Magazine #coronavirus

I pro si sfidano in virtual Everesting

I pro si sfidano in virtual Everesting

Piergiorgio Sbrissa, 03/05/2020

Nei giorni scorsi Mark Cavendish (Bahrain-McLaren) e Luke Rowe (Team Ineos) si sono sfidati (o fatti compagnia) durante un Virtual Everesting, versione virtuale su Zwift dell’ormai nota sfida di 8848mt di dislivello.

Complice il tempo piovoso (ed ovviamente la quarantena) i due britannici si sono fatti una sessione di rulli da 10h30′, per 211km. Cavendish ha commentato: “Mi tolgo il cappello a chiunque lo abbia completato a qualsiasi livello“.

La settimana scorsa Giulio Ciccone (Trek-Segafredo) è andato anche oltre, scalando virtualmente 10397mt (254km) in una sessione di più di 11h. L’italiano ha così commentato alla Gazzetta dello sport: “Ero completamente cotto, svuotato. Non riuscivo nemmeno a ricordarmi quanto tempo avevo pedalato. Ho perso più di 2kg e bruciato 9000 calorie. Mi ero promesso di mangiarmi due pizze se avessi finito il challenge, ma ero talmente stanco che ne ho mangiata solo una. Non mi sono mai sentito cosi male in bici, nemmeno dopo aver finito una corsa con il freddo e la pioggia“.

Commenti

  1. Onestamente tutte queste dimostrazioni di permanenza estrema sopra a un rullo non capisco che senso abbiano , poi che arrivino da professionisti mi sconcerta ancora di più.10 ore sopra a un rullo a qualsiasi livello servono solo a farsi del male . Per fortuna che di qui in avanti si tornerà a parlare un po' di più di ciclismo reale !
  2. Giantista:

    La pensavo esattamente come te! Pensavo alla noia di fare su e giù per la stessa salita... poi mi cimentai in un evento di gruppo e mi divertii tantissimo, ma proprio tanto tanto, perchè ogni salita (19 in totale) era un incrociarsi continuo con gli altri amici che lo facevano, le provviste che finivano e ce le dividevamo, i ritiri (tantissimi) il fatto di farlo anche per loro, la notte fredda ma stellatissima, l'alba e tante altre cose lo resero indimenticabile.
    Per questo motivo, pur non avendolo mai fatto su un rullo e, pur trovandolo noioso, penso che ognuno di noi trovi qualcosa che renda piacevole l'attività che altri non comprendono.
    Beh......farlo in compagnia di un bel gruppo deve essere una bella esperienza.........da soli, a parte il gusto della sfida, penso ci si annoi.......comunque amo contraddirmi per cui non è detto ;-DD
  3. Giantista:

    ... 600km con ristori, assistenza tecnica, mappa di tutti i bar per timbri e pisolino di 3-4 ore tra un 300 e un altro, è bello ma non è certamente eroico
    Il termine "eroico" mi sembra poco adatto per definire delle persone che vanno in bicicletta in Italia.
    Detto questo, fare un 600 o un 1000 km in autonomia totale è sicuramente una piccola avventura ed è molto diverso dal farli con un supporto.
    Anche qui, capiamoci, la "vera avventura" è altra cosa, è affrontare l'ignoto con risorse limitate, è attraversare posti sconosciuti con le sole proprie forze (non su un SUV 4x4 con telefono satellitare e gps per non perdersi).