ed aver perso la voglia di andare in bici.

Spinto da amici e parenti è tornato in Colombia per allenarsi, ma soprattuto per ritrovarsi in un viaggio ciclistico alle origini della sua attività. Accompagnato da un responsabile di Scott, sponsor tecnico della sua squadra, la Mitchelton-Scott, e da una piccola crew per le riprese, hanno immortalato questo viaggio, che gli ha fatto tornare la voglia e la gioia di salire in sella.

Il video che ne è stato ricavato:

Il tutto è stato fatto anche nell’ottica di promuovere la fondazione FUN di Chaves, una fondazione che raccoglie fondi per bambini con problemi ortopedici in Colombia: https://www.estebanchavesfoundation.com

È stato in occasione della presentazione di questo progetto che ho potuto conoscere Chaves, e posso confermare che è un ragazzo davvero alla mano e di grande simpatia. Un aneddoto: la presentazione del suo progetto era stata organizzata da Scott, che al contempo aveva organizzato un’uscita in bici divisa in due gruppi, un giro corto di una 30ina di chilometri assieme a Esteban ed un giro “lungo” di 50km circa guidati da Simon Yates, 1 mese dopo la vittoria della Vuelta. Prima di lanciarsi nella scelta di questi giri è sempre meglio chiedere l’andatura prevista, e quella per il giro con Yates era di circa “30km/h di media”, pertanto ho scelto questa.

Peccato che Yates, alla lettera, andasse a 30km/h in pianura come in salita. Per fortuna le salite era molto corte essendo nella zona di Freiburg in Germania, ma comunque….era la prima giornata calda dell’anno ed io mi sono trovato coi brividi in un’auto di scorta. Alla fine erano tutti belli provati, e siamo tornati alla partenza, fatti la doccia e cambiati, e solo allora è arrivato il “gruppo Chaves”, tutti sorridenti dopo aver fatto mille selfie, pausa gelato e tutti entusiasti della simpatia di Esteban che ha scherzato con tutti durante il giro. Anche Yates ha scherzato con tutti…ma in altra maniera…

16
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
15 Comment threads
1 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
12 Comment authors
SSuper Ciukpedalone della bassagashtS Recent comment authors

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Andrea Sicilia
Editor
Si è poi mai saputa la ragione della cotta nella prima settimana del Giro dello scorso anno?
p.s. sempre scegliere i gruppi di condom flight eh? :mrgreen:
lap74
Member
lap74
Ad essere sincero non li vedo poi tanto negativamente questi casi di corridori stanchi (di fisico e di testa), potrebbe anche essere valutato un buon segno……
V
Member
Valerio_S

Ser pecora ha scritto: Anche secondo me. Come anche "le cotte" tipo quella di MVDP. Un Armstrong o coevi che si piantassero ai -10km era dura immaginarseli. Clicca per allargare… Vado un po’ OT, ma chiedo, non sono da valutare positivamente anche i numerosi risultati recentemente conseguiti da gente che ha iniziato mezz’ora prima (in senso lato ovviamente) a pedalare? Roglic è un caso particolare e tutti lo conosciamo ma tra i giovanissimi citerei Evenepoel (niente da dire), Simmons (campione mondo strada juniores, pedala da 2 anni), Konychev (figlio d’arte, cmq passato pro dopo appena 5 anni di agonismo), lo… Read more »

V
Member
Valerio_S
Bel video, diciamo che non si può non simpatizzare con questo ragazzo.

Personalmente sono stato molto felice della sua vittoria al Giro e gli auguro grandi risultati nelle stagioni a venire.

maxtor70
Member
maxtor70
Video stupendo e Lui di più….come si fa a non voler bene ad un Ragazzo così?…forza Campione, aspetto la Tua prossima vittoria!!!
mauretto
Member
mauretto
Una bella persona, e una bella pubblicità per il ciclismo. L’amatore medio dovrebbe rifletterci su.
C
Member
ChristianR
@Ser ho letto su un sito estero che Moscon avrebbe rilasciato un’intervista in merito alla sua stagione mediocre dichiarando che era sovrallenato, e addirittura che questa sua condizione l’ha portato a ingrassare di 8kg tra l’inizio e la fine del Tour..magari è interessante per questa serie di articoli.
Scaldamozzi ogni tanto
Member
Scaldamozzi ogni tanto
@Ser ho letto su un sito estero che Moscon avrebbe rilasciato un’intervista in merito alla sua stagione mediocre dichiarando che era sovrallenato, e addirittura che questa sua condizione l’ha portato a ingrassare di 8kg tra l’inizio e la fine del Tour..magari è interessante per questa serie di articoli.

Ho sentito pure io, ma penso ci sia qualche cosa dì sbagliato.
8 kg sono circa 64000 kcal, cioè un surplus di 3000 kcal al giorno per tre settimane tenendo conto del metabolismo basale e dei km pedalati.
Umanamente impossibile.

gasht
Member
gasht
potrebbe essere un errore di stampa ma bisogna vedere da che punto di magrezza partiva.
anche martin ha detto che si è gonfiato durante il tour. vedo kristoff e pure lui stessa squadra pare un culturista.

bisognerebbe chedere a janez b. una consulenza su come smaltire.

pedalone della bassa
Member
pedalone della bassa
@Ser ho letto su un sito estero che Moscon avrebbe rilasciato un’intervista in merito alla sua stagione mediocre dichiarando che era sovrallenato, e addirittura che questa sua condizione l’ha portato a ingrassare di 8kg tra l’inizio e la fine del Tour..magari è interessante per questa serie di articoli.

se ne parla già in altre due discussioni (di questa dichiarazione) o-o

S
Member
Simone.01
Quale?
C
Member
ChristianR
Ho sentito pure io, ma penso ci sia qualche cosa dì sbagliato.
8 kg sono circa 64000 kcal, cioè un surplus di 3000 kcal al giorno per tre settimane tenendo conto del metabolismo basale e dei km pedalati.
Umanamente impossibile.

Mah in effetti anche a me pareva strano perchè solitamente i corridori arrivano abbastanza tirati alla fine dei GT, peraltro nell’ultima settimana spesso fanno anche fatica a mangiare correttamente.

Super Ciuk
Member
Super Ciuk
Peso corridori alla partenza ed all’arrivo del Tour 1908. E diamoglielo sto kudos a Rossignoli! :-x

Io lo darei a Souliè il kudos .. 90 kg pesa quanto me quando sono in piena forma bella cumpa

mauretto
Member
mauretto
@Ser ho letto su un sito estero che Moscon avrebbe rilasciato un’intervista in merito alla sua stagione mediocre dichiarando che era sovrallenato, e addirittura che questa sua condizione l’ha portato a ingrassare di 8kg tra l’inizio e la fine del Tour..magari è interessante per questa serie di articoli.

Se leggi bene l’intervista, non ha detto che è ingrassato di 8kg, ha detto che il suo peso è aumentato di 8kg. C’è una bella differenza ;-)