Il Coronavirus sta per distruggere i negozi di bici?

Il Coronavirus sta per distruggere i negozi di bici?

17/04/2020
Whatsapp
17/04/2020

Riprendiamo qui un articolo dei cugini di Mtb-Mag, che vale anche per il mondo della bici da strada.

Il mercato della bicicletta è praticamente fermo. I negozi sono chiusi da settimane proprio nel periodo più importante dell’anno, la primavera, quando sono pieni di bici nuove pronte ad essere vendute. Non si sa ancora quando potranno riaprire, ma prima di maggio sembra dura. Online cominciano già a vedersi sconti sulle “bici in magazzino”, anche perché la gamma 2021 non dovrebbe essere lontana dalla presentazione (per esempio Giant ha già mostrato qualcosa).

Ricordiamoci, infatti, che le tempistiche della produzione di biciclette e relativa componentistica sono lunghe e che tanti marchi spostano il rischio imprenditoriale sul negoziante: preordini a giugno/luglio, anticipi poco dopo, consegna bici a fine anno, e magazzini de facto nei singoli negozi (con i conseguenti costi e rischi di furto). In pratica producono sul venduto, ma il venduto ai negozi, non ai clienti finali, cosa che in una situazione straordinaria come questa può rivelarsi fatale per tanti.

Avete anche già visto che marchi di componentistica come Fox e Rock Shox hanno già presentato i prodotti 2021, segno che il mercato OEM (quello dei primi montaggi) è in movimento da tempo e che quindi la valanga di nuovi prodotti sembra inesorabilmente in arrivo.

Per i negozianti questa è una catastrofe, perché si trovano con il magazzino pieno a poche settimane dal lancio delle bici 2021. Le strade sono due:

  1. i produttori posticipano i prodotti 2021. Una cosa praticamente infattibile se le bici sono già state create in Oriente. Ricordiamoci che Taiwan, dove tanti telai in carbonio vengono prodotti, non ha praticamente mai chiuso grazie ad una reazione esemplare alla pandemia. In Cina il discorso è diverso, visto il lockdown, ma ormai le fabbriche di bici si trovano anche in Paesi come il Vietnam, e da lì non sono giunte notizie di chiusure.
  2. Svuotare i magazzini con sconti. Proprio qui vogliamo chiedervi cosa ne pensate e soprattutto cosa farete, visto che in tempi incerti come questi si è meno propensi a spendere. Certo, la bici è un modo per uscire dalla gabbia del Coronavirus, sia fisicamente che mentalmente, ma forse al momento ci sono altre priorità, oppure approfitterete degli sconti che verranno proposti?

Una domanda va però fatta anche ai negozianti: ha ancora senso aspettare il cliente nel negozio fisico, quando si riaprirà, od è meglio muoversi in anticipo online? In fondo gli strumenti non mancano, anche se non si ha un sito di vendita online. Vedere per esempio il nostro mercatino, o altre piattaforme più o meno gratuite che ampliano anche il numero di potenziali acquirenti oltre a quelli in zona.

A voi la risposta.

 

Commenti

  1. Number of the beast:

    Chi acquista una bicicletta da 4-5000 euro a salire, non ha certo problemi a cambiare bicicletta. Non è certo il dipendente o il pensinato da 1400 euro al mese, spero. Ho scritto spero, perché non osso immaginare quale fesso con uno stipendio da operaio va a buttare i soldi su una bicicletta costosa per poi lamentarsi in questo periodo che non soldi per mangiare.
    La bici come la moto è una passione,se comprassero le top di gamma solo gli abbienti,ne venderebbero davvero poche...anche gli operai,non tutti gli anni sicuramente,,magari prendendo l'offerta di fine serie,ma una top di gamma ,se è la loro passione,se la comprano.
  2. golias:

    Tranquillo che non è solo un secondo te ma sarà la tragica ferma di un economia già stagnante di suo, appena scatterà il liberi tutti (ammesso ciò avvenga) ci sarà un impennata dei consumi ma poi memori della vicenda attuale tanti andranno dritti al risparmio specialmente chi oggi fatica ad arrivare a fine mese.
    Anche perché eravamo arrivati a livelli di mutui e indebitamenti folli per comprare il superfluo ( vedi bici vacanze smartphone) che già di suo era abbastanza assurdo ma in una situazione di incertezza come sarà ora diventa insostenibile perlomeno per chi ha un minimo di sale in zucca
  3. golias:

    Oddio..a volte ho l'impressione che quel sicuramente sia da sostituire ad un probabilmente.. ma non ci scommetterei, non è il primo che sento che in primis si procura i vari gadget di moda e poi torna da mamma per il classico piatto di minestra.
    L'italia è un popolo di risparmiatori dicono.. ma se vai a vedere il 90 % di questi ha superato la soglia del mezzo secolo.
    Ultimamente sono finite diverse opzioni