La tappa del pavé al Tour va a Simon Clarke

La tappa del pavé al Tour va a Simon Clarke


Piergiorgio Sbrissa, 06/07/2022

Simon Clarke ha vinto mercoledì la tappa sul pavé tra Lille e Arenberg. Tadej Pogacar ha guadagnato tempo su tutti i suoi rivali. Roglic e O’Connor sono i grandi perdenti della giornata. Wout van Aert mantiene la sua maglia gialla dopo aver salvato Vingegaard.

La tappa del pavé ha mantenuto le promesse. Simon Clarke ha vinto in uno sprint serrato al fotofinish contro i suoi compagni in fuga. Wout van Aert mantiene la maglia gialla per 13 secondi su Neilson Powless (EF-Education EasyPost), caduto a 100 km dal traguardo. Pogacar ha attaccato assieme a Jasper Stuyven riuscendo recuperare 13 secondi dai suoi rivali. Primoz Roglic è il grande perdente di giornata, concedendo quasi due minuti allo sloveno. Giornata dura infatti per la Jumbo-Visma: prima è stata la maglia gialla Wout van Aert a cadere ai -95 km dal traguardo in uno scontro con il compagno di squadra Stephen Kruijswijk, poi ai -35 km dal traguardo Jonas Vingegaard ha forato e perso molto tempo in un caotico cambio di bici, con i suoi compagni di squadra impossibilitati ad aiutarlo con una bici della sua misura.

Anche Roglic è caduto, ai -26 km dal traguardo tra i settori 5 e 4. Ha perso più di due minuti sul suo connazionale. Alla Jumbo-Visma questa giornata almeno avrà avuto almeno il merito di chiarire la gerarchia nella corsa alla maglia gialla.

Per il resto ora la missione per tutti è la stessa: rincorrere Pogacar.

 

Commenti

  1. martin_galante:

    Allora non ho capito la tua tesi. Io volevo dire che a volte ha avuto qualche colpo di sfortuna, certo non cose che cambino la carriera, ma ha saputo superarli.

    Alla Liegi mi sembra che la volata se la giocassero lui ed Hirschi, penso con lo sloveno leggermente favorito ma chissa cosa sarebbe accaduto. Entrambi hanno avuto la sfortuna che Alaphilippe sia impazzito ed abbia rischiato di farli cadere. Non ho capito il tuo punto
    Agiochi normali il più veloce è Alahpilippe...sicuramente più di Pogacar almeno.
    Che sia nettamente il più forte, mi pare chiaro ormai anche ai sassi, che sia stato molto meno sfortunato dei suoi avversari credo dovrebbe essere un pensiero abbastanza condiviso.
  2. bastianella31:

    Ecco, e premetto che non voglio essere polemico.
    Ora si elogia Pogačar per esser stato davanti e si "critica" Rogla per la caduta.
    Secondo molti invece Nibali ebbe solo c..o.
    Ora, ripremetto, io sono 0 italianofilo, ma manco 0, -1000. Non tifo neanche alla nazionale. Per cui non si puö dire che io sia tifoso.
    Se Pogačar oggi è stato bravo, lo fu anche Nibali (visto il meteo forse di piü) nel 2014...

    3, 2, 1...
    Calmati perfavore, non posso mettere like a tutte le tue risposte :))):
    [S]Pioli si on fire[/S], Bastianella is on fire :cool::mrgreen: