[Test] Trek Émonda SLR 8 disc

[Test] Trek Émonda SLR 8 disc

06/02/2018
Whatsapp
06/02/2018

[et_pb_section bb_built=”1″ background_color=”#4a4e51″ _builder_version=”3.0.86″ parallax=”on”][et_pb_row background_color_1=”#4a4e51″ _builder_version=”3.0.86″ custom_margin=”-100px|||”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_divider admin_label=”Divider” height=”60″ _builder_version=”3.0.86″ /][et_pb_text admin_label=”Text” background_layout=”dark” _builder_version=”3.0.86″ text_orientation=”center” module_alignment=”center”]

Trek Émonda SLR 8 Disc

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_image admin_label=”Image” src=”https://www.bdc-mag.com/wp-content/uploads/2018/02/F75R0290.jpg” _builder_version=”3.0.86″ animation_direction=”bottom” animation=”bottom” /][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”1_4″][et_pb_image src=”https://www.bdc-mag.com/wp-content/uploads/2018/02/F75R0295.jpg” show_in_lightbox=”on” _builder_version=”3.0.86″ /][et_pb_blurb admin_label=”dettaglio 1″ icon_color=”#2ea3f2″ use_circle=”on” circle_color=”#0d2035″ background_layout=”dark” _builder_version=”3.0.86″ text_orientation=”center” url_new_window=”off” use_icon=”off” use_circle_border=”off” icon_placement=”top” use_icon_font_size=”off”]

Le ruote Bontrager Aeolus Pro 3 Tlr: 19,5mm il canale interno. 1600gr il peso, che in versione disco potremmo definire buono. I meccanismi dei mozzi sono il riferimento, ovvero i DtSwiss 240. Tubeless ready.

[/et_pb_blurb][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_4″][et_pb_image src=”https://www.bdc-mag.com/wp-content/uploads/2018/02/F75R0296.jpg” show_in_lightbox=”on” _builder_version=”3.0.86″ /][et_pb_blurb admin_label=”dettaglio 2″ icon_color=”#2ad4e0″ use_circle=”on” circle_color=”#0d2035″ background_layout=”dark” _builder_version=”3.0.86″ text_orientation=”center”]

Il tipico reggisella “invertito”, marchio di fabbrica di Trek.

[/et_pb_blurb][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_4″][et_pb_image src=”https://www.bdc-mag.com/wp-content/uploads/2018/02/F75R0304.jpg” show_in_lightbox=”on” _builder_version=”3.0.86″ /][et_pb_blurb admin_label=”dettaglio 3″ icon_color=”#9633e8″ use_circle=”on” circle_color=”#0d2035″ background_layout=”dark” _builder_version=”3.0.86″ text_orientation=”center”]

Il design globale del telaio ricalca gli stilemi tipici della famiglia Trek. Nel complesso abbastanza essenziale.

[/et_pb_blurb][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_4″][et_pb_image src=”https://www.bdc-mag.com/wp-content/uploads/2018/02/F75R0298.jpg” show_in_lightbox=”on” _builder_version=”3.0.86″ /][et_pb_blurb admin_label=”Dettaglio 4″ icon_color=”#d85fd6″ use_circle=”on” circle_color=”#0d2035″ background_layout=”dark” _builder_version=”3.0.86″ text_orientation=”center”]

Molto minimale la forcella, che non presenta il passaggio interno della guaina. Non molto elegante rispetto altre soluzioni, ma probabilmente più leggero.

[/et_pb_blurb][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section][et_pb_section bb_built=”1″ module_id=”builder” _builder_version=”3.0.47″][et_pb_row _builder_version=”3.0.86″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Text” _builder_version=”3.0.86″ background_position=”top_left” text_orientation=”center” module_alignment=”center” text_font=”||||||||”]

Uno dei miti persistenti nel mondo amatoriale è quello che riguarda la “sensibilità”, ovvero la dote di accorgersi o meno delle differenze tra bici e componenti, o delle caratteristiche di questi. Secondo questo mito ci sono persone in grado di accorgersi di differenze minime di peso o rigidità o flessibilità o altro tra due bici o due componenti o addirittura di singoli componenti di una bici, come una forcella o un reggisella. Noi non vogliamo negare che ci sia la possibilità di avere delle “sensazioni” diverse riguardo questi elementi, anche se spesso accorgersi della differenza data da pochi grammi di peso o di “rigidità” di un singolo componente è cosa che sfugge persino a strumenti di misura piuttosto precisi (chi è capace di accorgersi di differente di +/- 5 Watt mentre pedala con un misuratore di potenza?).

E soprattutto, ammesso che si percepisca la differenza, la si percepisce rispetto a cosa? A quanti altri componenti? A quante altre bici? Senza voler particolarmente tirare acqua al mio mulino, c’è una grossa differenza tra provare molte bici e molti componenti e provarne 1-2, nel senso che nel tempo ci si forma un database, seppur di soggettive sensazioni, che serve a comparare e mettere in relazione tra di loro queste sensazioni.

Il caso della prova della Trek Émonda SLR 8 disc in oggetto è un esempio di questo, nel senso che la bici è arrivata il giorno prima della restituzione della BMC RoadMachine, provata in concomitanza con la Cannondale Synapse.

Fatte le opportune regolazioni di base, salire in sella ad una bici nuova il giorno dopo averne provate altre due, sui propri percorsi, da la possibilità di accorgersi abbastanza bene delle differenze, anche senza sensibilità paranormali. Ed è stato il caso della Émonda, che fa parte di una categoria diversa rispetto le altre due bici appena provate, ovvero una macchina da salita votata alla leggerezza piuttosto che all’endurance.

La versione del test è montata con trasmissione Shimano DuraAce 9100 (50/34-11/28), , ruote Bontrager Aelous Pro 3 TLR con profilo da 35mm, sella Bontrager Montrose Elite in titanio, reggisella Bontrager Ride Tuned in carbonio, offset 20mm, attacco manubrio Bontrager Pro, 31.8mm, 7 gradi, con supporti per computer e luci e manubrio Bontrager XXX, carbonio OCLV, VR-C, 31.8mm e copertoni Bontrager R3 28mm (invece dei 25mm di serie).

Senza pedali, in taglia 60 (geometria H2) il peso è di 6,95kg alla nostra solita bilancia.

La Émonda è la prima bici provata con freni a disco sotto i 7kg. Ovvero 1 etto meno della versione rimbrakes provata da noi tempo fa.

In attesa di una nuova versione della Madone, che oramai si pone come bici “aero”, la Émonda si pone come la bici “da salita” della casa di Madison. Una bici essenziale, ovvero senza trovate particolari come per le due sorelle Madone e Domane, due delle bici più caratterizzate del panorama bici attuale, grazie a soluzioni particolari. La Emonda è una bici con un telaio che fa della leggerezza la sua forza, anche in questa versione per freni a disco.

 

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_image admin_label=”Image” src=”https://www.bdc-mag.com/wp-content/uploads/2018/02/F75R0302.jpg” _builder_version=”3.0.86″ animation_style=”slide” animation_direction=”right” animation_duration=”500ms” animation_intensity_slide=”10%” animation=”right” /][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section][et_pb_section bb_built=”1″ background_color=”#4a4e51″ module_id=”mobile” _builder_version=”3.0.86″][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Text” background_layout=”dark” _builder_version=”3.0.86″ background_position=”top_left” text_orientation=”center” module_alignment=”center”]

La trasmissione Shimano DuraAce 9100, in versione meccanica, si fa apprezzare per l’ergonomia superlativa dei comandi e per una funzionamento impeccabile. In questa versione meccanica un gradino sopra SRAM ad opinione di chi scrive, sia per qualità dei materiali che ergonomia. In versione elettronica invece la spunta l’eTap, personalizzabilità a parte.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_image admin_label=”Image” src=”https://www.bdc-mag.com/wp-content/uploads/2018/02/F75R0292.jpg” _builder_version=”3.0.86″ animation_style=”slide” animation_direction=”left” animation_duration=”500ms” animation_intensity_slide=”10%” animation=”left” /][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section][et_pb_section bb_built=”1″ module_id=”layouts” _builder_version=”3.0.47″][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”1_2″][et_pb_image admin_label=”Image” src=”https://www.bdc-mag.com/wp-content/uploads/2018/02/IMG_6630-1.jpg” _builder_version=”3.0.86″ background_color=”#7cda24″ animation_style=”slide” animation_direction=”right” animation_duration=”500ms” animation_intensity_slide=”10%” animation=”right” /][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_2″][et_pb_text _builder_version=”3.0.86″]

Salita

Rispetto alle bici endurance di cui si parlava in apertura la differenza è subito percepibile. Sono solo 6 etti di differenza nel complesso, quindi non aspettatevi di misurare le differenze cronometriche con la clessidra, ma la sensazione di “prontezza” e vivacità che dà la Émonda è subito evidente. In particolare in fuorisella dove il peso del telaio si fa più sentire oscillando continuamente rispetto la retta direttrice. Ovvero il telaio “viene su” più agevolmente e accompagna bene il colpo di pedale. Anche le ruote fanno bene il loro lavoro. Pur in versione disco, le R3 sono ruote da 1,4kg ed il loro profilo da 35mm sembra veramente il giusto compromesso per una bici come la Émonda.

Insomma una bici che con questo peso e comportamento dinamico non ha niente da invidiare alle versioni analoghe per freni classici. Se questo era l’obiettivo è stato centrato.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”1_2″][et_pb_text _builder_version=”3.0.86″]

Discesa

La Émonda del test è in geometria H2, ovvero la geometria un po’ più comoda, ed alta sul davanti, di Trek. In opzione (solo come telaio attraverso il ProjectOne) c’è la geometria H1, più “race” e bassa sull’anteriore. In taglia 60 la Émonda ha lo stesso Reach delle bici endurance menzionate prima (entrambe in taglia 58).

A mio avviso in questa geometria H2 è davvero una bici perfetta per granfondo. La posizione non è troppo aggressiva, e si riesce a caricare comunque bene sull’anteriore anche in discesa, ma al contempo avendo una posizione un po’ più sostenibile per molte ore durante le fasi pedalate. In discesa il comportamento è molto neutro, ed anche molto equilibrato tra anteriore e posteriore. Una cosa che ho notato ultimamente è il grande grado di assorbimento dato dal posteriore delle bici attuali, probabilmente dovuto alla flessibilità verticale dei pendenti posteriori e dei reggisella. Cosa però spesso non perfettamente “in tuning” con l’anteriore che spesso invece è molto più secco, presumibilmente per offrire il massimo della rigidità torsionale in discesa pur contenendo i pesi. Nel caso della Émonda invece i due comparti sono molto ben equilibrati tra di loro.

Forse un po’ più “ballerina” delle bici endurance provate prima di lei, in particolare sul dritto, ma niente di clamoroso. D’altronde la base è quella della sorella rimbrakes che già avevamo apprezzato, ed i due perni passanti per l’impianto freni a disco non possono che aver giovato nel complesso della rigidità del telaio.

[/et_pb_text][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_2″][et_pb_image admin_label=”Image” src=”https://www.bdc-mag.com/wp-content/uploads/2018/02/IMG_6633-2-2.jpg” _builder_version=”3.0.86″ animation_style=”slide” animation_direction=”left” animation_duration=”500ms” animation_intensity_slide=”10%” animation=”left” /][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”1_2″][et_pb_image admin_label=”Image” src=”https://www.bdc-mag.com/wp-content/uploads/2018/02/F75R0300.jpg” _builder_version=”3.0.86″ animation_style=”slide” animation_direction=”right” animation_duration=”500ms” animation_intensity_slide=”10%” animation=”right” /][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_2″][et_pb_text _builder_version=”3.0.86″]

Comodità

La Émonda non è una bici endurance, quindi il paragone con le bici provate prima di lei ha solo titolo indicativo, ma la comodità di questa bici è davvero ottima. Merito in particolare della geometria H2, che a mio avviso potrebbe benissimo essere lo standard per utilizzo amatoriale e granfondistico in generale. Questa geometria consente una posizione non estrema, senza spessori inutili anche per schiene non super-flessibili ed ottimo controllo del mezzo. La possibilità di scelta da queste due geometrie è obiettivamente un plus notevole che offre Trek.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section][et_pb_section bb_built=”1″ background_color=”#4a4e51″ _builder_version=”3.0.86″][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text background_layout=”dark” _builder_version=”3.0.86″]

Conclusioni

Da quanto scritto finora sarà chiaro come questa Trek sia una bici che mi sia piaciuta parecchio, in particolare per il comportamento rispetto alle bici provate precedentemente. Questo non va a loro detrimento, visto che fanno parte di una categoria diversa. La Émonda si confronterebbe con TeamMachine e SuperSix Evo. Mi è piaciuto molto il carattere spiccato di questa bici e l’equilibrio generale. Non una bici “estrema”, in particolare grazie alla geometria, ma con un peso eccellente ed ottima guidabilità. E questo lo dico non da fan del marchio, in particolare esteticamente, ma a mio avviso se la Émonda è una delle bici che mi è piaciuta di più in questa categoria in passato, la versione disc in prova si conferma. Senza avere grande concorrenza per il momento. Chiaramente una versione rim peserebbe ancora meno, ma 6,9kg con una rigidità ottimale, probabilmente data dai perni passanti, non fa rimpiangere niente, anzi. In particolare in questa versione meccanica, con un DuraAce impeccabile e leggero. Un po’ anonima la livrea.

6499eu il prezzo

Sito Trek

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

31
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
26 Comment threads
5 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
22 Comment authors
RkikhitFraSD Recent comment authors
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Andrea Sicilia
Editor

La foto accanto a “salita” è da Roncapiano in Val di Muggio o evvè?

faberfortunae
Member
faberfortunae

Si fa presto a fare il conto della serva: un paio di ruote custom aftermarket da 1100gr (spacebike o spada per dirne due a caso e senza dovere volare a Taiwan), un gruppo più leggero (SRAM) ed in taglia M/L si sta serenamente sui 6 kg e mezzo, pedali e porta borraccia inclusi (io sono abituato a contarli sulla bilancia) : benvenuti nella nuova era… In vendita anche telaio nudo?

D
Member

Andrà anche bene, non discuto e non avendola provata non posso neppure esprimere la più basica delle opinioni ma… accidenti se è sgraziata con quel tubo sterzo esageratamente lungo e quegli steli forcella che danno l'impressione di fragilità mal si combina con le impressioni che hai esposto sul suo comportamento in strana, e poi dai con tutti quei cavi messi così alla cassum sembra qualcosa di non finito, insomma in fatto di gusti estetici alla trek hanno ancora da imparare.

F
Member
filippo angeli

notare che in trek non mettono nemmeno una minima protezione al telaio dove i cavi toccano…vedi tubo sterzo…dopo tre uscite hai già il telaio segnatoooooo !!!

G
Member
giandokan85

ciao. la trek fornisce un set completo di pellicole trasparenti adesive da posizionare in posti specifici dove appunto i cavi toccano il telaio. magari quelli che hanno assemblato la bici in prova non li hanno adoperati. io l’ho appena presa solo che il meteo non vuol farmela provare…. sono due giorni che a capri piove ininterrottamente. mi trovo d’accordo sul caos cavi che potevano essere inseriti nel telaio con maggiore cura. una volta che si sale in sella però se le sensazioni, come confermato dalla prova appena fatta, che si provano sono soddisfacenti credo che i cavi passano in secondo… Read more »

kikhit
Member
kikhit

Beh dai, in una taglia 60 è piuttosto normale che il tubo sterzo sia così lungo. Se guardi le geometrie delle taglie più piccole non è così sproporzionato 😉 e soprattutto, avere un tubo sterzo cortissimo per poi metterci 3cm di spessori… 😉

F
Member
flavio-san

le bici per voi alti son sempre “strane” e questa ancor di più con quel tubo sterzo che è lungo come il verticale della mia 52 🙂

quindi per tornare al discorso rigidità e sensazioni non hai sentito la guarnitura rigidissima? 😛

f

lap74
Member
lap74

Ho una Emonda SL con freni tradizionali tg. 54 geometria H2. Non posso che confermare pienamente quanto detto nell’articolo sulla geometria. Quei tubi sterzo corti che mettono sulle bici più racing non so quanti amatori magari ultra quarantenni possono permetterseli se non mettendo una sfilza di antiestetici spessori sotto il manubrio. Trek ha capito che queste sono le geometrie standard per gli amatori mentre per i professionisti ed i più giovani/flessibili c’è sempre la H1 ma stiamo parlando di una minoranza. Per quanto riguarda l’estetica questo esemplare è fortemente penalizzato dalla taglia grande. Posso assicurare che guardando una 52 o… Read more »

faberfortunae
Member
faberfortunae
flavio-san

le bici per voi alti son sempre "strane" e questa ancor di più con quel tubo sterzo che è lungo come il verticale della mia 52 🙂

quindi per tornare al discorso rigidità e sensazioni non hai sentito la guarnitura rigidissima? 😛

f

sono le bici per voi piccini ad essere strane… :mrgreen::mrgreen::mrgreen:

F
Member
filippo angeli

non mi risulta che le aeolus siano così leggere..verifica il peso…forse è per la versione caliper…ma nemmeno..

BrunoDM
Member
BrunoDM

Per pura curiosità: è previsto un test della scott addict RC disc oppure… gli svizzeri han il braccino corto? 🙂

Ipercool
Member
filippo angeli

notare che in trek non mettono nemmeno una minima protezione al telaio dove i cavi toccano…vedi tubo sterzo…dopo tre uscite hai già il telaio segnatoooooo !!!

Nella scatola del telaio ci sono gli adesivi trasparenti da incollare in ogni punto delicato.

Io non li metto per scelta perché non potrei usare biciclette con fili appesi o ancora peggio con funi in vista.

Ma il negoziante ve li dovrebbe dare comunque.

Sent from my [device_name] using BDC-Forum mobile app

S
Member
stefano 1974

La Émonda è la prima bici provata con freni a disco sotto i 7kg -trek-

quella utilizzata da me, in taglia 60, fermava l’ago della bilancia a 6,8kg – focus izalco max disc-

Facciamo la seconda?(-:

SoftMachine
Member
SoftMachine

Domanda che NON intende scatenare polemiche e putiferio ma semplice curiosità personale per l’opinione di chi ha provato, suppongo, un numero notevole di bici e gruppi:
per quale motivo ritieni che l’elettronico di Sram (e tap) “la spunti” nel confronto con Di2 di casa Shimano?

Grazie

Joe_T
Member
flavio-san

le bici per voi alti son sempre "strane" e questa ancor di più con quel tubo sterzo che è lungo come il verticale della mia 52 🙂

quindi per tornare al discorso rigidità e sensazioni non hai sentito la guarnitura rigidissima? 😛

f

Vero. Nello specifico émonda a parer mio, le taglie che gli rendono maggior giustizia come impatto estetico sono 52 54.

G
Member
gerardo77

Complimenti per l’articolo, come al solito privo di menate filosofiche. La foto con il lago sullo sfondo è forse fatta sulla salita verso Schignano?

salomone
Member
salomone

Una disc così la potrei proprio comprare, mi piacciono sia l’estetica essenziale, sia le prestazioni descritte.
Rimane il timore del rumore di “zing – zing”, che ho verificato si presenta, in alcune bdc di amici, che hanno delle disc shimano (anche se Ultegra).
Non lo sopporto proprio…

tony1984
Member
tony1984

Posseggo le stesse ruote. Il loro peso è di 1610gr da non confondere con le aeolus d3 altra ruota. queste sono il modello pro e non hanno mozzi dtswiss. Tuttavia sono comunque ottime e molto scorrevoli! canale confermo da 19.5 e carbonio copertone pronto tubeless,.

BrunoDM
Member
BrunoDM

Super-mega-maxi-multi quote di @SerPecora !
[emoji106][emoji106][emoji106][emoji106]

SoftMachine
Member
SoftMachine
Ser pecora

Bene, allora immagino che se qualcuno vi chiede il peso della vostra bici lo diciate complessivo di voi sopra…

:cry::cry::cry:

:mrgreen:

Grazie per la risposta sull' e-tap. Solo una domanda. Lo hai trovato rumoroso nel funzionamento (durante la pedalata, intendo. E' noto che la cambiata sia piu' sonora ma quello non lo ritengo un difetto) o necessita di particolari attenzioni perchè tende a "sregolarsi" durante l'uso?
Lo chiedo perchè sto allestendo una nuova bici ed E-tap mi tenta parecchio ma non ho avuto buone esperienze finora con Sram, in particolare la deragliata…
Perdonate l'OT

D
Member
dackmaster

le taglie grandi sono oscene

D
Member
Ser pecora

In linea di massima si, ma dipende anche dalle linee del telaio. La BMC dello scorso test non mi sembra cosi brutta.

Fiuu… meno male che non sono l'unico a definirla sgraziata… si la BMC è decisamente meglio.

OT
@SoftMachine… facciamo gruppo per l'etap :==

D
Member
doublet

orribile.

S
Member
giandokan85

sul sito c'è la possibilità di personalizzarla con colorazioni diverse da quelle proposte di serie, alcune senza aggiunta di soldini mentre x altre c'è un sovrapprezzo.

Il semplice fatto di utilizzare il programma “Project One” porta ad un sovrapprezzo di 600 euro.

Sent from my iPhone using BDC-Forum mobile app

G
Member
giandokan85

hai ragione. mi era sfuggita la scritta microscopica con il cambio di prezzo.

Fra
Member
Fra

Possiedo una BMC SLR 01 2015 DAdi2 e questa Emonda al di là dei fronzoli estetici è una della Disc che mi tenta di più insieme alla nuova BMC Time machine, della quale vorrei sapere se è previsto un Test a breve così da fare un raffronto

R
Member

Sto pensando seriamente di farmi una Émonda Disc (taglia 58). Visto che la vorrei con l'eTap e che non è possibile configurarla con quel gruppo a partire dal modello Émonda SLR 8 Disc, ho pensato di farla partendo dai componenti separati. Trek vende il kit telaio SLR Disc (€2999), che tra l'altro è in una colorazione che mi piace di più (Trek Black/Viper Red), sul quale monterei appunto lo Sram Red eTap HRD di cui ho letto ottime recensioni. Monterei poi le ruote Bontrager Aeolus 3 Disc D3 Tubular, più leggere e performanti delle Aeolus Pro 3 montate sulla SLR… Read more »