Marc Madiot si esprime sul reggisella telescopico

65

Se Matej Mohoric voleva sollevare un polverone nello statico mondo del ciclismo ci è riuscito, visto che si parla e straparla ovunque dell’ormai famoso reggisella telescopico con cui ha corso e vinto la Milano-Sanremo.

Arrivano anche le prime reazioni degli addetti ai lavori, come ad esempio Marc Madiot, team manager della Gourpama-FdJ (e vincitore di due Roubaix da corridore, 1985 e 1991), che sul Wilerfiets si è così espresso:

«È stato intelligente da parte sua (di Mohoric -ndr-). È stato spettacolare ed è quello che vogliamo. Non voglio giocare a fare il cavaliere della morale, però Mohoric è andato molto vicino a cadere varie volte. Cosa diremmo se fosse finito in sedia a rotelle dopo la discesa del Poggio? Se iniziamo a incoraggiare gli altri a fare lo stesso il pericolo e il rischio diventano ancora più grandi. Dobbiamo pensare anche alla sicurezza, no? Ma mi sembra che lo dimentichiamo un po’ troppo spesso“.

Sono un team manager e non mi piace chiamare i genitori per dirgli che loro figlio è in ospedale. A me è già successo, e non voglio riviverlo. Ed il reggisella telescopico non è un miglioramento al riguardo. L’UCI farebbe bene a esaminare questi problemi reali (in realtà i reggisella telescopici sono approvati per uso in competizione dall’UCI dal 2014 e sono già stati usati dai pro -ndr-). Ma potrebbero non essere abbastanza forti contro la lobby dei produttori di biciclette“.

Tuttavia, il boss di Groupama-FDJ non può vietare ai suoi corridori di utilizzare il reggisella telescopico,se qualcuno lo chiedesse: “Dovrò dire di sì, perché non ho altra scelta. Se lo fanno gli altri, dovremmo farlo anche noi. Ma me ne pentirò molto perché penso che stiamo andando alla deriva. Non prenderò mai l’iniziativa da solo, perché oltre all’aspetto della sicurezza penso anche che questo non sia nel DNA del ciclismo”.

“Per me l’essenza del ciclismo è che si deve andare il più veloce possibile con le proprie gambe e il proprio corpo, su una bici quasi identica a quella del proprio avversario. Anche questo non va dimenticato. Ma il team di Mohoric ha le risorse per farlo, mentre ci sono anche molti team che non hanno l’opportunità di cercare innovazioni. Certo che sono per il progresso, ma sono anche per l’uguaglianza“.

 

Commenti

  1. Zonco:

    Vero! Ma Mohoric di fortuna ne ha avuta, come hai visto in due occasioni ha rischiato di baciare l'asfalto!
    O forse non è caduto perchè si è preparato adeguatamente. Appunto, la fortuna va aiutata.
  2. sembola:

    O forse non è caduto perchè si è preparato adeguatamente. Appunto, la fortuna va aiutata.
    Sicuramente, sono dei funamboli, in certe situazioni sono sempre al limite, saltano cordoli a 60 e passa all'ora. Tanto di cappello ai pro, è gente che vive sulla bici, e sicuramente Mohoric avrebbe vinto anche senza reggi teles!
  3. Ser pecora:

    Dal 1930 al '35 il Tour si è corso con bici uguali per tutti.

    ....ed è stato il motivo per cui sono nate le "tariffe" per far ospitare le tappe dai comuni. Visto che non c'erano piu' entrate da parte dagli sponsor.
    Poi hanno riammesso gli sponsor e mantenuto i pagamenti dalle città :mrgreen:
    Quindi ora potrebbero mettere un tetto tecnologico per cui la bici non deve valere più di 10.000 euro di listino e poi far pagare i biglietti a bordo strada per rientrare nelle spese. Entro un paio di anni tolgono il tetto e lasciano i biglietti. :sborone:
    Scrivetemi in DM per altre idee geniali di business!! :==
Articolo precedente

Garmin lancia oggi Tacx NEO Motion Plates

Articolo successivo

Prova di forza della Jumbo-Visma al GP E3

Gli ultimi articoli in Magazine

Attenzione ai siti fake

Nelle ultime settimane sono apparsi online dei falsi siti web creati da truffatori desiderosi di fare…